Il verde

La presenza di spazi verdi sia all’esterno quanto all’interno delle case contribuisce, senza dubbio, a migliorare la qualità della vita non solo da un punto di vista della salute fisica ma anche psichica.

Suoni, colori, profumi ed il contatto stesso con le piante risveglia, sia negli adulti quanto nei bambini, una maggiore attenzione e sensibilità nei confronti della Natura.

Non bisogna dimenticare che le piante sono presenze reali che ci nutrono e che scandiscono il ritmo del tempo attraverso le stagioni che sono anche parte della nostra stessa esistenza!

In un contesto urbano la presenza del verde è un aspetto sempre più sentito non solo da un punto di vista estetico e di armonia ma anche fisiologico da qui la realizzazione, sempre più attenta, di parchi, giardini, viali alberati o palazzi con facciate verdi, soluzione di ultima generazione.

Queste ultime possono rivestire parzialmente ed a volte completamente l’edificio con vantaggi anche per il risparmio energetico soprattutto se posizionate sui lati della costruzione meglio esposti, ... continua


Articoli su : Il verde


1          3      4      5      6      7      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    1          3      4      5      6      7      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , proteggendoli , in tal modo, dal freddo o dal caldo eccessivo.

      Si crea così un vero e proprio microclima, l’aria risulta più depurata, si attenuano l’umidità ed i rumori, l’acqua piovana viene riutilizzata per irrigare la parte verde garantendo così un’azione antisettica e positiva sulla psiche degli inquilini.

      In un contesto più limitato come può essere la casa le soluzioni adottabili in fatto di verde non sono certo meno efficaci pensiamo alla possibilità di poter disporre di un piccolo giardino davanti alla casa, sul tetto, oppure piante sui balconi, ricorrere a piante in vasi disposte a gruppi o in verticale sulle pareti interne fino ai minigarden.

      In qualsiasi caso, indipendentemente da come gli spazi verdi vengono concepiti, hanno sempre il pregio di personalizzare anche la casa più anonima oltre a renderà più sana.

      La possibilità di disporre di un balcone oppure un terrazzo permettono di realizzare piccoli o più ampi spazi verdi che vanno però attentamente progettati.

      E’ necessario individuare con precisione l’esposizione affinché il vento, il freddo, l’eccesso di caldo o la scarsa luce possano determinare variazioni notevoli sulla vegetazione rischiando di farla morire.

      Ecco perché è importante scegliere piante ben adattate al clima locale, creando piccoli gruppi di arbusti o cespugli in maniera tale che si proteggano a vicenda.

      In caso di esposizione ai venti o al sole l’uso di tende o pergolati con piante caducifoglie contribuisce a riparare, sia lo spazio come le altre piante, dal sole estivo e favorisce l’irradiazione solare d’inverno.

      La scelta dei vasi dovrà tener conto della struttura della soletta del balcone pertanto è meglio evitare vasi in cemento o molto pesanti perché costituiscono un carico in più da evitare, sempre meglio, quindi, optare per vasi in plastica leggera.

      Nella scelta delle piante, come accennato in precedenza, meglio propendere per quelle ben adattate al clima del posto, è possibile orientarsi su differenti tipologie a seconda dell’effetto che si desidera ottenere: se si desidera creare un’efficace barriera ai rumori ed alle polveri della strada si potrà optare per piante e cespugli sempreverdi accostate a ciuffi di piantine fiorite e variopinte.

      Compatibilmente con il clima si potranno aggiungere anche piante che attirino gli uccellini come nel caso della calendula o del fiordaliso per i passerotti, mentre per il pettirosso il corbezzolo per le bacche, per il merlo e la capinera le piante di more.

      La presenza di qualche cespuglio disordinato e pungente potrà attirare merli,ciuffolotti o capinere nel periodo della nidificazione.

      La sistemazione di un buon impianto d’irrigazione a goccia, automatico, sarà la soluzione più efficace per evitare di eccedere sia con troppa o poca acqua naturalmente, specie in presenza di acqua calcarea, bisognerà provvedere ad una buona e periodica manutenzione.

      Per evitare che il freddo dell’inverno possa risultare fatale per le piante più robuste, che sono state accudite con grande passione durante la stagione più calda, è sempre consigliabile proteggere le radici spargendo sul terreno trucioli di legno, foglie o paglia oppure letamino decomposto.

      Gli agrumi potranno essere appoggiati alla parete più esposta al sole, nei climi più miti, mentre nelle zone più fredde sarà opportuno ricoprirli con teli in plastica o portarli in una veranda chiusa.

      Per le piante particolarmente sensibili la soluzione migliore rimane l’utilizzo di una serra e sul mercato è possibile trovarne di differenti dimensioni e tipologie.

      Se si ha la fortuna di abitare all’ultimo piano e di disporre di un ampio terrazzo è possibile trasformarlo, ricorrendo a semplici tecnologie, in un giardino pensile.

      Questa soluzione oltre a garantire a tutta la famiglia un piacevole e privato spazio verde presenta anche dei vantaggi da un punto di vista energetico e microclimatico da non sottovalutare.

      La terra, opportunamente posizionata su uno strato isolante, crea una vera e propria barriera termica che isola la parte sottostante dell’edificio mentre l’erba e le piante agiscono sul microclima, umidificando l’aria rinfrescando e filtrando naturalmente l’atmosfera circostante.

      Non meno efficace è l’azione benefica delle piante negli appartamenti infatti emanando grande quantità di vapore acqueo contribuiscono ad umidificare naturalmente gli ambienti spesso resi eccessivamente secchi dalla presenza dei radiatori.

      Se le piante ci aiutano a migliorare il microclima della casa è importante che anche d a parte nostra aiutarle bagnandole regolarmente ed in modo equilibrato verificando che la terra non sia mai inzuppata ma umida.

      I periodici rinnovi del terreno nei vasi favorisce l’assorbimento ed il filtraggio dei fumi e dei cattivi odori.

      Alcune piante ornamentali, come la Sansevieria trifasciata, il Philodendron, il Ficus benjamina, le dracene oltre ad adattarsi a diversi ambienti della casa sono utili alleate per la rimozione di elementi inquinanti presenti nell’aria.

      I consigli che si possono dare affinché le piante possano sopravvivere a lungo in un appartamento sono pochi ma fondamentali: sceglierle tenendo conto dell’esposizione della stanza, evitare quindi di posizionare, per esempio, a nord una pianta grassa, evitare il caldo secco e sbalzi di temperatura ma soprattutto posizionarle lontano dai termosifoni.

      Creare sempre raggruppamenti di piante, vivranno meglio e più a lungo ma soprattutto attenzione ai ristagni d’acqua.

      Interessanti sono soluzioni come i giardini verticali per interni, i quadri vegetali ed i minigarden.

      I primi, pur presentandosi come i giardini verticali per esterni, hanno una composizione più semplice e personalizzabile.

      In genere l’intera struttura, che può occupare tutta la parete, viene posizionata dove la luce è maggiore ed integrata con luce artificiale.

      Vengono realizzati con piante adeguate, con crescita lenta e colorate, ideali per vivacizzare gli ambienti della casa.

      L’irrigazione oltre ad essere automatica è anche autonoma e la manutenzione è minima .

      Molto simile è il giardino verticale è quello indoor che, per le dimensione, si presta perfettamente a decorare spazi più ampi, ma sempre interni, come reception, cavedi ed ingressi.

      L’irrigazione oltre ad essere automatica è anche autonoma e la manutenzione è minima .

      I quadri vegetali, invece, sono pannelli decorativi il cui formato può arrivare fino ad una misura di

      cm 160x120 e comunque realizzabili su richiesta, sono composti da telai d’acciaio inox per sostenere le piante e da una cornice che rifinisce la composizione ma soprattutto nasconde il sistema d’irrigazione automatico dotato di un segnalatore elettronico per la riserva d’acqua

      I minigarden sono dei sistemi innovativi, di scarso ingombro ma molto efficaci soprattutto se inseriti in una cucina, composti da moduli impilabili o contenitori da appendere, permettono di coltivare piantine aromatiche, ortaggi o piante ornamentali come fragole e risultano, anche, particolarmente decorativi.