Lampadari

Sono diversi per forme, colore, stili, arredano la nostra casa, caratterizzano angoli anonimi, sono dei complementi d'arredo davvero indispensabili per la nostra abitazione. Si tratta dei lampadari, veri alleati non solo per la definizione corretta dei punti luce, ma anche per regalare un tocco di personalità alla nostra abitazione. Naturalmente per ogni stanza andrà scelto un lampadario differente che si adatti al tono e alle esigenze dell'ambiente. Dovrà essere sospeso a un'altezza elevata, se la stanza in cui lo collochiamo è piccola, così da diffondere meglio la luce, al contrario dovrà essere posizionato ad un'altezza inferiore in corrispondenza, di un tavolo, o di un piano da lavoro così da ottenere un'illuminazione più puntuale. Soffusa dovrà essere invece la luce che il nostro lampadario emette in zona televisione: così da evitare il riflesso che sullo schermo della tv e non affaticare i nostri occhi. Funzionalità si diceva, ... continua

Articoli su : Lampadari


1          3     

Salotto colorato e luminoso
Lampadari Mondo Convenienza
L'illuminazione è un elemento essenziale dell'arredamento di ogni ambiente, luci soffuse o luminose determinano l'atmosfera del locale , così come la tipologia di diffusore scelta e la sua collocazion ... vai alla pagina Lampadari Mondo Convenienza
cattelan lampadari
Guida alla scelta lampadari per camera da letto
Scegliere il punto luce per la zona notte è una questione di rilevante importanza e proprio per questo merita oculata ricerca. La scelta varia tra lampadari a sospensione, applique a parete oppure lam ... vai alla pagina Guida alla scelta lampadari per camera da letto
lampada design sospensione
Lampadari di design per lo spazio living
Quando si desidera illuminare lo spazio living con stile è possibile valutare la scelta di luci che siano una o più, in base alla dimensione. Infatti, in alcuni casi è necessario differenziare gli am ... vai alla pagina Lampadari di design per lo spazio living
Lampadari moderni
Lampadario kartell: per avere un lampadario di design
Fondata nel 1949 da Giulio Castelli l’azienda Kartell è leader del design, simbolo della progettualità Made in Italy. Icone del design contemporaneo, tutti i mobili, i complementi ... vai alla pagina Lampadario kartell: per avere un lampadario di design
Lampadari camera da letto
Lampadari camera da letto: consigli per gli acquisti
La camera da letto è uno spazio che necessita di una particolare illuminazione, che sia delicata e soffusa al risveglio, forte e decisa quando ci si veste. Nella scelta dei lampadari per la ... vai alla pagina Lampadari camera da letto: consigli per gli acquisti
lampadari camera da letto
Lampadario camera da letto: consigli per scegliere le lampade per la camera da letto
L’illuminazione in una camera da letto è una questione di stile: vi spiegeremo come avere una luce modulabile che si adatti al momento in base alle necessità. Il lampadario came ... vai alla pagina Lampadario camera da letto: consigli per scegliere le lampade per la camera da letto
lampadari economici
Lampadari economici: design low cost
I lampadari economici possono essere realizzati in modo sicuro e molto gradevole, con materiali dal costo piuttosto basso. Il lampadario è un elemento che in molti casi attribuisce il suo cost ... vai alla pagina Lampadari economici: design low cost
lampadario industriale cucina
Lampadari cucina
Fino a qualche tempo fa era chiaramente distinguibile lo stile dei lampadari cucina da quello di tutti gli altri spazi di casa, poiché erano connotati da uno stile inconfondibile: erano innanzi ... vai alla pagina Lampadari cucina
Lampadario a sospensione per cucina
Lampadari a sospensione per cucina
Quando dobbiamo scegliere i lampadari a sospensione per cucina è bene decidere tenendo in considerazione i gusti personali ma anche lo stile dello spazio che è già presente all’interno dell’ambiente d ... vai alla pagina Lampadari a sospensione per cucina
lampadario martinelli luce
Lampadari moderni: il design illuminotecnico
I lampadari moderni entrano nelle nostre case e assumono ruolo sempre più preponderante nell’arredo, divenendone spesso, protagonisti, con le loro forme importanti, eccentr ... vai alla pagina Lampadari moderni: il design illuminotecnico
1          3     

prosegui ... , ma anche estetica, bellezza: come sceglierlo? Cosa si adatta meglio alla nostra casa, all'ambiente in cui ci troviamo?

Guardiamoci intorno, diamo un'occhiata ai mobili della nostra abitazione: se il suo look è moderno, comtemporaneo, la scelta del lampadario dovrà ricadere su un oggetto di design, dalla forma asimmetrica, a metà strada tra il complemento d'arredo e l'opera d'arte. Possiamo scegliere tra il rigore geometrico di quelli in metallo, in policarbonato, dalle forme scultoree, molto severi nella loro struttura, spigolosi, che filtrano una luce diretta e molto drastica, conferendo alla stanza un aspetto quai teatrale, drammatico, alle più rassicuranti sfere lattiginose, ce ne sono in tutte le dimensioni, dal tono altrettanto contemporaneo però più rassicurante. Spesso in vetro, ma più frequentemente in plastica, questo tipo di lampadario filtra una luce rassicurante e calda, che si diffonde in tutto l'ambiente.

Ha quasi l'aspetto di una creatura marina antichissima, che galleggia mollemente, sospesa al centro della nostra stanza. Se abbiamo intenzione di stemperare, ammorbidire, il rigore dell'ambiente in cui andiamo a collocare il lampadario, possiamo decidere di interrompere tanta severità con un gesto shock: acquistiamo uno di quei lampadari pieni di pendenti, festoni e candelabri che strizzano l'occhio alle manifatture di murano, ma anche alla soffitta della nonna: ce ne sono di tanti e di tutti i prezzi. Completamente trasparenti, oppure monocromi, o, meglio ancora, multicolor, così da denunciare tutta la loro intenzione giocosa. Leggerissimi, spesso sono realizzati in una plastica che non vuole sembrare altro da sé, così da avere un incredibile effetto sorpresa: nulla c'è di meglio che declinare una forma retrò in un materiale sfacciatamente moderno, il nostro lampadario, anche il più barocco verrà sdrammatizzato in un attimo dalla leggerezza e dalla semplicità del pvc. Ma magari la nostra casa ha un tono più classico, più tradizionale, e allora la scelta del lampadario dovrà ricadere su un modello più sobrio.

A meno di non dover illuminare un salone delle feste, evitiamo di aggiungere forme pompose, baroccheggianti ad un mobilio già impegnativo di per sé. Otterremo un non sempre felice effetto bomboniera. Possiamo conservare i materiali della tradizione: ottoni, bronzi, e se preferiamo anche la foggia del candelabro, ma scegliamo sempre linee pulite: evitiamo, nei limiti del possibile di acquistare un lampadario troppo ricco, il risultato finale non sarà armonioso. Più semplice, di solito, è la scelta per il lampadario della cucina: Per questa stanza la scelta del lampadario dovrà seguire una direttiva estetica, oltre che funzionale: la cucina è infatti la stanza dove più di tutte si producono e si addensano odori, fumi, e in poco meno di qualche mese il lampadario sarà ricoperto di una patina gialla e unta. Scegliamo dunque un modello che sia facilmente lavabile, senza troppe sfaccettature, né interstizi. Che fornisca molta luce -la cucina è la stanza nella quale passiamo più tempo- e che naturalmente si adatti allo stile della stanza.

Di solito in cucina è molto presente la maiolica: andiamo da un artigiano ceramista, facciamoci realizzare un lampadario con lo stesso decoro del rivestimento che abbiamo scelto per le pareti o per il pavimento, o quanto meno con la stessa gamma cromatica. La cucina si colorerà di un tocco unico, personalizzato. Se preferiamo la tinta unita, scegliamo un plexiglass dalla forma molto semplice, lineare, che diffonda bene la luce e si pulisca facilmente con una spugnetta umida. Collochiamolo in alto, ma al centro del tavolo: illuminerà la stanza e al tempo stesso sarà diretto sulla zona pranzo.Le lampade sono un pezzo di arredamento la cui scelta riesce a divertire sia grandi che piccoli, principalmente perché permette di liberare la propria creatività. Esistono, infatti lampade di qualsiasi forma, materiale, modello e colore, adatte ad ogni tipo di casa o struttura e sono tantissimi gli architetti di interni di tutto il mondo che, colpiti dalla eccessiva domanda, hanno deciso di disegnare linee adatte a tutti i tipi di tasche. I materiali usati per la realizzazione di lampade sono: metalli coperti da materiale isolante. La plastica. La gomma. Il legno. Il vetro trasparente o colorato. Il cristallo. Porcellana. Stoffa plastificata. Carta trattata.

Paglia. Marmo. Ci sono lampade da tavolo, lampade da terra, ovvero alte e da sistemare sul pavimento, lampade che si applicano sul muro, lampade per lettura serale da collegare all'armadio, o ai bordi del letto. Stupende lampade da sistemare sempre sul pavimento magari al centro di una sala in grado di regalare un favoloso effetto scenico. Quando si pensa alla lampada si immagina sempre il classico paralume con base rigida privo di fantasia o colore oppure la classica lampada statica da scrivania o da comodino. Bisogna dimenticare questi canoni ed immaginare la lampada come un pezzo innovativo, non più solo funzionale ma soprattutto estetico. Particolarmente richieste sono le lampade di stoffa o carta trattata, tipo le fantastiche lanterne orientali che trasmettono pace e grazie ai loro colori brillanti sono anche piacevoli di osservare.

Altre lampade sono fatte di legno intrecciato. Le forme sono svariate. Possono essere cilindriche, ovali, quadrate, rettangolari, avere forme non ben definite quasi come se fossero sculture contemporanee fatte di puro legno. Oppure un susseguirsi di quadrati di legno che salgono ad aspirale. Ma ci sono anche lampade adatte alle camerette dei bambini le cui forme ricordano simpaticissimi animaletti di legno. La particolarità di queste lampade è che spesso sono intagliate e questo dettaglio regala un particolare effetto soprattutto di notte. E non è tutto, infatti esistono persino lampade sistemate su un treppiedi di legno. Lampade a forma di mollette per gli indumenti o che ricordano solo la sagoma di oggetti comuni ma particolarmente eleganti e raffinati.

Ma anche il vetro è stato rivalutato. Oltre ad essere modellato come se fosse morbida materia da plasmare con le mani, realizzando morbide linee o angoli acuti, trova anche il sostegno dei colori classici oppure selezionati proprio per sottolineare l'aspetto brillante dello stesso vetro. Si parla o di pezzi singoli tutti di vetro che offrono svariate forme oppure lampade composte da più pezzi sia in vetro che con paralume di mosaico di vetro e base di ferro battuto. Le lampade di vetro con paralume a mosaico, sono modelli rari e richiesti perché ricordano un particolare arredamento anni '30 e l'aspetto retrò va sempre di moda. Non meno comuni sono le lampade da applicare al muro e ricordano vere e proprie lanterne di vetro coloratissimo.

Altro materiale usato è la porcellana. Di sicuro sono modelli imponenti, opachi, con superfici lucide e brillanti. si tratta di grosse lampade da sistemare sul pavimento o lampade da mettere sulla scrivania oppure accanto al letto. Le forme sono veramente ricercate, bizzarre sono ad esempio quelle che ricordano grossi scacchi da sistemare su un bianco pavimento come se la sala fosse una galleria d'arte. Di sicuro più stabili sono le lampade in marmo. Il marmo può essere considerato un materiale non adatto ad una lampada eppure il suo utilizzo ha rivoluzionato l'immagine della lampada stessa. Ed anche se il materia si mostra giusto un po' "pesante" solo da guardare, le forme rendono lo stesso marmo qualcosa di apparentemente leggero e dinamico. I colori sono: marmo nero, marmo rosa, marmo con venature, marmo bianco e le forme sono spesso geometriche e con ampi angoli. Possono ricordare solo le sagome degli oggetti oppure sono veri e propri corpi riempiti.

L'effetto mosaico è realizzato anche con il marmo colorato che ricorda disegni geometrici precisi oppure forme realizzate con libera fantasia. Forse, l'azzardo per eccezione nel mondo delle lampade di marmo riguarda la realizzazione di un bizzarra lampada in marmo intagliato, una tale perfezione e leggerezza che ricorda un pezzo di cartone tagliato con forbici piuttosto che una vera e propria roccia come il marmo.