4 Consigli utili sulle stufe a pellet

Scopri come funziona una stufa a pellet

Una stufa a pellet rappresenta un' alternativa ecologica ed economica per il riscaldamento delle abitazioni durante i mesi più freddi dell’anno. A differenza dei camini o delle stufe tradizionali alimentate a gas o a legna, questa tipologia di stufe utilizza come combustibile esclusivamente il pellet .

Se vi state chiedendo come funziona una stufa a pellet sappiate che non differisce molto da una comune stufa. Il calore è prodotto dalla combustione del pellet che viene caricato in un serbatoio. Un apposito meccanismo ne regola il rilascio graduale in relazione all'apporto di aria necessaria per l'avvio della combustione. Le stufe a pellet funzionano con la corrente elettrica.

L'aria calda viene poi convogliata verso l'esterno della stufa a pellet tramite ventole, mentre i fumi espulsi attraverso un ventilatore. Il pellet è un combustibile ecologico e totalmente atossico ricavato dagli scarti della lavorazione del legno e si presenta come piccoli cilindri compatti di segatura.

In foto Julie, la nuova stufa a pellet di Palazzetti con tecnologia brevettata Ecofire. Dal design ricercato e raffinato, questa stufa si abbina ad ogni stile di arredo.

come funziona una stufa a pellet


Quanto consuma una stufa a pellet

Quanto consuma una stufa a pellet Abbiamo già detto che le stufe a pellet sono un’alternativa economica ai metodi di riscaldamento tradizionali delle abitazioni, ma, nello specifico, quanto consuma una stufa a pellet?

Per avere una risposta occorre valutare diversi fattori:

  • Consumo settimanale di pellet
  • Consumi elettrici
  • Isolamento termico abitazione
  • Metratura abitazione

Maggiori saranno le dimensioni dell’abitazione, quindi, maggiori saranno i consumi della stufa a pellet . Facciamo due conti: in media, per riscaldare un appartamento di circa 60 metri quadri, per 12 ore al giorno, sono necessari all’incirca 15 kg di pellet che equivalgono ad un sacchetto il cui costo si aggira mediamente intorno ai 4,50 euro.

Utilizzando una stufa a metano, invece, per ottenere le stesse prestazioni sarebbero necessari almeno sei euro al giorno, ovvero, 1,5 euro in più. In un mese, quindi, il risparmio si aggira intorno ai 45 euro. È evidente, quindi, come la scelta di installare una stufa a pelletnella propria abitazione può rappresentare un notevole risparmio a fine mese.

Garantisce consumi ridotti e altissime prestazioni la stufa ventilata a pellet Luisella di La Nordica Extraflame. Disponibile in nero opacissimo e bordeaux.

  • Caminetti Montegrappa linea Pellet Caminetti Montegrappa, società leader nella produzione e commercializzazione di caminetti e stufe di alta qualità e design, propone nuovi apparecchi che rappresentano la massima espressione del know h...
  • Stufa ecocompatibile in soggiorno MCZ presenta una linea di stufe a pellet design che rispettano l’ambiente. Mcz ha scelto di proporre prodotti conformi alle linee guida europee in tema di eco-compatibilità: nella progettazione delle ...
  • Caminetto stufa rosso in soggiorno I problemi legati al clima, all’inquinamento e al crescente prezzo del petrolio, spingono a utilizzare fonti alternative come legna e pellet, per un calore ecologico ed economico. Presupposti che da a...
  • palazzetti stufe a pellet ecofire Protagonista del mondo del fuoco, ancora una volta Palazzetti Stufe a Pellet presenta prodotti tecnologicamente superiori: le nuove stufe a pellet Ecofire idro ermetiche, che garantiscono rendime...


Come si pulisce una stufa a pellet

Come si pulisce una stufa a pellet Vediamo adesso come si pulisce una stufa a pellet. Come prima cosa bisogna svuotare la camera di combustione eliminando tutti i residui di pellet e rimuovere tutte le parti mobili e pulirle con un panno. Se si tratta di stufe da 14 kW e 11 kW è necessario smontare bruciatore e tagliafiamme. Per quelle da 8,5 kW non va smontata nessuna parte.

Come si pulisce una stufa a pellet all’interno:

  • Svitare le viti e rimuovere le tre piastre di ghisa e l'anello di stoffa sottostante
  • Aspirare le impurità e lo sporco con un aspiratore
  • Rimuovere lo sportellino che protegge la parte interna
  • Aspirare sporco dal motore
  • Riposizionare lo sportello
  • Riposizionare l’anello di stoffa e le piastre nei rispettivi vani
.

Almeno una volta all’anno, inoltre, è necessario effettuare una pulizia della canna fumaria della stufa a pellet che deve essere effettuata da un tecnico specializzato. È possibile acquistare kit fai da te, ma, occorre buona manualità e spesso sono molto cari.

Focolare in ghisa, ventilatori indipendenti e un moderno design a clessidra, sono le caratteristiche principali di Cherie Up di Edilkamin.


4 Consigli utili sulle stufe a pellet: Guida ai prezzi delle stufe a pellet

prezzi delle stufe a pellet Il prezzo di una stufa a pellet varia in base a diversi fattori, come le dimensioni della stufa, i materiali utilizzati per la sua realizzazione e le caratteristiche proprie dell’elettrodomestico. Ecco una breve e pratica guida ai prezzi delle stufe a pellet che vi aiuterà a scegliere il modello giuste per le vostre esigenze e necessità.

In linea di massima, per riscaldare un ambiente al di sotto dei 60mq è sufficiente una stufa a pellet da 4 kW, il cui costo è di 800/1000 euro. Per ambienti più grandi, fino a 80mq, occorre acquistare una stufa a pellet di 8,5 kW che ha un costo leggermente superiore poiché una stufa di queste dimensioni costa 1200/1400 euro. Una stufa da 12 kW, invece, parte da un costo di 1600 euro, ma, consente di riscaldare ambienti molto grandi (circa 100mq).

Il costo aumenta sensibilmente se si necessita di stufe in grado di riscaldare ambienti molto ampi come nel caso delle stufe a pellet di 18 kW che costano 3500/4000 euro, ma, consentono di riscaldare ambienti di 160 mq.

Ideale per riscaldare ogni tipo di ambiente è la stufa a pellet Ray di MCZ disponibile con frontale in pietra o in ceramica. Dotata di due uscite di aria per riscaldare più ambienti contemporaneamente.