Arredare un monolocale

Lo spazio ridotto al minimo per arredare un monolocale

Quando la scelta di abitazione risiede in un monolocale, lo spazio a disposizione deve essere considerato molto prezioso e valutato con tanta cura.

Nel monolocale lo spazio che arrederemo deve essere considerato impeccabile oltre che funzionale poiché è uno spazio che mette tutto a vista, dove si mangia, dove si dorme, dove si studia, dove ci si rilassa e dove si cucina, quindi non permette errori di sorta, che siano estetici o funzionali.

È fondamentale anche definire il colore che si vuole improntare, poiché ogni spazio “suddiviso” merita di essere caratterizzato cromaticamente.

Infatti, se nello spazio cucina caratterizziamo il muro con un rosso acceso, possiamo osare nel lato notte con un verdino oliva oppure un tortora, che renderanno lo spazio gradevole senza chiudere.

Attenzione ai colori troppo scuri: il monolocale è già di piccole dimensioni, lo scuro sulle pareti tende a ridurre ancora di più percettivamente lo spazio. 

arredamento monolocale moderno


La zona notte per arredare un monolocale

letto matrimoniale a scomparsa clei Quando si parla di arredare un monolocale nello spazio dedicato alla notte, è importante che la scelta del letto sia appropriata e corretta: è bene, infatti, scegliere letti richiudibili, magari che si possano trasformare in divano, come il futon, o altre soluzioni simili.

Il letto deve essere multiuso perché se scegliamo una soluzione di letto matrimoniale classico, toglieremo troppo spazio utile all’ambiente e ne risulterebbe saturo e carico.

Inoltre, molto importante cercare di celare o comunque dividere in parte i due spazi anche solo con una libreria o con un piccolo paravento per assicurare una certa privacy, un angolo che resti un pochino più privato nei momenti di riposo e di notte.

Attenzione anche ai tessuti che utilizziamo sia per la biancheria letto sia per i tessili: le fantasie devono essere non troppo grandi e importanti poiché creerebbero caos nell’ambiente rendendolo percettivamente più piccolo. 

  • interno monolocale moderno Quando l’appartamento da arredare è un monolocale lo spazio può essere di differenti dimensioni: dal piccolo ambiente di superficie minima, fino al grande monolocale open space, di tutto stile.Il su...
  • parete attrezzata moderna Quando si deve arredare la casa molto spesso non si sa da dove partire: ecco funzionali idee per la casa per arredare al meglio.Ingresso: luogo fondamentale questo perché è lo spazio che accoglie ...
  • arredare un loft moderno e minimalista Il loft è una delle tipologie abitative più in voga degli ultimi anni: un ex laboratorio industriale che cambia destinazione d’uso per diventare una luminosa, spaziosa e ariosa abitazione aperta.Uti...
  • arredare mansarda Mansarda, che passione! In effetti si tratta di uno spazio affascinante, seppur spesso ritenuto poco sfruttabile per via degli elementi tipici di questo genere abitativo: tetto a falde e vani di forma...


Arredare un monolocale con la luce

cucina board snaidero Quando desideriamo arredare un monolocale è fondamentale tenere in considerazione anche l’apporto dell’atmosfera e della funzionalità che creano le luci.

È importante creare una corretta illuminazione secondo la disposizione degli spazi: ad esempio in cucina è fondamentale una luce puntuale ma diffusa che renda ben illuminato il piano di lavoro.

Quindi, sì a faretti o ancora meglio a strisce di LED che rendano illuminazione forte e uniforme.

Discrezione e atmosfera per lo spazio notte e per lo spazio relax: lampade da terra, applique alle pareti verticali e faretti bidirezionali completeranno lo spazio rendendolo molto gradevole.

No a luci violente e troppo potenti che brucerebbero otticamente lo spazio.

 


Come arredare un monolocale

Come arredare un monolocale Arredare un monolocale in modo da renderlo accogliente, funzionale e confortevole non è molto difficile, soprattutto considerando le numerose soluzioni salvaspazio oggi proposte dalle aziende operanti nel settore dell’arredamento: divani letto, tavoli allungabili, sedie pieghevoli, letti e scrivanie a scomparsa, letti con contenitore sono degli alleati davvero preziosi che consentono di ottimizzare la superficie disponibile e al tempo stesso caratterizzare l’ambiente nel segno del design e del buon gusto. A ciò si aggiunge la modularità, che sta diventando un requisito praticamente indispensabile e consente di progettare mobili in base alle esigenze e ai gusti individuali. Una libreria, per esempio, può essere sviluppata nel senso dell’altezza o composta da vani aperti e vani chiusi e altri elementi che permettano di organizzare al meglio gli oggetti di cui si dispone, andando molto oltre i libri. E lo stesso dicasi per gli armadi, che assumono le forme e le dimensioni desiderate senza particolari limiti di sorta. Una volta definito lo stile, dunque, un buon metodo consiste nel destinare idealmente ciascuna parete a quella che dovrebbe essere una stanza: cucina, zona pranzo, living, camera da letto. Il bagno, ormai in tutti i monolocali, è un ambiente a sé stante e quindi il problema non si pone. Spingete sulle altezze, dando loro la medesima importanza dell’orizzontalità: in tal modo potrete davvero sfruttare ogni metro quadrato, calpestabile e non.


Arredare monolocale

Arredare monolocale Arredare un monolocale: si tenga sempre presente che il bianco e le tonalità neutre, così come le superfici lucide e/o laccate, illuminano l’ambiente e lo fanno sembrare più ampio. I colori scuri oppure troppo accesi e vivaci, al contrario, tendono a rimpicciolirlo ulteriormente e tolgono luce. Un’interessante soluzione di arredo, per quanto riguarda il monolocale, è il letto a ribalta verticale che una volta chiuso si presenta del tutto simile all’anta di un mobile. Alcuni modelli inoltre sono progettati in modo che, su quella che poi diventa la base del letto, possano essere fissate delle mensole sulle quali poggiare qualsiasi tipo di oggetto. Altra idea da promuovere a piena voti è la libreria bifacciale, che suddivide lo spazio (per esempio separando la zona notte dalla zona giorno) senza togliere luminosità e limitando l'ingombro, di contro mettendo a disposizione un’ottima capacità contenitiva. Ancora, molto apprezzate sono le scrivanie sospese, moderne e pratiche oltre che elegante, che lasciano libero il pavimento e trasmettono un senso di maggiore ariosità.


Arredamento monolocale

Arredamento monolocale Se il vostro monolocale ha un soffitto molto alto, si può sfruttare tale spazio verticale costruendo un soppalco per poi adibirlo a zona notte. Nel caso in cui ciò non sia possibile, occorre allora puntare su arredi progettati nel segno dell’efficienza e della modularità e che allo stesso tempo permettano di concretizzare un alto livello di personalizzazione. Uno dei trend attualmente più gettonati, si sa, consiste nella fusione fra cucina e zona living, resa possibile in primis da isole e penisole. Ebbene, tale soluzione può rivelarsi vincente anche per quanto riguarda i monolocali, ovviamente optando per composizioni ad hoc ovvero progettate in base allo spazio di cui si dispone. La penisola può sostituire il tradizionale tavolo da cucina oppure fare da “spalla” al divano, molto dipende anche dalle abitudini e dalle preferenze personali. Non esagerate con i complementi e gli accessori, che minacciano di sottrarre spazio prezioso e/o di rimpicciolire visivamente l’ambiente: questo secondo caso, per esempio, è riscontrabile nel caso di un tappeto troppo grande che toglie ariosità e luminosità all’ambiente. Lo stile minimalista, al contrario, è perfetto per un monolocale in quanto basato sui principi dell'essenzialità, della pulizia formale e dell'efficienza.


Arredo monolocale

Arredo monolocale Per arredare al meglio un monolocale una buona idea consiste nel cominciare definendo gli arredi di cui non si può fare a meno e che variano notevolmente in base alle singole necessità e abitudini. C’è chi, per esempio, non rinuncerebbe mai al letto e chi invece non ha alcuna difficoltà nel dormire tutte le notti su un divano letto; c’è chi considera irrinunciabile un buon tavolo e chi può sostituirlo senza alcun problema con il bancone di una penisola o un semplice tavolino. C’è chi ama le librerie e chi le guarda con occhio del tutto indifferente; chi possiede numerosi abiti e di conseguenza non può rinunciare a un armadio. Prendete carta e penna, dunque, e stilate un elenco completo e preciso di ciò che per voi è indispensabile. Poi procedete con un elenco dei mobili e dei complementi che vi piacerebbe avere nel vostro appartamento, ma che non sono di primaria importanza. Prendetevi un po’ di tempo per passare in rassegna le numerose fotografie disponibili online perché possono diventare spunti validissimi. Se ne avete la possibilità, rivolgetevi a un arredatore o comunque un esperto del settore che sappia proporvi soluzioni salvaspazio adatte al vostro caso specifico.