Attrezzature interne

C’è chi sceglie una cucina classica e chi invece acquista una cucina moderna; chi predilige lo stile tradizionale e chi si lascia sedurre da quello contemporaneo. Al di là di queste differenze, la cucina resta la regina della casa e deve sempre possedere un requisito ben preciso: la praticità. Fortunatamente le nuove tecnologie, unite alle ricerche sempre più accurate degli interior designer, consentono di produrre modelli di cucine sempre più sofisticati, funzionali, che soddisfano anche qualsiasi esigenza estetica e stilistica.  Spesso quando effettuiamo l’acquisto di una cucina non prestiamo molta attenzione ai dettagli responsabili del deterioramento dei mobili ma ci soffermiamo soltanto sugli aspetti più esterni: il colore, le rifiniture, gli accessori. Diamo ad esempio un’occhiata alle attrezzature interne dei nostri mobili da cucina: molto probabilmente i binari dei cassetti non agevolano più una facile scorrevolezza, ... continua

Articoli su : Attrezzature interne


1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
1          ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
prosegui ... , le griglie dello scolapiatti si stanno arrugginendo, le cerniere cominciano a cedere squilibrando l’assetto delle ante, le maniglie incerte rischiano di rimanerci in mano. Evitiamo di trovarci in futuro nuovamente di fronte a situazioni del genere, scegliamo con cura le attrezzature interne.

La tendenza ormai molto diffusa degli open space porta inevitabilmente a circondarsi di “mobili rifugio”, all'interno dei quali far praticamente scomparire tutto ciò che non vogliamo mostrare alla vista dei nostri ospiti; al tempo stesso, però, rimane l'esigenza di tenere tutto a portata di mano. Sempre più diffuse appaiono le cucine che propongono sofisticati sistemi interni per riporre cibi, tessili, posateria, pentole, coniugando la duplice esigenza di funzionalità e design. Ma vediamo a cosa ci riferiamo quando parliamo di attrezzature interne: tra le più funzionali ci sono i cosiddetti 'tiramigiù', ossia quei sistemi che consentono di far scorrere i pensili tramite un sistema di binari meccanico oppure elettrificato, particolarmente utile nel caso di pensili da cucina collocati davvero in alto.

Assecondano la stessa esigenza, quella cioè di avere tutto a vista e a portata di mano, anche quelle soluzioni, solitamente adottate nelle cucine angolari, che prevedono dei pensili girevoli. Si tratta di una attrezzatura interna che sfrutta la praticità dello spigolo: l'angolo infatti regala una profondità tale da poter riporre davvero molti oggetti nel nostro mobile, spesso ingombranti elettrodomestici o pentole fuori misura. Di norma il rischio è che, una volta messi via, certi oggetti vengano dimenticati e diventino inservibili. Con i pensili girevoli il problema è risolto: queste strutture, realizzate di solito in metallo leggero, su due o più piani, ruotano intorno a un perno centrale, così da poterci consentire di trovare immediatamente, con una piccola rotazione, quello che ci serve. A differenza dei pensili tiramigiù, quelli girevoli sfruttano il “principio dei 360 gradi” in orizzontale piuttosto che in verticale.

Attrezzature interne mobili cucina

Fra le attrezzature interne più gettonate e funzionali figurano quelle realizzate per i vani sottolavelli. Sono in particolare cestelli estraibili che si applicano nel suddetto spazio per sfruttarne tutta l'altezza e la profondità. Un tempo erano concepiti per ospitare una sola pattumiera, apribile con un sistema a molla oppure tramite pedale, ma ormai, in tempi di raccolta differenziata obbligatoria, vengono realizzati in modo da ospitare una o più pattumiere oltre a flaconi di detersivo, spugne, prodotti per la pulizia della casa, sacchetti dell'immondizia, pastiglie per la lavastoviglie; il tutto si “incastra” quasi magicamente intorno al sifone del lavabo.

La grande frequenza con la quale questi mobili vengono aperti e chiusi fa sì che siano dotati, come poi anche i cassetti, di un sistema di ammortizzatori che impedisce ai vari elementi di sbattere violentemente tra di loro, causando, oltre che scheggiature e graffi, anche l'alterazione dell'assetto delle ante, danneggiando l'intero mobile. Se la nostra cucina non ne è dotata, possiamo scegliere in alternativa prodotti similari, batterie di pattumiere estraibili salvaspazio o carrelli per detersivi: i grandi supermercati del mobile, ma anche i negozi che vendono articoli per la casa, hanno messo sul commercio prodotti universali, ovvero compatibili con la maggior parte dei mobili già presenti nelle nostre cucine.

Molto utili, e di conseguenza sempre più richieste, sono anche le colonne estraibili con cestelli regolabili in altezza per una massima personalizzazione; alcune aziende propongono pure le versioni estraibili e al contempo girevoli. Ormai immancabili, anzi possiamo dire indispensabili, gli accessori contenuti all’interno di cassetti e cestoni. La scelta è assai vasta e comprende soluzioni personalizzabili in base alle esigenze e al tipo di utilizzo della cucina: si va dal portaposate (con la divisione per forchette, coltelli, cucchiai e cucchiaini) alla sezione per gli utensili, dal portatagliere ai portacoltelli professionali e ai vani sagomati per grattugie, dalle rotelle tagliapasta agli sbucciapatate e agli schiaccianoci. Per chi ama preparare i dolci, inoltre, il mercato propone soluzioni ad hoc; per esempio cassetti progettati per il contenimento di stampi, formine, beccucci, siringhe e fruste e collocati proprio sotto il piano di lavoro.

Per gli appassionati del buon vino esistono invece cassetti strutturati in modo da sistemare le bottiglie a portata di mano. Proprio perché più ampi, i cestoni si prestano a molteplici funzioni: oltre alla possibilità di avere veri e propri cassetti interni, sono adatti a oggetti molto più grandi quali piatti, pentole, barattoli per pasta, bottiglie e addirittura anche i contenitori per la raccolta differenziata. Dotarsi delle giuste attrezzature interne per la cucina significa inoltre scegliere i più mobili dispensa più pratici, magari dotati sia di cestoni interni che di ripiani. Ottimi i modelli in cui i cassettoni possono essere estratti singolarmente e senza alcuno sforzo, assicurando un accesso diretto sia dal lato anteriore che dai lati esterni. I cestoni interni offrono sempre una buona panoramica sulle provviste, di conseguenza queste ultime possono essere utilizzate in tempo utile e si nota subito ciò che manca.

Accessori interni cucina

La cucina è il cuore pulsante di ogni casa, ma anche un luogo di lavoro in cui è importante sentirsi a proprio agio e muoversi facilmente, nel segno della massima organizzazione. Portare ai massimi livelli la praticità d’uso sella cucina senza intaccarne l’estetica e senza sprecare centimetri preziosi è possibile grazie a specifiche attrezzature e accessori interni, che consentono anche di mantenere ogni cosa sempre in ordine. Per quanto riguarda la dispensa, per esempio, si consiglia di evitare i ripiani fissi e installare invece rastrelliere e cestelli estraibili che danno accesso al contenuto in modo rapido e immediato. L’area sotto-lavello invece può essere dotata di scaffalature e/o di sistemi per distribuire i rifiuti e collocare i prodotti per la pulizia.

Gli spazi per la sistemazione di stoviglie e alimenti devono essere facilmente e immediatamente accessibili; a tal fine, una valida soluzione coincide con i piani rotanti e i cassetti scorrevoli. Ergonomici e pratici, i piani rotanti possono essere rotondi, a semicerchio oppure a forma di fagiolo. I materiali più utilizzati sono la plastica antiurto, garanzia di resistenza e robustezza, e l’acciaio inossidabile, che rende i piani capaci di sopportare carichi maggiori e ne prolunga la durata nel tempo. Quando si parla di accessori interni per la cucina, si parla anche di scomparti scorrevoli, perfetti in primis per liberare spazio prezioso intorno al lavello e al piano di lavoro. Le colonne scorrevoli sono generalmente utilizzate per riporre spezie e bottiglie, mentre i cestelli scorrevoli servono principalmente per i piatti, i detergenti e altri oggetti. Alcuni vani multiuso dispongono anche di una tasca di tessuto integrata nella quale riporre il pane. 

C’è da dire che il settore delle attrezzature interne cucine è in costante evoluzione, di conseguenza sul mercato vengono spesso lanciate soluzioni nuove e innovative. Alcune aziende, per esempio, producono e commercializzano cassetti a due piani: quello superiore offre accesso diretto agli oggetti che si utilizzano con maggiore frequenza, per esempio le posate; quello sottostante raddoppia lo spazio disponibile con eleganza e discrezione e si configura quasi come un vano “segreto”. Molto interessanti anche i fondi dei carrelli e dei cassetti realizzati con materiali antiscivolo (strisce gommate, per l’esattezza) e i canali integrati nelle superfici di lavoro, davanti alla parete posteriore della cucina, alla fine oppure al centro di un'isola di preparazione. Sotto il coperchio in alluminio si celano numerosi utensili e collegamenti elettrici e addirittura barattoli di vetro.

Forse non tutti ci pensano ma anche le ante possono essere attrezzate in modo da offrire spazio aggiuntivo. Più precisamente ci riferiamo ai telai, allestiti con specifici sistemi che consentono di sistemare vari oggetti, sia pur di dimensioni e spessori ridotti. Da qualche tempo è possibile reperire in commercio tavoli in acciaio a scomparsa inseriti all’interno di isole o di penisole o di composizioni a parete: pure questi fanno parte delle attrezzature interne mobili cucina e rivelano una notevole efficacia. Quando non servono, spariscono in poche mosse ed è davvero come se non ci fossero. Tali superfici di appoggio supplementari, in alcuni casi, consentono una rotazione orientabile con varie angolazioni a seconda delle esigenze. Ciò significa che è possibile posizionare il tavolo anche su un lato oppure in linea con il top.