Consigli Cucine : piani cucina

Piani cucina, quali scegliere? Bella domanda se pensiamo alla ricca e corposa offerta che ci viene proposta dal mondo dei mobili da cucina. Oltre ai materiali tradizionali, sono infatti entrate in commercio soluzioni altamente tecnologiche, materiali compositi e dotati di caratteristiche speciali, capaci delle migliori prestazioni. Per orientarci in questo vasto settore, la cosa che dobbiamo fare inizialmente è concentrarci sulle nostre necessità. Dobbiamo tenere in considerazioni alcuni aspetti fondamentali nell'arredare la nostra cucina, ovvero: estetica, praticità, resistenza e prezzo. L'aspetto visivo del top da cucina deve allinearsi allo stile ed ai cromatismi di basi e pensili, avremo infatti materiali più adatti a cucine moderne come l'acciaio ed il gres ed altri più intonati a cucine di stile rustico, come il legno ed i piani piastrellati per le cucine in muratura, altri ancora maggiormente indicati ad arredi classici ed eleganti, come il marmo e la pietra naturale.

Funzionalità e durabilità sono altri due elementi fondamentali da tenere a mente. I piani cucina devono infatti essere igienici e facilmente pulibili, devono poi saper resistere alle sollecitazioni, agli urti ed ai graffi. Il loro costo poi, che dipende dalla qualità e dall'innovazione del materiale, potrebbe non essere trascurabile all'interno del budget che abbiamo deciso di riservare all'arredo della cucina. Ma partiamo dai materiali commercialmente più utilizzati, ovvero: laminato, acciaio e granito.

Il laminato è economico, pratico, versatile e si presenta in un'infinità di colori e finiture, che possono imitare altri materiali, come il legno, il cemento e la pietra naturale. Resistente ai graffi ed alle sollecitazioni, è stato oggetto negli ultimi anni di molte innovazioni, che lo hanno reso più prestante e poliedrico. L'unico suo neo è la scarsa resistenza al calore. L'accortezza è dunque quella di non appoggiare pentole calde direttamente sul piano di lavoro. L'acciaio è da sempre il materiale simbolo delle cucine industriali. Eterno e robusto, facilmente pulibile ed inattaccabile alle macchie, è dunque perfettamente igienico. Resistente agli urti, è però sensibile ai graffi, nonché generalmente molto costoso. Lavello e piano cottura anch'essi in inox possono essere integrati in modo perfetto su un top in acciaio. Il risultato sarà estremamente tecnico e moderno, nonché molto minimale. Il marmo naturale ed il granito sono altri due materiali molto richiesti come piani cucina. La pietra naturale è estremamente bella alla vista con le sue molteplici ed inimitabili sfumature. Fredda al tatto, si ritrova molto spesso in ambienti di particolare pregio ed in stile tradizionale. Sensibile all'umidità, ha generalmente un costo elevato. I materiali formati da un mix di granito e resine, o di quarzo e resine, rispettivamente in una percentuale del 95 per la pietra e 5% per il legante, sono esteticamente molto belli, adatti sia ad arredi classici che moderni, ed hanno doti particolari che li rendono degli ottimi piani di lavoro. Impermeabili poiché non porosi, questi materiali si puliscono con facilità, a differenza delle tante accortezze che meritano i piani in marmo naturale.

Di ultima tendenza nel campo dei piani cucina sono due materiali: il gres a basso spessore ed il Fenix. Entrambi frutto di procedimenti industriali all'avanguardia, hanno prestazioni superiori rispetto ai materiali più tradizionali. Il gres a basso spessore si presenta come una sottile quanto estesa lastra di gres porcellanato altamente resistente alle macchie ed alle sollecitazioni, che non subisce shock termici. Molto igienico e resistenti ai raggi solari, ha un aspetto molto gradevole che lo rende accattivante sotto molti punti di vista, tranne quello economico. Davvero innovativo è poi il Fenix. Nato da sperimentazioni e tecnologie all'avanguardia, il Fenix come piano di lavoro si presenta con ottime caratteristiche antimpronta e con proprietà antibatteriche, di resistenza ai graffi ed alle abrasioni. Tagli e graffi possono essere addirittura eliminati per ripristinare in modo semplice e veloce l'uniformità iniziale della superficie. Inattaccabile dalle sostanze acide è dunque igienico e resistente al calore. Opaco alla vista e vellutato al tatto è ideale per cucine moderne e di design.

Articoli su : Consigli Cucine