Docce per esterno: indispensabili in estate

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 22 aprile 2020

Le caratteristiche di una doccia da esterno

In genere vengono installate negli spazi outdoor dotati di piscina, ma sono perfette anche per il giardino o una terrazza: ci riferiamo alle docce da esterno, che danno immediato ristoro nelle giornate calde, permettono di eliminare subito le tracce di cloro o salsedine, arricchiscono l’ambiente dal punto di vista estetico.

L’offerta in commercio è ricca e le caratteristiche cambiano a seconda delle esigenze individuali nonché del budget disponibile. Ci sono i modelli più basic, composti semplicemente dall’erogatore di acqua, il miscelatore, il palo e il piatto, e modelli più elaborati, molto simili ai box doccia.

Vasta è la scelta relativa ai materiali, alle forme, alle dimensioni. E ancora, alcune possono essere alimentate tramite il classico tubo per annaffiare le piante, altre invece si collegano alla rete idraulica e al sistema di scarico domestico e altre funzionano grazie all’energia solare, dunque per mezzo di piccoli pannelli.

A prescindere dalla tipologia, le migliori docce da esterno sono progettate in modo da resistere all’azione dei raggi ultravioletti e dell’umidità, nonché – appunto – al cloro e alla salsedine.

La doccia Dyno, una proposta MyYour

Ha forme statuarie e stilizzate la doccia Dyno realizzata da MyYour, che presenta diverse caratteristiche degne di nota. Innanzi tutto la struttura è in Poleasy, una nuova tipologia di polietilene messa a punto dalla stessa azienda padovana, priva di quelle microporosità superficiali che causano la formazione di antiestetiche patine e, col tempo, possono provocare anche fessurazioni.

La base, a forma di conchiglia, è invece in ABS nonché rivestita con un film acrilico ch agevola le operazioni di pulizia; presenta inoltre profili per trattenere la sabbia. Il soffione antigoccia in plastica cromata è dotato di sistema di risparmio acqua 50 per cento e di ugelli in silicone pulibili.

Il pulsante è temporizzato, quindi permette di regolare la durata del getto, e il miscelatore è in acciaio inox. Dyno è disponibile sia nella versione con acqua calda e fredda proveniente dalla rete idrica domestica, sia nella versione solare. Numerosi sono i colori fra cui scegliere.

La doccia solare Happy One di Arkema

Cattura subito l’attenzione con il suo design moderno, allegro e originale la doccia solare Happy One, una proposta 100 per cento Made in Italy firmata Arkema e adatta a qualsiasi contesto: piscine, giardini, campeggi, spiagge private e non.

La struttura è in polietilene HD, dunque resistente ai raggi ultravioletti, alla salsedine, al calcare; il miscelatore è in acciaio cromato e il soffione è orientabile nonché dotato di attacco filettato per il collegamento alla rete idrica domestica. C’è anche il tappo di svuotamento integrato.

Leggera (pesa meno di 8 kg) ma robusta, Happy One si istalla in poco tempo e con grande facilità e può essere spostata da un punto all’altro in modo altrettanto semplice. La capacità del serbatoio è pari a 22 litri. I colori disponibili? Antracite, verde, bianco, blu, verde chiaro, arancio, rosa, fucsia, viola. Perfetto è l’abbinamento con il piatto doccia Lake. Il lavapiedi, invece, è di serie. Le dimensioni di Happy One sono le seguenti: 215 x 23 x 17 cm.

La colonna doccia AquaBambù di Bossini

Elegante, moderna e per certi versi scenografica è la colonna doccia Aquabambù firmata Bossini e realizzata in acciaio Inox AISI 316, con alimentazione acqua a terra. La proposta è completa di kit di fissaggio a pavimento per il collegamento all’impianto idraulico casalingo (acqua sia calda che fredda), due rubinetti miscelatori e un diffusore doccia con getto a cascata.

Quest’ultimo – così è spiegato anche il nome della doccia - dà un immediato senso di benessere ed è anche di grande impatto dal punto di vista visivo. Facciamo inoltre presente che si può scegliere fra due getti di differente intensità. Aquabambù, fra i prodotti di punta dell’azienda bresciana, è anche dotata di un diffusore lava-piedi con getto aerato.

Finiture disponibili: acciaio lucido e acciaio opaco. Misure della colonna doccia: altezza 2110 mm, diametro 285 mm.

La doccia Cascade di Tradewinds

Fra i cavalli di battaglia del brand belga Tradewinds c’è Cascade, una doccia in ferro galvanizzato a caldo progettata in primis per giardini e terrazze. I listelli della base sono in acacia, antiscivolo e imputrescibili. A metà altezza del tubo verticale c’è un piccolo ma funzionale rubinetto.

Il tubo orizzontale è in nylon nero attraversato da forellini allineati dai quali sgorga l’acqua, regalando un effetto visivo (e non solo) simile, appunto, a una cascata. Il collegamento si effettua molto semplicemente, ovvero tramite un raccordo rapido posto sotto la base.

Pur essendo minimalista e poco ingombrante, la doccia Cascade risulta estremamente stabile; allo stesso tempo, si sposta con facilità grazie ai blocchi che scivolano. Garantita è la resistenza all’azione del sole e ai fenomeni di corrosione. Non occorre alcuna manutenzione. Le dimensioni? Altezza 220 cm, larghezza 70 cm, profondità 70 cm.

Cabina doccia Unica by Vismara Vetro

Creata da Nespoli e Novara per Vismara Vetro, Unica è un box doccia che ricorda un po’ una quinta teatrale e, oltre a permettere di rinfrescarsi in qualsiasi momento della giornata, tutela la privacy degli utenti e offre anche protezione dal vento. Si inserisce nel contesto con discrezione, anzi arricchendolo in termini di eleganza.

Si fa presente che i pannelli hanno una struttura a telaio e, combinati tra loro tramite un giunto, rendono possibili numerose configurazioni differenti. Più precisamente, i pannelli consistono in una superficie in cristallo temperato di sicurezza 8 mm (disponibili varie finiture) e in un profilo in alluminio autoportante.

Gli elementi modulari sono quindi abbinabili a piacere e reversibili, sia orizzontalmente che verticalmente. L’asta doccia è in acciaio inox AISI 316, dotata di un doppio sistema di aggancio all’acqua: il primo si collega a impianto idraulico tradizionale; il secondo, più veloce e flessibile, si può invece attaccare al classico tubo di gomma dell’acqua da giardino.

Doccia Shawa’ di Antonio Lupi Design

Ha un sapore industrial, è ispirata agli impianti industriali, più in particolare alle tubazioni e ai canali a vista che spesso caratterizzavano gli stabilimenti, e che invece oggi in un’altra veste troviamo nei loft o nelle abitazioni più di tendenza, la doccia Shawa’ 2 disegnata da Massimo Broglio per Antonio Lupi.

Ha una forma per molti aspetti imponente, eppure al contempo non risulta affatto ingombrante. Anzi. Progettata in primis per gli ambienti esterni, può essere installata anche in quelli interni. E per quanto riguarda l’utilizzo negli spazi outdoor, è disponibile anche con getto a cascata oppure lava-piedi.

Shawa’ è realizzata in acciaio inox satinato AISI 316/L nonché completa di corpo a incasso, soffione, miscelatore, rubinetto di comando waterproof con deviatore e due vie e doccetta con flessibile da 150 cm. Le misure sono le seguenti: profondità 11,4 cm x larghezza 50,6 cm x altezza 227,2 cm.

Sfoglia i cataloghi: