Pagina 1 di 19

RACCONTO + FOTO UFFICIALI

MessaggioInviato: 21/07/08 10:20
da bubu
CAPITOLO I°
IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO?
La mattina del 18 sveglia alle 8, mi affaccio alla finestra dell’albergo e la mia delusione è immensa: pioggia, clima autunnale. Un misto tra sconforto e rassegnazione, non so nemmeno spiegare la sensazione di quei momenti. Certo le previsioni parlavano chiaro, pioggia al mattino e schiarite nel pomeriggio. Ma a me sembrava fosse novembre. Punto. Faceva anche abbastanza freddo ad Iseo.
Io e bubo andiamo a far colazione e cerchiamo di scherzarci un po’ su a questa storia del clima.
Scendiamo in paese (eravamo in collina), andiamo a prelevare zie e mamma dal loro albergo per portarle dal parrucchiere, dopo di che bubo ed io ci salutiamo definitivamente, perché bubo deve raggiungere i suoi.

MessaggioInviato: 21/07/08 10:26
da loremir77
qui dovrei chiedere i diritti però. :twisted:

ora mi segno alla Siae.. :twisted:
brevetto l'idea.. :twisted:


:lol:

MessaggioInviato: 21/07/08 10:27
da alessia275
Anche tu a puntate? Come Loremir per farci stare in ansia?

MessaggioInviato: 21/07/08 10:28
da stefania_b
loremir77 ha scritto:qui dovrei chiedere i diritti però. :twisted:

ora mi segno alla Siae.. :twisted:
brevetto l'idea.. :twisted:


:lol:



ma la vuoi smettere di essere così veniale?????

MessaggioInviato: 21/07/08 10:35
da loremir77
sono una donna squattrinata.. io! :lol:

MessaggioInviato: 21/07/08 10:42
da bubu
CAPITOLO II°
LE MANI. I PIEDI.
Dopo aver lasciato bubo con i suoi e le zie dal parrucchiere io e mia madre ci accingiamo a cercare un’estetista per il manicure e pedicure. Cosa che avevo “sapientemente” deciso di trascurare, avevo pensato che ne avrei trovato una disponibile al momento….che furba :roll: . Quindi giriamo alcuni centri estetici di Iseo, ma il primo appuntamento libero era alle 16.30…vabbè, inutile. Non potevo nemmeno prendermela con nessuno perché la colpa era solo mia.
Quel giorno c’era il mercato in paese ed allora io e la mamma ci siam dette: perché non acquistare il materiale e fare tutto da sole? Non c’era altra soluzione e poi….siamo anche capaci di gestirci da sole le nostre unghie. Detto fatto. Abbiamo comprato tutto il necessario ci siamo sedute su una panchina (moooolto nascosta :oops: ) e ci siamo messe all’opera!!!! Che situazione assurda…. :lol:
Nel frattempo, iniziavo ad incaXXarmi perché il tempo non migliorava, aveva smesso di piovere si, ma era cupo e fresco. A livello di emozioni posso dirvi che erano pari a zero, non mi sentivo molto sposa in quel momento, mi sembrava di essere in un’ordinaria giornata di m…..
Ad un certo punto sbotto: se non esce il sole io non mi sposo…è una questione di principio! Ho scelto luglio perché pretendo una giornata di sole :evil: . Mia madre cerca di farmi star calma…..ero piena di sconforto.

MessaggioInviato: 21/07/08 10:55
da loremir77
non avevi preso appuntamento dall'estetista?? :shock:

ma il trucco l'avevi fissato? :?:


come sono venute le unghie fai da te? :wink:

MessaggioInviato: 21/07/08 11:03
da bubu
loremir77 ha scritto:non avevi preso appuntamento dall'estetista?? :shock:

ma il trucco l'avevi fissato? :?:


come sono venute le unghie fai da te? :wink:



Si, il trucco si, dalla parrucchiera, lei sa anche truccare, ma non ha un'estetista nel negozio. E comunque sono stata in grado di fare le mie unghie perfettamente 8)

MessaggioInviato: 21/07/08 11:08
da dammispazio
uuuuh questo racconto mi ispira particolarmente
mi sto identificando
anche se io probabilmente avrei dimenticato un'altra cosa xche non sono capace di farmi le mani (i piedi un po meglio....)


son tutta occhi Bubu ;-)

MessaggioInviato: 21/07/08 11:13
da bubu
CAPITOLO III°
IL RESTAURO
Dopo l’automanicure. Abbiamo mangiato un gelato e ci siamo recate presso il salone della parrucchiera dove nell’ordine, dovevano essere acconciate mia madre, mia sorella (che stava per raggiungerci) e naturalmente io.
Fortunatamente nel frattempo tutte le persone arano puntuali, comprese quelle che arrivavano in aereo, e stavano arrivando un po’ per volta come da scaletta.
Alle 14.30 inizia il mio turno per la restrutturazione. Resto sotto le grinfie della fata-parrucchiera-truccatrice per poco più di un’oretta. Nel frattempo inizia ad aprirsi il cielo, viene fuori un sole meraviglioso, la luce è stupenda :D . Io inizio piano piano a sentirmi agitata, emozionata.
Dopo aver finito con me la parrucchiera trucca mia sorella che nel frattempo era andata a cambiarsi.
Alle 16.10 passa a prenderci mio fratello (ancora in jeans e maglietta!! :twisted: ) e ci porta in albergo.
Alle 16.20 arriviamo in hotel…

MessaggioInviato: 21/07/08 11:29
da iale
ummamma che ansiaaaa... un altro racconto a rate! lore... hai dato vita ad un incubo!!! :lol:

bubu, mi sto troppo divertendo a immaginare tu e tua mamma che vi fate la manicure e la pedicure su una panchina... mitttiche!!! :lol:
peccato non avere una foto di quel momento!!!

MessaggioInviato: 21/07/08 11:42
da bubu
CAPITOLO IV°
LA SPOSA E’ SEMPRE IN RITARDO…
Quindi mentre sto per entrare in hotel trovo giù mio padre e l’autista dell’albergo, al quale avevo chiesto di accompagnarmi in chiesa, visto che bubo la sua macchina non voleva lasciarla guidare a nessuno…
Mi precipito verso l'ingresso dell'hotel, tranquillizzando l’autista che avrei fatto in un batter d’occhio (l’appuntamento con il tizio era per le 16.30), mancavano 10 minuti... :shock: :?
Salgo su e trovo quasi tutti i miei parenti ad aspettarmi, già pronti, elegantissimi, mio fratello va a vestirsi. Mi chiudo in camera mi spoglio, iniziano a bussare ed ad entrare a turno, Nella camera si crea un’allegra confusione. Io mi sento agitata e felica. Mi chiudo in bagno mi lavo velocemente. Esco, mi infilo l’abito, le scarpe e gli orecchini (nel frattempo un sacco di foto amatoriali) e poi mi puntano il velo. Sono pronta alle 16.40.
Scendo nella hall, tutti mi guardano. C’è una comitiva di irlandesi che mi fa un sacco di complimenti :oops: 8) .
Allora, si parte? Noooooo, mio fratello è in camera che litiga con il nodo della cravatta :twisted: :twisted: . Senza di lui che guida una delle due auto cariche di parenti, non ci si può muovere!!! Devono arrivare prima loro in chiesa.
Inizio ad innervosirmi come non mai. Urlo: ma quando mai si è vista una sposa che aspetta!!?? Mi scuso con l’autista!
Finalmente alle 16.55 ci muoviamo (la cerimonia è alle 17). Io e io padre ridiamo di quasta piccola comica…

MessaggioInviato: 21/07/08 11:45
da stefania_b
:lol: :lol: :lol: bubu mi fai morire! E sulla sposa che fa cose non previste potrei aggiungerne una sfilza: quando mai si è vista una sposa che va ad apreire la porta agli invitati? O una sposa che si punta il velo da sola?

MessaggioInviato: 21/07/08 11:59
da Mercury
mi metto anch'io sul divano coi popcorn... la sposa a Iseo non me la posso perdere :wink:

MessaggioInviato: 21/07/08 12:06
da bubu
CAPITOLO V°
LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA.
Arriviamo davanti alla chiesa alle 17.15 (per fortuna solo un quarto d’ora di ritardo), io sono una maniaca della puntualità, ma tutto sommato quel piccolo ritardo mi fa sentire desiderata…
Quando gli invitati e bubo vedono la macchina, si affrettano ad entrare in chiesa.
Mia cognata si avvicina alla macchina per consegnarmi il bouquet.
Orrore! :shock: :shock: I fiori erano si quelli richiesti, ma il fioraio mi eveva applicato un supporto, una specie di impugnatura simil-bronzo, con due nastrini; uno color panna (e va bene)…e l’altro di un verdino acidino che non ci azzeccava proprio nulla!! Ringhio per un attimo, ma lascio perdere subito, ero troppo felice di raggiungere bubo.
Mi appoggio al braccio di mio padre, entriamo. Penso di aver fatto la marcia nuziale più rapida della storia. Avevo un sorriso stampato sul viso e le falcate erano rapide e decise!
Il papy mi lascia a bubo che mi guarda impalato. Mio padre gli fa: devi alzarle il velo. Bubo mi alza il velo. Resta nuovamente rigido e fermo come un tronco. Io gli faccio: devi darmi un bacio. Mi dà un bacio. Ci dirigiamo sull’altare ed inizia la cerimonia.
Al momento dello scambio delle fedi a bubo ho dovuto suggerire di baciare l’anello prima di infilarlo al mio dito. Poi è toccato a me. Sentivo la sua mano sudata per l’emozione (lui dice per il caldo) e sentivo il suo cuore battere forte (lui dice che è stata una mia impressione :roll: ).
Io sono riuscita a non commuovermi, così come mi ero imposta di fare. Ero sempre sorridente, raggiante.
Dopo la cerimonia, classico lancio del riso e migliaia di foto con i parenti. E meno male che erano solo 25! Mi sentivo una trottola!!
La mia espressione era talmente di felicità che il fotografo si lamentava che ero sempre con gli occhi strizzati :lol: