Lavastoviglie Smeg

“Tecnologia che arreda”, con questa frase, che unisce il concetto di alte prestazioni con quello di stile distintivo, vengono identificate le moderne lavastoviglie Smeg. La Smalterie Metallurgiche Emiliane Guastalla è una realtà tutta italiana e lo si legge già nel suo nome, che da oltre 60 anni produce elettrodomestici di alta gamma che, oltre ad essere tecnologicamente avanzati, si connotano per un design Made in Italy, di cui l’azienda è portavoce. Da una parte quindi troviamo l’efficienza, la sicurezza, la durabilità e la flessibilità, tipiche degli elettrodomestici 2.0, dall’altra l’estetica, particolarmente piacevole ed affascinante, l’eleganza, l’originalità e l’inventiva, proprie dello stile che contraddistingue il nostro essere italiani. Tutte queste caratteristiche di tipo tecnico ed estetico rispondono sia a specifiche esigenze domestiche, come la semplicità d’utilizzo ed il basso consumo energetico, che a particolari e raffinati desideri di stile. Lo spazio della cucina così si riempie di elettrodomestici dalle alte performance, esteticamente appaganti, che diventando protagonisti della scena domestica. Non a caso il brand ha ottenuto numerosi riconoscimenti per i suoi speciali prodotti, per le sue, chiamiamole così, collezioni d’arredo, nate spesso da collaborazioni internazionali, che vedono la partecipazione di designer di altissimo livello ma anche di stilisti come Dolce&Gabbana.

Se l’estetica è uno degli elementi in primo piano di questo brand, non possiamo non parlare delle lavastoviglie Smeg a libera installazione. Tra queste spiccano per particolarità quelle della collezione Anni ’50 , che porta in scena elettrodomestici in stile vintage, dal design d’altri tempi. Linee bombate e sinuose, colori pastello e vivaci mascherano una tecnologia di ultima generazione. Ne è un esempio il nuovo modello ST2FABPK, una lavapiatti in classe energetica A+++ a 13 coperti. Di colore rosa, ma disponibile anche in versione nera e panna, questo modello si contraddistingue per le sue tante funzioni. Tra queste va ricordato l’esclusivo sistema di lavaggio Planetarium, in cui i due bracci, che distribuiscono i getti d’acqua, si muovono in modo orbitale per garantire la massima copertura d’acqua all’interno della macchina. L’interno della vasca si compone di tre cestelli, di cui quello centrale regolabile in altezza, per permettere l’inserimento nel vano inferiore anche di stoviglie molto ingombranti. Questa alta flessibilità interna, insieme alla tecnologia orbitale, si coniuga alla bassa rumorosità di funzionamento, 43 dB.

A rendere ancora più performante questo modello di lavastoviglie Smeg è anche il sensore Aquatest, che misura il grado di sporco dei piatti alla fine dell’ammollo, in modo da impostare il miglior programma di lavaggio, evitando così lo spreco di risorse, come acqua, tempo ed elettricità. A proposito di tempo, con l’opzione QuickTime si può ridurre il tempo di durata di ogni programma, anche quando la lavapiatti è a pieno carico e con stoviglie molto sporche. E per un risultato ottimale di asciugatura, la porta ad ogni fine lavaggio si sgancia e si apre in modo automatico, grazie al sistema Enersave, al fine di facilitare l’asciugatura di piatti e bicchieri.

Articoli su : Lavastoviglie


  • Lavastoviglie nuovi modelli

    lavastoviglie iQ700 SN678X36TE Siemens Gli ultimi modelli di lavastoviglie puntano al massimo risparmio energetico, grazie a tecnologie d’avanguardia, come l’impiego della Zeolite e programmi silenziosi e indicati per le stoviglie più deli