Lavatrici : lavasciuga

Le lavasciugacondensano in un unico elettrodomestico le funzioni svolte da due macchine: la lavatrice e l’asciugatrice. Dunque lavano ed asciugano il bucato grazie a speciali meccanismi e componenti, che le fanno essere delle macchine molto complesse tecnicamente quanto facili da utilizzare nella pratica quotidiana. Optare per l’acquisto di un elettrodomestico di questo tipo consente un indubbio risparmio in termini di spazio, utile in tutti quei casi in cui non si disponga di un locale lavanderia talmente ampio da ospitare l’ingombro di due elettrodomestici separati, lavabiancheria ed asciugatrice, affiancabili di lato o posti uno sopra l’altro, grazie ad appositi kit di installazione sovrapposta. Pensiamo ad esempio a tutti coloro che abitano in piccoli appartamenti in città, in abitazioni dotate di un unico bagno e prive di aggetti e sfoghi esterni, ... continua

Articoli su : Lavatrici


  • Hoover lavatrici

    lavasciuga Otsein / Hoover WOHW 964 D Le lavatrici Hoover garantiscono prestazioni efficienti e classe energetica alta. Alcuni modelli sono perfino gestibili tramite una App per smartphone, tablet e pc che consente di impostare e programm
prosegui ... , come balconi, giardini e terrazzi, nei quali poter stendere il bucato; spesso la scelta di un prodotto dalla duplice funzionalità è l’unica alternativa possibile. Senza contare il risparmio di tempo dato dalla mancata quanto noiosa stesura del bucato all’aria aperta. Ma cerchiamo di capire meglio il funzionamento di queste moderne macchine e le loro principali caratteristiche.

Le lavasciuga sono programmate per lavare i panni come normali lavatrici e per asciugarli quasi come fanno le classiche asciugatrici. L’asciugatura però, a differenza dei loro principali “concorrenti”, non avviene per mezzo di efficienti pompe di calore, ma con l’uso di acqua che raffredda il condensatore. Ovvio dunque che il consumo idrico sarà particolarmente intenso in fase di asciugatura, dispendio di risorse che va ad accumularsi al consumo di acqua impiegato per il ciclo di lavaggio. Molta attenzione dunque, durante l’acquisto, alla lettura attenta dell’etichetta energetica di ogni singolo modello individuato. Nei prodotti di ultima generazione, quelli in classe energetica A, troviamo spesso che il consumo di acqua ad ogni ciclo di asciugatura è pari a circa 50 litri, valore che deve essere sommato agli ulteriori 50 litri (circa) di acqua già impiegati per la fase di lavaggio. Addizioni vanno fatte anche in termini di consumi elettrici. Nella scelta del modello occorre dunque preferire quello a più alta classe energetica, anche se all’inizio il costo d’acquisto sarà meno appetibile di quello un modello più economico ma con costi di gestione più elevati.

Per capire poi quale lavasciuga scegliere, occorre dare un occhio anche ai valori di carico. Su questo fronte noteremo come il carico massimo di asciugatura sia sempre inferiore a quello di lavaggio. Ideale sarebbe optare per prodotti in cui i due valori siano i più vicini possibili in termini numerici. Facendo un esempio, per una famiglia tradizionale, potremo indirizzarci verso modelli con capacità di carico di lavaggio attorno agli 8 kg e carico massimo di asciugatura pari a kg 6. Diffidare poi dei modelli con bassa velocità della centrifuga e preferite valori che si attestano sui 1400 giri al minuto, che consentono di programmare la macchina anche per cicli brevi. Occhio anche alla rumorosità, soprattutto quando si pensa di installare l’apparecchio in prossimità della zona notte, fruendo delle tariffe elettriche ridotte per avviare i lavaggi durante le ore notturne. I modelli più silenziosi mostrano in fase di centrifuga una rumorosità che non supera i 75 dB. In questo caso parliamo di elettrodomestici molto prestanti ma dai costi non poi così contenuti.

Ed a proposito di spesa, occorre sottolineare come le lavasciuga, fornendo due funzioni in un unico prodotto, hanno costi poco contenuti. I migliori prodotti in commercio a volte superano di gran lunga le 1.000,00 euro di spesa, a vantaggio di una gestione più morigerata nel tempo, garantendo prestazioni più alte ed una qualità, soprattutto in termini di asciugatura, molto più elevata dei modelli più economici, accusati il più delle volte di stropicciare eccessivamente gli indumenti. Tali macchine di ultima concezione hanno anche altri vantaggi: una gamma molto ampia di programmi, distinti per tipo di tessuto e quantità di sporco, una varietà di funzioni, come avvio ritardato, tempi rapidissimi di lavaggio ed asciugatura, e misurazione dell’umidità residua, al fine di programmare al meglio ed ottimizzare il ciclo di lavoro. Non da ultimo, hanno il plus di comunicare con l’utilizzatore grazie a speciali applicazioni telefoniche che sfruttano la tecnologia Wi-Fi. Sarà così possibile essere costantemente aggiornati sul perfetto funzionamento dell’elettrodomestico sia quando si è in casa che fuori.