Manutenzione dei condizionatori

Perché è necessaria la manutenzione?

Le operazioni di manutenzione sono indispensabili per garantire che i vostri climatizzatori e condizionatori siano sempre efficienti, soprattutto quando si avvicina la calda stagione. A seconda del modello, questi apparecchi permettono di scaldare, raffreddare o diminuire il tasso di umidità dell’aria ambiente. Se qualche componente elettronico, meccanico o idraulico è guasto o usurato, queste funzioni non sono svolte in maniera efficace, con conseguenze anche gravi: spreco di energia, guasto dell’apparecchio, insalubrità dell’aria emessa. La legge italiana non prevede per i condizionatori, a differenza degli impianti termici a gas, operazioni di manutenzione e controllo obbligatorie, ma l’ottenimento e il mantenimento delle prestazioni desiderate è garantito solo se esiste un programma di manutenzione dei condizionatori, sia preventiva che straordinaria, al fine di correggere eventuali problemi o prevenirne l’insorgere al momento del bisogno. Una posizione ottimale del condizionatore è fondamentale per il suo funzionamento: se accade che l’aria più calda emessa a causa del funzionamento dell’apparecchio si scontra con quella fredda emessa per la climatizzazione, si ha un notevole calo delle prestazioni.
unità condizionatore


Pulizia e igienizzazione dei condizionatori

condizionatore aermec Operazione fondamentale per un’adeguata manutenzione dei condizionatori è la pulizia delle unità interna ed esterna. Entrambe sono attraversate dal flusso dell’aria e quindi in contatto con le sostanze da essa trasportate: polvere, polline e inquinanti aerodispersi, che possono attaccare i sistemi di filtraggio e le batterie dell’apparecchio, compromettendone il corretto funzionamento. La pulizia fai da te dei filtri dell’aria non è per niente difficile: è sufficiente smontare gli elementi che coprono il filtro, aspirare i materiali depositati sul filtro con un normale aspirapolvere, e pulire con uno straccio impregnato di disinfettante. Questo intervento va compiuto almeno una volta al mese (o più spesso in primavera ed estate, quando la concentrazione di polline e l’utilizzo sono maggiori), tuttavia va affiancato ad un’igienizzazione e sanificazione svolta da parte di imprese specializzate almeno una volta all’anno, soprattutto per scongiurare il rischio di diffusione di batteri (legionella e salmonella in special modo) nell’ambiente.


  • A seconda del modello, questi apparecchi permettono di scaldare, raffreddare o diminuire il tasso di umidità dell’aria dell'ambiente. Se qualche componente elettronico, meccanico o idraul...
  • Condizionatore in versione bianco e nero Qualcuno, sbagliando, pensa che tra gli elettrodomestici nelle case italiane, tutti “amici” e praticamente indispensabili, ce ne sia uno che divora inutilmente elettricità, manda in...
  • condizionatore daikin Quanti di noi sanno qual è il metodo di funzionamento di un condizionatore? Questo apparecchio, utilissimo durante le torride giornate estive, funziona grazie alla produzione di un ciclo termodinamico...
  • Ventilatori e condizionatori portatili Quando, nelle giornate e nelle notti estive particolarmente afose il caldo non dà tregua, chi non è dotato di un condizionatore fisso in casa spesso ricorre alle soluzioni dell’ultimo minuto ed acquis...


Manutenzione dei condizionatori: Cause di malfunzionamento

telecomando condizionatore Di seguito si riportano le principali cause che possono causare il malfunzionamento di un condizionatore, ma si ricorda che la corretta manutenzione dei condizionatori conviene che sia fatta solo da tecnici specializzati: se fatta da persone non in possesso delle competenze elettroniche e idrauliche necessarie può risultare addirittura dannosa e danneggiare permanentemente l’apparecchio. Periodicamente è necessario controllare l’assenza di fughe di gas (termovettore) dalle serpentine che causano, oltre a danni ambientali, un notevole abbassamento del rendimento del condizionatore poiché è costretto a consumare più energia per portare l’ambiente alla temperatura richiesta (sia che si tratti di scaldarlo che di raffreddarlo). In caso di perdita è necessario chiamare la ditta produttrice (o un manutentore autorizzato) affinché ripristini la quantità di gas perduto e verifichi tutte le giunture e tubazioni. Un cattivo funzionamento del condensatore, quella componente che cede il calore all’esterno, può causato dal posizionamento del condizionatore vicino a fonti di calore (caloriferi, stufe etc.) o immediatamente sotto mensole o accanto armadi, causa un notevole calo delle prestazioni, poiché l’apparecchio deve impiegare più energia per effettuare lo scambio termico. Anche la componente elettronica dei condizionatori è soggetta a guasti: un improvvisa variazione della tensione di alimentazione (dovuto a fulmini o cali sulla rete di distribuzione), un contatto fra due cavi scoperti, umidità tra i circuiti possono compromettere il funzionamento della scheda o della centralina di comando. Più il sistema è elettronicamente all'avanguardia, maggiore è la possibilità che un piccolo guasto dei microchip possa bloccare l'intero apparecchio. Se il condizionatore è dotato di telecomando, prima di acquistarlo assicuratevi che sia regolabile anche senza di esso, per poter essere in grado di regolare o spegnere il condizionatore anche in caso di guasto o rottura del comando remoto.