Ora solare 2016, consigli per risparmiare in casa

Ora solare 2016 ottobre

Ci siamo: tra sabato 29 e domenica 30 ottobre torna l’ora solare. Ciò significa che le lancette dell’orologio dovranno essere spostate un’ora indietro, dalle 3.00 alle 2.00. L’ora solare resterà in vigore fino alla fine del marzo 2017, quando subentrerà nuovamente l’ora legale che coincide con l’arrivo della primavera e con l’allungamento delle giornate. Allora si potrà sfruttare maggiormente la luce naturale e diminuire l’utilizzo di quella artificiale. Con l’ora solare, invece, le giornate si faranno più corte. Da una parte sì, ci sarà maggiore luce al mattino presto, però dall’altra il sole tramonterà prima. E questo costringerà tutti a fare un uso più massiccio della luce artificiale, con conseguente aumento dei consumi. Ci sono, tuttavia, diversi accorgimenti che consentono di non far lievitare troppo la bolletta. Tanto per cominciare, è consigliabile usare la lavatrice e la lavastoviglie soltanto a pieno carico e spegnere tutti gli apparecchi elettrici completamente, cioè senza lasciarli in stand-by. Se non l’avete già fatto, inoltre, suggeriamo di sostituire subito tutte le vecchie lampadine con quelle a Led a casso consumo. Un’altra mossa intelligente consiste nello sbrinare il freezer regolarmente, senza aspettare che sia pieno di ghiaccio. Utilizzate gli elettrodomestici nelle fasce orarie che consentono un basso consumo, cioè quelle serali (a partire dalle ore 19.00), e nel weekend ovvero il sabato e la domenica.
Ora solare 2016 ottobre


Ora solare risparmio energetico

Ora solare risparmio energetico L’ora legale consente di risparmiare a grandi livelli, questo è ormai fuor di dubbio. Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, ha stimato che il passaggio dall'ora solare a quella legale abbia portato a un minor consumo di elettricità pari a circa 580 milioni kilowattora, quantitativo che corrisponde al fabbisogno medio annuo di oltre 200 mila famiglie. Considerando che un kilowattora costa in media circa 16,32 centesimi di euro, il risparmio per il sistema, relativo al minor consumo nel periodo di ora legale per il 2016, dovrebbe essere pari a 94,5 milioni di euro. Ma adesso è tempo di tornare all’ora solare. E si può risparmiare ugualmente, sia pur in misura ridotta. Oltre agli accorgimenti sopra elencati, eccone altri: non lasciate il caricabatterie del cellulare sempre inserito nella spina, anche quando non lo si sta usando. E’ un’abitudine che hanno in molti e che deriva dalla pigrizia, ma sarebbe bene eliminarla. Quando guardate la luce, sappiate che può bastare anche una piccola fonte di illuminazione. Una lampada da tavolo, per esempio, collocata vicino all’apparecchio. Spegnete invece i sistemi che emanano una luce diffusa, in primis i lampadari. Non sono necessari.

  • Domenica 26 ottobre 2014 torna l'ora solare In ogni parte del globo terrestre, l'ora cambia due volte l'anno: ad ottobre, ad autunno inoltrato, e a marzo, verso l'inizio della primavera. Va comunque detto che impostare l'ora legale non è obblig...
  • Ora legale 2017 Ora legale, cosa si intende con questa definizione? Semplicemente, la convenzione di spostare avanti di un’ora le lancette degli orologi durante il periodo estivo, per avere più la luce solare nel tar...
  • Cos'è e quando si cambia l'ora legale Cerchiamo di capire cos'è e quando si cambia l'ora legale, o Daylight Saving Time (DST), cioè il concetto di portare avanti gli orologi di un'ora durante i mesi estivi con il vantaggio di sfruttare la...
  • Ora legale origini In Italia abbiamo tutti grande familiarità con i concetti di ora legale e ora solare. Con ora legale si intende la convenzione di spostare le lancette dell’orologio avanti di un’ora durante un determi...


Ora solare consigli

Ora solare consigli Ora solare: per risparmiare energia si possono mettere in atto anche interventi più importanti come la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia. Un’altra ottima scelta consiste nel sostituire i vecchi infissi con nuovi con vetrocamera di nuova generazione, o realizzare involucri sulla parte esterna dell’edificio come il cappotto termico. Sono tutti lavori che mirano alla riqualificazione energetica di un immobile, tagliano i consumi e permettono inoltre di poter usufruire dell’Ecobonus, la detrazione Irpef al 65% che con la Legge di stabilità 2017 è stata prorogata per ben 5 anni, dal 2017 al 2021. Non è l’unica novità; il bonus infatti aumenta e arriva al 70% del costo sostenuto per gli interventi che hanno un’incidenza superiore al 25% della superficie dell’edificio, raggiungendo poi il 75% per i lavori volti al miglioramento della prestazione energetica, sia invernale che estiva. Possono avere accesso all’Ecobonus i contribuenti che investono nella riduzione del fabbisogno energetico fino alla soglia massima di 30mila euro per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione, 60mila euro per i lavori di riqualificazione dell’involucro di edifici esistenti e per l’installazione di pannelli solari e 100mila euro per chi effettua lavori di riqualificazione energetica globale.


Ora solare 2016, consigli per risparmiare in casa: Ora solare, come risparmiare

Ora solare, come risparmiare C’è un altro modo per risparmiare e abbattere la bolletta della luce nel periodo in cui è in vigore l’ora solare 2016. Una strada che può però essere percorsa soltanto da chi ha un basso reddito. Stiamo parlando del Bonus Luce e Gas, uno sconto sulla fornitura di energia elettrica e di gas per casa per tutte le famiglie svantaggiate e numerose. Per ottenerlo basta presentare la richiesta presso il proprio Comune di residenza oppure presso i Caf designati sulla base dei moduli reperibili presso gli stessi uffici comunali. Alla richiesta occorre allegare l’attestazione ISEE, un documento di identità, il certificato di agevolazione in vigore (solo per le richieste di rinnovo e di variazione di residenza) e un’autocertificazione di figli a carico. Naturalmente questa agevolazione vale anche nel periodo in cui c’è l’ora legale. Se possedete i requisiti, non esitate a richiederla.