Piccoli Elettrodomestici : Tostapane

Tutti sappiamo definire le funzioni del tostapane: quel piccolo elettrodomestico di uso comune a molti, nato per riscaldare le fette di pane, per abbrustolire panini e rendere fragranti le brioches. Accessorio ideale per una prima colazione all’insegna del caldo ed inebriante profumo di pane tostato, da accompagnare una volta scaldato con cioccolata o burro e marmellata, è un compagno perfetto per merende e pause spezza fame, a base di tramezzini caldi e croccanti toast. I suoi vantaggi principale si riassumono nella velocità con cui scalda i panificati e nella praticità d’utilizzo. Infatti, in un tempo massimo di tre minuti il pane è pronto per essere mangiato e con un semplice gesto, quello dell’inserimento della fetta all’interno della camera di cottura, è possibile soddisfare qualsiasi desiderio culinario. Se fino a qualche decennio fa conoscevamo una sola tipologia di prodotto, quello classico, definito verticale, oggi esiste anche un altro genere di articolo, che svolge le stesse funzioni di quello tradizionale ma con altre forme, si tratta del modello orizzontale.

Ma come individuare la tipologia ed il modello più adatto a noi? Prima di tutto occorre mettere sul “piatto” il tipo di utilizzo che desiderio fare del tostapane e la frequenza d’uso. Infatti, se la necessità è quella di riscaldare panini farciti, ci indirizzeremo verso un modello orizzontale, mentre se l’esigenza principale è quella di abbrustolire le fette di pane, opteremo per una tipologia classica. L’alta frequenza d’uso ci consiglierà un modello più prestante e potente, che possa durare a lungo nel tempo, dirottando l’investimento verso prodotti più importanti, mentre un uso sporadico ci potrà portare all’acquisto anche di modelli economici e dal design non necessariamente all’avanguardia. Certo è che in commercio abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta, sia per fasce di prezzo che per marca, ma anche per potenza. Passiamo infatti da modelli base, privi di accessori e funzioni, realizzati in materiale plastico, a versioni sofisticate, corredate da un bel bagaglio di funzionalità: dalla funzione defrost, che permette di scongelare e poi tostare gli alimenti congelati, a funzioni con diversi gradi di abbrustolimento.

Vediamo più nel dettaglio le due tipologie. Il tostapane verticale è dotato di pinze metalliche all’interno delle quali centrare le fette di pane, pinze che vanno inserite dentro le camere di cottura. Solitamente il numero di fette che si possono scaldare contemporaneamente sono due, ma esistono modelli più ingombranti, per quattro fette alla volta. A proposito di ingombri, rispetto alla tipologia a piastra, questi modelli hanno uno sviluppo verticale appunto e non impegnano troppo spazio sul piano d’appoggio. Hanno spesso un design accattivante, che nei modelli più glam strizza l’occhio allo stile anni ’50, con forme vintage e bombate e colori pastello. Comune a molti prodotti è la funzione espulsione automatica che, grazie all’impostazione del timer, permette di togliere il pane dalla vicinanza delle resistenze prima che si bruci. Questa possibilità è di grande utilità, poiché ci permette di distrarci durante i tempi di cottura, perdendo di vista il nostro spuntino senza la paura di tostarlo troppo a fondo. Pochi e professionali modelli hanno anche come opzione il mantenimento del caldo. Se fino a pochi anni fa il problema di questi prodotti era la pulizia interna, ora la presenza di un cassettino inferiore raccogli briciole ha reso molto più semplice ed agevole la costante manutenzione dell’elettrodomestico.

I tostapane orizzontali assomigliano a piccole bistecchiere ed hanno un ingombro in pianta più ampio rispetto alle tipologie tradizionali. Dotati di piastre metalliche antiaderenti su entrambi i lati, che nei modelli più economici non sono estraibili, questi apparecchi consentono di scaldare in modo più pratico baguette e panini farciti, ma anche verdure e volendo pesce e carne, hamburger ed hotdog. Nella scelta del modello, anche in questo caso, valutare la facilità di manutenzione e preferire quindi modelli con piastre estraibili, che possono essere facilmente deterse a mano o anche in lavastoviglie. Le piastre inoltre possono avere varie forme, possono essere lisce oppure ondulate e rigate e nei modelli più accessoriati le piastre possono anche essere molteplici ed intercambiabili. Valutare anche le diverse funzioni che compongono il prodotto, tipo l’autospegnimento per una maggior sicurezza domestica, il regolatore di temperatura e la presenza del meccanismo di blocco coperchio. Altro fattore da tenere in considerazione prima dell’acquisto è quello della potenza, valore espresso in watt, che ci indicherà la velocità di riscaldamento della macchina e quella di tostatura. Si parte da potenze attorno ai

Articoli su : Piccoli Elettrodomestici