Poltrone relax

Vengono scelte per la loro estrema comodità e per le loro particolari funzioni nascoste, sanno rispondere a tante esigenze sanitarie ma anche a chi cerca un piacevole e rilassante momento di riposo domestico. Stiamo parlando delle poltrone relax. Con il termine relax si identifica così una speciale categoria di imbottiti, capaci di alleviare le tensioni articolari e muscolari, di apportare benessere e riposo, di migliorare lo stato fisico della persona. Spesso sono sinonimo poltrone per anziani, in quando alcune sono dotate di sistema alzapersona che facilità l’utilizzatore nell’alzarsi e nel sedersi, sono dunque indicate per tutte quelle persone che hanno difficoltà motorie e non sono totalmente autosufficienti. Anche chi ha problemi di peso può trovare sollievo da questo tipo di sedute, come pure le persone che soffrono di qualche disabilità motoria. Non è detto però che, anche chi gode di ottima salute non sia attratto da questo genere di elemento d’arredo, dato che la reclinabilità dello schienale, il sollevamento del poggiapiedi ed i meccanismi di massaggio attirano tutte quelle persone che cercano una poltrona comoda ed accogliente, in grado di migliorare la postura, alleviando le tensioni che solitamente si formano durante lunghe giornate lavorative.

Le poltrone relax sono dunque arredi adatti ad una grande fetta di utilizzatori, con diverse necessità fisiche ma anche estetiche. Infatti sul mercato troviamo prodotti dal design semplice ed essenziale, perfetti per contesti abitativi moderni e giovani, come pure modelli dalle linee morbide e classiche, che si adattano ad arredi più tradizionali. Al di là dello stile, queste poltrone hanno delle caratteristiche peculiari, identificabili: nell’alto schienale che sostiene anche il capo, nella seduta comoda e profonda munita di alti braccioli e nella base che può essere girevole o dotata di rotelle, per essere spostata facilmente da una parte all’altra della casa. Non mancano però anche creative soluzioni con base a dondolo, dal design più sofisticato e leggero. Solitamente poi, si tratta di imbottiti molto robusti e strutturati, in grado di accogliere anche soggetti di una certa stazza fisica, in cui i meccanismi, che gestiscono la trasformazione della seduta, sono certificati e garantiti. In molti casi poi, abbiamo a che fare con rivestimenti resistenti ed antimacchia, con tessuti traspiranti ed idrorepellenti, molto spesso sfoderabili per una più pratica pulizia periodica.

Possiamo in questo vasto panorama di poltrone relax distinguere: le poltrone reclinabili, quelle alzapersona e le sedute massaggianti. Le prime possono essere dotate di motore elettrico dotato di telecomando o di meccanismi meccanici azionabili manualmente. Queste consentono tre posizioni differenziate: una standard con poggiapiedi abbassato e schienale in postazione eretta, una posizione relax per Tv con poggiapiedi rialzato ed una modalità letto, che vede sia poggiapiedi alzato che schienale abbassato. Le poltrone reclinabili, azionabili manualmente con pressione del corpo o con leva meccanica, necessitano della forza dell’utilizzatore per modificare le diverse inclinazioni della seduta, mentre le poltrone elettriche possono benissimo essere azionate anche da persone deboli ed anziane, poiché tutte le configurazioni sono gestibili attraverso un telecomando con pulsanti. Quest’ultime poi possono presentare uno o più motori. Quelle con un unico sistema elettrico vedono il simultaneo movimento del poggiapiedi e dello schienale. Le poltrone massaggianti invece si caratterizzano per la presenza di sistemi elettrici che replicano particolari tecniche di massaggio, che possono allungare la colonna vertebrale come pure eliminare dolori cervicali e regalare un micromassaggio che favorisce la circolazione sanguigna.

Quando invece parliamo di poltrone relax lift identifichiamo quelle con meccanismo alzapersona, meccanismo che spesso si trova associato all’interno delle poltrone reclinabili. Il sistema lift consente, in totale sicurezza, di aiutare la persona ad accomodarsi e ad alzarsi grazie ad un sollevamento della sedia che facilita i movimenti della persona. Oltre a queste caratteristiche distintive dei singoli modelli esistono anche sedute più “evolute” che ad esempio mostrano imbottiture memory foam estremamente confortevoli, rivestimenti pratici poiché sfoderabili ma all’avanguardia in fatto di resistenza e godibilità, ma anche soluzioni ad hoc per chi ha particolari esigenze. In questo caso parliamo di poltrone per “pesi massimi”, con sedute maggiorate nelle dimensioni e strutture irrobustite capaci di sostenere sino a 200 kg di peso.

Articoli su : Poltrone