La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 02 ottobre 2018

Piastrelle in bagno sì o no?

Piastrelle in bagno decisamente sì, magari non su tutte le superfici della stanza ma pavimenti e rivestimenti in gres vanno priviligiati rispetto ad altri materiali per la loro alta resistenza a:

  • umidità
  • macchie
  • abrasioni
  • detergenti

Per avere un bagno sempre pulito ed impeccabile come il primo giorno occorre optare dunque per un rivestimento a terra e a parete che sia igienico e funzionale e le piastrelle ceramiche dalla loro parte hanno tutte queste caratteristiche a cui si aggiungono anche:

  • estetica, che spazia da uno stile classico a quello più contemporaneo
  • varietà di formati, spessori, decori, schemi di posa, tutti da personalizzare in base alla conformazione del bagno ed al design desiderato

Un esempio delle performance estetiche delle piastrelle in bagno ce lo mostra in foto Ceramica Fioranese con la collezione Dot, che ricalca l’estetica ruvida e grezza del cemento a vista, utilizzato a tutt’altezza, contaminata a contrasto una raffinata vasca freestanding in cemento.

Quali piastrelle scegliere per un bagno piccolo

Quello che per molti è un difetto, ovvero la grandezza limitata del bagno, potrebbe diventare un pregio se solo venissero utilizzati i giusti accorgimenti di stile. E le piastrelle del bagno sono il primo elemento da prendere in considerazione per esaltare le doti di un bagno mini.

Ecco 2 idee per rivestire con le piastrelle un bagno piccolo:

  • stile romantico-retrò con le piastrelle diamantate, da alternare a mattonelle lisce per un risultato tridimensionale che attrae l’attenzione. Perfetti piccoli formati dalla finitura lucida, bene anche la scelta di un colore dominante
  • contrasti decor con gres effetto cementina, graniglia o mailica. Riservare ai moduli decorati solo determinate aree della stanza, come una nicchia, un tappeto a terra o una parete della doccia, lasciando il resto della stanza nei toni neutri ed uniformi

Rispolvera geometrie e colori del secolo scorso la nuova collezione di piastrelle effetto graniglie Abitare di Ragno, in foto. Formato unico 20x20 cm, perfetto per un bagno piccolo, 6 tonalità monocromatiche, 8 tappeti decorativi ed un decoro mix per un bagno personalizzato al massimo livello.

Le piastrelle migliori per un bagno moderno

Un bagno è definito moderno quando è particolarmente funzionale ed accogliente, caratterizzato da arredi, sanitari e rivestimenti pratici ma anche nuovi nello stile. Un locale con queste caratteristiche può essere rivestito con una grande eterogeneità di piastrelle in gres, piccole o grandi, dai più diversi effetti decorativi e cromatici.

Vi suggeriamo dunque 2 soluzioni di piastrelle bagno tra stile attuale ed innovazione tecnica:

  • grandi lastre, da utilizzare a terra ed a parete. La quasi assenza di fughe di questi formati rende il bagno igienico e facile da mantenere, l’effetto grafico continuo della lastra permette risultati estetici dal forte impatto visivo
  • piastrelle dai toni scuri e dalla superficie materica da abbinare ad arredi in legno grezzo. I sanitari in ceramica bianca dal design moderno spiccheranno all’interno di un ambiente accattivante e raffinato, rivestito in total black

Appartiene a quest’ultima interpretazione moderna del bagno la collezione di piastrelle Puzzle di Mutina, in foto. Infinite possibilità compositive del formato 25x25 cm permettono di realizzare a parete disegni grafici, regolari o astratti, lasciando neutro il pavimento, o viceversa.

Quando il bagno è basso quali piastrelle sono più adatte

Partiamo col dire che, per essere definito abitabile, un bagno basso non può avere altezza inferiore a 240 cm. Per arredare e rivestire un bagno con altezze limitate è necessario giocare con le proporzioni, i formati, i colori, nascondendo i difetti ed esaltando le peculiarità, per evitare di “schiacciarne” otticamente il volume.

Ma quali piastrelle scegliere quando il bagno è basso?

  • piastrelle bagno dalle nuance chiare per illuminare, senza limitarsi al bianco. Anzi per far sembrare il soffitto più alto occorre che questo sia in una tonalità più chiara rispetto alle pareti
  • motivi geometrici verticali per slanciare le pareti. Scegliere piastrelle a righe verticali, o decorate con geometrie regolari, oppure formati rettangolari posati in verticale
  • piastrelle bagno piccole e lucide, quasi specchiate. La finitura extra glossy renderà più luminoso l’ambiente, il formato piccolo creerà un ritmo serrato e regolare che farà risultare le pareti più alte

Bowl di Iris Ceramica, presentata a Cersaie 2018, è la collezione di piastrelle in stile retrò dall’effetto 3d e dalle tonalità naturali e pastello, ideale per il bagno basso, proposta nel formato rettangolare piccolo 10x20 cm, in foto.

Sfoglia i cataloghi: