La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 02 ottobre 2014

Stelle di Natale

Rossa, bianca, crema, rosa o rosata, la stella di Natale appartiene all’iconografia del Natale tanto quanto gli alberi addobbati, le candele e i regali per amici e parenti. Queste piane stupende conferiscono un senso di calore all’abitazione e non sono affatto difficili da curare. Ovviamente è quella rossa a essere maggiormente prescelta come elemento decorativo durante le feste natalizie e di fine anno, proprio perché il rosso è la tinta delle festività per eccellenza. A partire dal mese di novembre, le stelle di Natale si possono trovare in tutti i negozi. Per ottenere il massimo dal proprio fiore, in primis è indispensabile assicurarsi di acquistarne uno sano. Ecco allora che un fitto fogliame e dei germogli giallo-versi localizzabili in mezzo ai petali colorati sono un evidente segnale di qualità. In condizioni simili, si tratta di un’ottima stella di Natale!

Stella di Natale cura

D’importanza fondamentale è trasportare il proprio fiore al caldo, proteggendolo dal vento. L’operazione di trasporto attraverso strade fredde e ventose deve essere il più breve possibile poiché tale fiore è notevolmente sensibile ai climi rigidi. Una volta in casa, la stella di Natale richiede un posizionamento caldo e ben illuminato. Deve inoltre essere protetta dalle correnti d’aria e dai raggi troppo diretti del sole. Il clima più indicato e attorno ai 20 gradi centigradi. Le indicazioni per annaffiarla sono facili: piccole dosi regolari di acqua tiepida sono tutto ciò che serve, ma bisogna tuttavia prestare molta attenzione a evitare i ristagni perché questo delicato fiore non riesce a tollerarli. Per prolungare lo splendore dei petali colorati, una volta al mese, si potrà arricchire l’acqua con un fertilizzante liquido.

Stella di Natale potatura

La meravigliosa fioritura della stella di Natale ha luogo durante i mesi invernali; la sezione maggiormente decorativa della pianta è costituita dalle brattee di forma ovale-lanceolata, che possono assumere diverse nuance di colore: rosse, bianche, gialle, rosate. Una volta finita la fioritura, la pianta perderà fisiologicamente parte delle foglie. Nel periodo primaverile si dovrà trasferire in giardino ed effettuare una potatura piuttosto vigorosa. Durante l'anno, se la pianta crescerà troppo, si potranno apportare ulteriori tagli più leggeri, ma non dopo il mese d'agosto, dato che la pianta dovrà prepararsi per l'induzione a fiore. E’ dunque un peccato buttare la stella di Natale a fine delle festività quando comincia a perdere le foglie: può al contrario essere mantenuta tutto l' anno ponendola alla luce per l’intero periodo primaverile-estivo e riposizionandola all'inizio
 dell'autunno in un luogo meno luminoso, ma sempre piuttosto tiepido. A cura di Elena Marzorati

Sfoglia i cataloghi: