Tavoli rotondi

Nell'arredo della cucina o del soggiorno molto impegnativa è la scelta del tavolo da pranzo, in quanto sempre più spesso questo è visto come l'elemento centrale e dominante dell'ambiente; in questa elaborata ricerca estetica e funzionale sono in molti ad indirizzarsi verso l'acquisto di tavoli rotondi.

Il tavolo tondo nasconde in se molti vantaggi, non sempre individuabili a prima vista. Essendo privo di spigoli ha un design armonico, morbido e salva spazio, può infatti essere posizionato liberamente all'interno di stanze anche molto piccole, senza per forza ingombrare molto. Può inoltre essere addossato ad una parete del soggiorno o arredare con stile un angolo del living, creando così uno spazio intimo e riservato. L'assenza di spigoli poi, consente di ospitare un numero di commensali maggiore rispetto a tavoli quadrati o rettangolari della stessa dimensione, ... continua

Articoli su : Tavoli


prosegui ... , in quanto le sedie possono essere disposte in modo libero attorno al tavolo senza dover fare i conti con la presenza di ingombranti e a volte scomode gambe d'appoggio perimetrali. Il piedistallo centrale tipico dei tavoli rotondi può essere oltre che comodo da un punto di vista logistico ed organizzativo della tavola, anche esteticamente accattivante ed assumere aspetti scultorei ed architettonici davvero particolari, capaci di arricchire di fascino l'ambiente del soggiorno. Non da ultimo, il tavolo tondo offre grandi momenti di convivialità, in quanto tutti i commensali possono guardarsi negli occhi e conversare tra loro.

Da non dimenticare poi la categoria dei tavoli rotondi allungabili, perfetti durante cene con molti ospiti. Le prolunghe, poste sotto il piano, trasformano il top da una superficie circolare ad una ellittica, come possiamo vedere nel video. Meccanismi di trasformazione brevettati, nuovi, sicuri e facili da azionare sono sempre di più presenti sul mercato e alla portata di molti. A proposito di dimensioni, un tavolo rotondo può partire da forme molto contenute tipo diametro 100 cm, idoneo per quattro persone, sino a diametri maxi di 180 cm, in cui far accomodare sino a dieci ospiti. Un diametro minore di cm 70 è invece adatto ad una consolle per il soggiorno o ad un piccolo angolo lettura per due persone.

Parlando di materiali, possiamo dire che a grande richiesta sul mercato troviamo tavoli con piani in legno o con top in vetro. I tipi di materiale utilizzati per i tavoli tondi vanno a pari passo con lo stile che gli stessi tavoli intendono rappresentare. Un bel tavolo classico in legno massello rifinito con lavorazioni, intagli e decori e perimetrato da importanti sedie sempre in legno o riccamente imbottite, si presta ad arredare living in stile country e tradizionale, o ad essere l'elemento vezzoso e a contrasto con il resto dell'arredamento in un salotto più moderno e di design. Tavoli in vetro, accompagnati da sofisticate strutture in acciaio o legno, realizzate nelle forme più eccentriche, donano un tono affascinante e particolare ad ambienti più contemporanei e in stile moderno. Il piano in cristallo infatti, grazie alle sue trasparenze, permette di enfatizzare l'architettura del piedistallo, sempre più spesso caratterizzato da intrecci e geometrie speciali, nonché di esaltare la bellezza delle sedie che lo circondano, messe a nudo dalla limpidezza e dai giochi di riflessi e di luce tipici del vetro.

Chi sceglie tavoli rotondi spesso lo fa anche per arredare la cucina, sia essa classica che moderna. Adatti a questo compito sono soprattutto i tavoli allungabili, realizzati con materiali igienici, resistenti e facili da pulire. Spesso sono tavoli abbinati e coordinati al design della cucina, ma possono essere scelti anche separatamente, per rendere ancora più speciale lo stile della stanza. Non mancano poi tavoli tondi design, icone evergreen, nate per merito di noti artisti del passato e divenuti emblema dell'arredamento di alto livello. Tra tutti non possiamo non nominare il tavolo Tulip di Knoll International, disegno da Eero Saarinen nel 1956. La base in alluminio, snella e slanciata a forma di calice, sostiene un importante top rotondo o ovale realizzato in marmo o legno. Ad completare l'opera concorrono anche le sedie e le poltroncine girevoli della stessa linea, famose per la loro forma organica e per l'assenza delle quattro gambe, sostituite da una più snella e centrale base che richiama il piedistallo del tavolo design. Realizzate a quel tempo in un "avveniristico" materiale plastico, si caratterizzano per il cuscino del sedile in un inconfondibile color rosso fiammante.