Decalogo per risparmiare energia in estate

Come risparmiare energia in estate

L’estate è la stagione perfetta per risparmiare energia elettrica. Quando il caldo diventa più intenso, infatti, si possono compiere semplici azioni che riducono la bolletta del 45%, pensate un po’. Avvenia, società attiva nel settore della white economy, proprio a tal proposito ha stilato un decalogo che può tornare utile a tutti. La prima raccomandazione consiste nel ridurre il numero di ore in cui il condizionatore resta acceso; è possibile mantenere la casa più fresca in altri modi, per esempio chiudendo le finestre nella tarda mattina e nel primo pomeriggio (ovvero nei momenti della giornata in cui la temperatura è più elevata) e scegliendo piante che riescano ad assorbire la maggior quantità di calore possibile. Un altro accorgimento è l'utilizzo della funzione di deumidificazione del condizionatore che permette all'apparecchio di lavorare di meno e di rimuovere l'umidità, la quale è uno dei componenti dell'indice di calore percepito. Secondo consiglio: mettere i coperchi sulle pentole quando si cucina e spegnere il forno e i fornelli qualche minuto prima che i cibi risultino cotti. Con i coperchi il cibo raggiunge più in fretta la temperatura necessaria (le pentole a pressione fanno risparmiare fino al 70% di energia), il calore residuo emanato dal forno spento completa la cottura. Terzo suggerimento: sbrinare regolarmente frigoriferi e congelatori. Un frigorifero sbrinato ha un'efficienza energetica maggiore.
Come risparmiare energia in estate


Risparmio energia in estate

Risparmio energia in estate Continuiamo con il decalogo per risparmiare energia in estate. Il quarto suggerimento è utilizzare la lavastoviglie e la lavatrice a pieno carico, lavando il bucato a 30 gradi: ricordate che il 90% dell'energia elettrica consumata da una lavatrice serve per scaldare l'acqua del lavaggio, ma i lavaggi a temperature più basse non sono meno igieniche. Quinto punto: non lasciare mai gli apparecchi elettrici in stand by. Questa è una cosa che, invece, fanno in molti senza considerare le conseguenze in termini di consumo energetico. Pensate, per esempio, che un televisore acceso per 3 ore al giorno e lasciato per le rimanenti 21 ore consuma altrettanta energia proprio mentre è in pausa. I televisori, i lettori di CD, i caricabatterie (dei cellulari e non solo) e in generale tutti gli apparecchi in stand-by sono grandi consumatori di energia elettrica. Staccate completamente le spine, non tarderete a verificare in prima persona i risultati sulla bolletta.

  • accensione riscaldamento L’accensione riscaldamento degli impianti termici centralizzati presentano dei limiti, sia nella durata, sia nell’orario, sia nei periodi dell’anno, che mutano a seconda della zona climatica in cui è...
  • bagno play cerasa L’arredamento casa moderno per il bagno si completa di ogni soluzione utile a rendere funzionale questo spazio di cura e di benessere: è importante inoltre rendere al meglio l’ambiente con arredi e co...
  • Consigli utili per decorare la tua casa! La scelta dello stile dell'arredamento e della decorazione della casa, come succede per quella degli abiti, dipende dai gusti personali. Ogni casa rispecchia la personalità di chi la abita, anche nell...
  • Che cosa significa avere gusto nell'arredare la casa Con l’espressione “arredare la casa con gusto” s’intende una propensione per la scelta del bello, dell’estetica, e tutto ciò presuppone una cultura del bello che si apprende nel tempo, negli anni, opp...


Estate risparmio energia

Estate risparmio energia Decalogo per risparmiare energia elettrica in estate: il sesto suggerimento consiste nell’acquistare soltanto apparecchi ad alta efficienza energetica; questo, del resto, vale pure per gli altri periodi dell’anno. Gli elettrodomestici ad alta efficienza consentono di spendere meno e aiutano a ridurre l'inquinamento ambientale. Settimo punto: spegnere le luci quando non sono necessarie e anche questa è un’abitudine che si dovrebbe mantenere per dodici mesi su dodici. Per pigrizia o superficialità si tende a lasciare le luci accese persino nelle stanze in cui non c’è nessuno (o magari nelle quali si deve tornare in un secondo momento) e negli ambienti dove invece la luce naturale è più che sufficiente. Prestare un po’ di attenzione in più, in tal senso, consente di abbattere i costi relativi al consumo di energia. Nono punto: acquistare e utilizzare pile ricaricabili anziché quelle tradizionali che si scaricano e devono soltanto essere buttate. Un set di pile ricaricabili ad alta capacità costa circa due volte e mezzo il prezzo delle pile normali, includendo il caricabatterie. Ma dopo 3 ricariche si ammortizza già l'investimento iniziale e si inizia a risparmiare.


Decalogo per risparmiare energia in estate: Risparmiare energia elettrica d’estate

Risparmiare energia elettrica d’estate Il nono suggerimento contenuto nel decalogo per risparmiare energia in estate consiste nell’installare i doppi vetri alle finestre di casa e anche alle porte finestre. Più che una spesa, è un investimento vero e proprio. I doppi vetri, infatti, permettono di risparmiare fino al 70% di energia perché proteggono l’ambiente sia dal freddo che dal caldo provenienti dall’esterno, di conseguenza si può ridurre l’utilizzo di condizionatori e anche di impianti per il riscaldamento dell’aria. Ultimo punto: fare la doccia nelle ore meno calde della giornata. Perché? Presto detto: in tal modo si evita che i vapori producano un aumento dell'umidità e quindi della percezione di calore. E si avvertirà, di conseguenza, una minore necessità di accendere il condizionatore. Provate a mettere in pratica questo decalogo o almeno alcuni punti: nel giro di poche settimane i risultati saranno i vostri occhi. E anche l’ambiente ringrazierà, perché fondamentalmente si tratta di un decalogo ecologico.