Soppalco come realizzarlo

Il soppalco fisso

Quando lo spazio in una casa è sviluppato in altezza è possibile realizzare un soppalco che ci permetta di sfruttare lo spazio anche nella parte più alta che diversamente andrebbe persa.

Quando l’altezza è intorno ai quattro metri, come spesso accade nelle vecchie case, la possibilità è di realizzare un soppalco su cui inserire un piccolo spazio relax o anche solo un letto, poiché l’altezza non permetterebbe di circolare agevolmente.

A questo proposito possiamo realizzare qualcosa di fisso, in modo che si possa accedere agevolmente in uno spazio supplementare, come un letto.

Con travi di piccolo spessore si realizzerà un piano soppalcato su cui posare un assito che servirà a sorreggere un materasso, in genere in stile alla giapponese, per la nostra particolarissima zona notte.

Piccoli complementi come comodini e contenitori, luci e lampade completeranno lo spazio con stile e classe. 

camera su soppalco


Il letto a soppalco

letto soppalco Quando lo spazio non è esageratamente grande è il caso di sfruttarlo il più possibile: in questo caso è utilizzabile una struttura letto a soppalco, che ci permetterà di creare un letto rialzato, anche in formato matrimoniale, e al contempo realizzare al di sotto uno spazio sfruttabile per un armadio oppure un piccolo studiolo con divano e tavolino.

I letti a soppalco possono essere in legno oppure in tubolare metallico, soluzioni che ci permetteranno di occupare davvero poco spazio e renderanno l’ambiente gradevolmente articolato e innovativo.

Inoltre, la possibilità è di utilizzare la parte sottostante per appendere ciò che normalmente appenderemo ad un muro: un orologio, una lampada o anche qualche altro oggetto funzionale, come un attaccapanni!

Al di sotto, se non abbiamo particolari pretese, un paio di comode poltroncine e un bel tappeto peloso renderanno lo spazio esteticamente impeccabile e molto gradevole! 

  • Letto a soppalco matrimoniale Sempre più in auge il recupero dei vecchi loft e il rimodernare vecchi appartamenti mantenendone lo stile.Una soluzione che contempla il riuso e il rivivere spazi di altri luoghi, che in passato han...
  • Letto a baldacchino Il letto a baldacchino è un arredo per il riposo notturno caratterizzato da una struttura cubica cui è appeso un tendaggio. Il letto a baldacchino deriva da una lontana tradizione tra la...
  • camerette per ragazzi cia international Riposare, giocare, studiare, sognare, trascorrere il tempo soli o in compagnia degli amici: la cameretta è il regno dei più piccoli, il luogo che li vede crescere e cambiare, maturare desideri e scopr...
  • Arredare un soppalco come cameretta per i bambini è sicuramente un'idea che presenta molti aspetti positivi. Purché il soppalco sia abbastanza ampio da poter creare uno spazio completo p...


Il soppalco per i soffitti alti

Soppalco moderno Quando le case vecchie e di epoca godono di soffitti davvero molto alti, o nel caso di loft ricavati da spazi di architettura industriale, possiamo dare vita a splendide creazioni di soppalchi, non solo per dormire, questa volta.

Infatti, in questo caso data la grande altezza e peculiarità dello spazio si potranno ricavare soppalchi a ricreare spazi distinti, come ad esempio una zona notte e uno spazio dedicato al benessere e alla cura della persona.

In questo caso al piano terra avremo uno spazio living, dedicato per lo più a giovani coppie o a single: infatti, questo tipo di casa è forse più adatto a giovani e coppie poiché nel caso di una famiglia si presenterebbero problemi di riscaldamento, data la grande altezza e la dispersione del calore verso l’alto.

Foto sopra titolo: soppalco interno casa di arredare e costruire.com 


Soppalchi

Soppalchi Sfruttare lo spazio all’interno di un’abitazione evitando sia appesantimenti, sia zone eccessivamente libere, è fondamentale, soprattutto quando la superficie calpestabile è limitata.

Chi dispone di soffitti alti può pensare alla realizzazione di un soppalco tenendo presente che, in linea di massima, un piano di servizio supplementare offre diverse possibilità e cambia destinazione d’uso anche in base agli arredi che vengono collocati. Un letto, un comodino, una cassettiera creano una zona notte; un divanetto, una piccola libreria, una piantana e un tappeto, un tranquillo angolo di lettura; una scrivania e uno scaffale uno studio per i ragazzi o per chi lavora da casa; una cyclette e qualche peso una piccola zona fitness. Le soluzioni sono praticamente infinite, un guardaroba a giorno trasforma il palchetto in una cabina armadio, un mobile tv in uno spazio home theatre, una piccola tenda e dei giochi in una zona bimbi.

In foto Soppalco fisso con zona abitabile


Case con soppalco

Case con soppalco Una volta stabilito a cosa potrebbe servire un soppalco, prima di procedere occorre prendere visione della normativa. In linea generale, e a titolo meramente esemplificativo visto che le regole cambiano da Comune a Comune, se si vuole aggiungere un’area abitabile, l’altezza minima del locale dovrebbe essere di circa 440/450 centimetri, quella della zona sottostante il palchetto approssimativamente di 240/250 centimetri. In questo caso la superficie calpestabile può essere pari alla metà di quella del locale e va ad aggiungersi ai metri quadri dell’unità immobiliare originaria producendo effetti sia dal punto di vista commerciale che fiscale.

In sostanza, se si vuole creare un nuovo spazio per realizzare, ad esempio, una zona soggiorno occorre una ristrutturazione dell’immobile e deve essere richiesto il permesso di costruire. Il mancato rispetto della disciplina edilizia rende abusiva l’opera realizzata. Chi abita in condominio non deve chiedere l’autorizzazione all’assemblea condominiale anche, se per evitare contestazioni, è meglio consegnare all’amministratore copia dei permessi e la perizia rilasciata dal professionista interpellato per i lavori. Per quanto riguarda le tabelle millesimali, in genere aumentano i millesimi.

Se un palchetto viene destinato a ripostiglio, luogo chiuso e non abitabile, non occorrono autorizzazioni.

I soppalchi d’arredo, smontabili, in legno o in metallo, non richiedono il rispetto di alcuna norma. Il letto a soppalco Rising di Cinius, ad esempio, posizionabile in qualsiasi punto della stanza, ottimizza lo spazio disponibile, ma è semplicemente un mobile. L’altezza, regolabile elettricamente, permette la creazione di una zona sottostante il giaciglio. E’ in legno massello di faggio lamellare e viene realizzato esclusivamente su misura.

In foto Soppalco fisso


Soppalco in legno

Soppalco in legno Un soppalco abitabile è una zona rialzata rispetto al livello dell’appartamento e permette la permanenza di persone in piedi. Generalmente costruito in un secondo tempo rispetto all’abitazione in cui viene collocato, può essere realizzato in legno, in muratura o in metallo. In ogni caso l’impalcatura deve essere sicura e stabile nonché progettata per resistere a un carico di duecentocinquanta chilogrammi per ogni metro cubo.

Un palchettone in muratura, costruito nel rispetto delle regole, può incrementare il valore di un appartamento anche del 4-10%. Non vibra, non scricchiola e solitamente può accogliere sia un impianto idraulico, sia un impianto elettrico.

Una struttura in metallo si realizza velocemente e piace a chi predilige lo stile moderno e hi tech. Piuttosto costosa, è leggera poiché pesa 1/5 rispetto alla struttura in muratura, ma il camminamento può provocare un fastidioso rumore. Un palco in legno rende ogni ambiente intimo, accogliente e caldo. E’ veloce da realizzare e pesa 1/3 rispetto a quello in muratura; purtroppo talvolta vibra e scricchiola.

In foto Soppalco fisso in legno


Soppalco come realizzarlo: Soppalchi per abitazioni

Soppalchi per abitazioni La progettazione di un soppalco deve prendere in considerazione lo spazio che verrà occupato dalla scala utilizzata per accedere ai diversi livelli. Per limitare l’ingombro è possibile optare per una scala a chiocciola oppure per un modello lineare con gradini sfalsati o sagomati.

L’azienda italiana Rintal produce diverse tipologie di scale adatte anche alle aree rialzate: a giorno, nei modelli a fascia, sospese o modulari; a chiocciola per interni a pianta tonda o quadrata; elicoidali di tipo modulare, sospeso, in cemento; salva spazio.

Pensata per spazi ridotti è Trio 180° creata in collaborazione con Giugiaro Architettura. Esteticamente accattivante e molto robusta, occupa metà dello spazio di una scala a chiocciola. La particolare forma dei gradini, fissati al palo centrale, riduce la pedata senza diminuire la superficie di appoggio del piede.

La forma elicoidale della scala autoportante in legno Spiral Gamma si adatta ad ogni ambiente; modulabile in base all’ampiezza del locale, può essere personalizzata scegliendo, ad esempio, il colore del legno e il tipo di ringhiera, in stile classico o moderno.

In foto Scala per soppalco Trio 180° di Rintal