Visura catastale gratis, la procedura è semplice

Visura catastale metri quadri

La visura catastale è il documento che riporta i dati tecnici, identificativi e reddituali di tutti i beni immobili - dunque fabbricati e terreni – registrati al Catasto nonché i dati anagrafici e identificativi dei relativi proprietari e comproprietari. Nel novembre 2015 l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile anche la superficie catastale nelle visure delle unità immobiliari censite nelle categorie dei Gruppi A, B e C; per ben 57 milioni di immobili, dunque, è diventato possibile accedere a un dato prima visibile soltanto nelle applicazioni degli uffici. Un dato fondamentale sia in caso di compravendita che per il calcolo della Tari, ovvero l’imposta sui rifiuti, che ha come base proprio la metratura dell’immobile. Conoscere questi numeri oltre alla categoria catastale, alla classe, alla consistenza e alla rendita, significa avere maggiori certezze circa la superficie reale di un appartamento che si intende acquistare. Vuol dire anche sentirsi più tranquilli per quanto riguarda i prezzi, che devono essere conseguenza di cifre reali e possono perciò essere verificati tranquillamente in anticipo. Insomma, è stata davvero un’operazione all’insegna della trasparenza; molto utile soprattutto considerando che la visura catastale è gratis. Per quanto riguarda la Tari, invece, ora i cittadini possono accorgersi di eventuali incoerenze tra la planimetria conservata agli atti del catasto e la superficie calcolata; in altre parole, possono controllare se il Comune fa riferimento alla metratura giusta per il calcolo del tributo sui rifiuti oppure no. E in quest’ultimo caso il dato può essere rettificato direttamente dall’utente.
Visura catastale metri quadri

Chameleon Pens 52 Pen Super Set With Bonus Case, Nibs and Tweezer by Chameleon Pens

Prezzo: in offerta su Amazon a: 172€


Visura catastale online

Visura catastale online Visura catastale gratis online: una realtà dalla primavera del 2014, che ha incontrato il consenso generale ed eliminato una volta per tutte le necessità di fare file infinite per avere i documenti in questione. L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile un servizio telematico che permette di consultare la banca dati catastale e ipotecaria “relativamente agli immobili di cui il soggetto richiedente risulti titolare, anche per quota, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento”. Unica eccezione sono gli immobili appartenenti al territorio di Trento e Bolzano, province autonome. Per utilizzare il servizio bisogna soltanto registrarsi a Entratel oppure a Fisconline, indicando il proprio codice fiscale, gli identificativi catastali (Comune, sezione, foglio, particella), la provincia di ubicazione dell’immobile. Completato l’iter si potranno conoscere i dati sulla rendita, le informazioni sugli immobili censiti al Catasto fabbricati, i dati sui redditi dominicale e agrario e le informazioni sugli immobili censiti al Catasto terreni. L’accesso alla banca dati catastali è possibile anche tramite gli sportelli decentrati delle Entrate, sempre in modo gratuito: il richiedente deve presentarsi con documento d’identità o con delega nel caso in cui si tratti di un legale rappresentante. La consultazione generale delle planimetrie è invece riservata ai soggetti abilitati e abbonati al servizio a pagamento Sister.

  • progetto abitazione Al via le nuove agevolazioni previste per gli interventi di ristrutturazione degli immobili dal nuovo decreto legge 22 giugno 2012 n.83 sullo Sviluppo, varato dal governo.  Dal 36 al 50 per cento....
  • casa ecologica Partendo dal 2010,l'anno della casa ecologica si è potuta osservare una sempre maggiore attenzione verso le possibilità offerte dalla bioedilizia. Di seguito qualche spunto per usufruire degli incenti...
  • bonus ristrutturazioni Ogni volta che eseguiamo lavori sulla casa possiamo detrarre qualcosa, secondo la tipologia di lavoro e in base a cosa ci dice la circolare in merito. Le detrazioni riguardano ristrutturazioni sia di ...
  • bonus mobili Il governo Letta ha deciso di estendere all’acquisto dei mobili per la casa gli sgravi fiscali del 50% già previsti per i lavori di ristrutturazione e di prorogarli fino a fine 2013: un provvedimento ...

Reality Leuchten R43021006 Junior - Lampada da terra con paraluce in plastica, altezza 180 cm, 1 x E27 max. 60 W (lampadine non incluse), colore: Bianco/Cromato

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,09€
(Risparmi 0,31€)


Visura catastale Poste Italiane

Visura catastale Poste Italiane Visura catastale gratis: abbiamo visto come ottenerla tramite il sito delle Agenzie delle Entrate. E’ possibile richiedere il documento per tutti i fabbricati e i terreni ubicati in Italia (ad eccezione di quelli che si trovano nelle province di Trento e Bolzano) anche attraverso le Poste Italiane e ricevere i documenti presso l’ufficio postale, presso il proprio ufficio oppure presso il proprio domicilio. La richiesta può essere effettuata non solo andando alla Posta (e in tal caso la visura si ottiene in tempo reale) ma anche componendo il numero verde 800.000.186, da rete fissa o mobile, attivo tutti i giorni (festivi compresi) dalle 8:00 alle 20:00; un operatore inoltrerà la domanda all'Ufficio Provinciale del Territorio competente per la verifica dei dati e per il rilascio delle visure. Un’altra strada coincide con il servizio Certitel Catasto Web, tramite cui le visure si ricevono online o per Posta raccomandata. Il costo del servizio previsto per le richieste effettuate presso lo Sportello Amico è di 11 euro (iva inclusa). Nel caso di invio di visura mediante Posta Raccomandata si pagano invece 18,40 euro per ciascuna richiesta più i diritti erariali. Nel caso di invio via e-mail, il costo del servizio è di 6,00 euro per ciascuna richiesta.


Visura catastale gratis, la procedura è semplice: Visura catastale: come leggerla

Visura catastale: come leggerla Visura catastale gratis, ma come si legge? Non è difficile. Nella parte alta del documento vengono indicati la tipologia di visura, cioè la modalità di ricerca scelta per la produzione del documento stesso (per nominativo o per soggetto), e la data di aggiornamento dei servizi informatizzati del catasto. Poi si ritrovano i dati forniti per la ricerca, dunque i dati anagrafici oppure catastali. Ancora, c’è l’elenco delle unità immobiliari rilevate tramite la ricerca in questione e raggruppate per Comune di competenza. E ci sono i dati catastali dell’immobile, dunque il numero del foglio (ogni foglio individua un’area del territorio comunale), il numero della particella (che è contenuta nel foglio e individua un determinato fabbricato) e l’eventuale numero di subalterno (che individua con precisione la singola unità immobiliare). Si prosegue con i dati di classamento, che consentono il calcolo della rendita catastale; con l’intestazione (i proprietari), con l’indicazione di tutti i soggetti aventi diritti rilevanti sull’immobile (per esempio gli usufruttuari) e con l’indicazione dell’ubicazione dell’immobile.