Angolo studio: soluzioni e ispirazioni

Arredare l'home office

Cresce il numero di persone che necessitano di un angolo studio nella propria casa. Un’esigenza che non riguarda soltanto chi svolge la propria attività professionale tramite il telelavoro, ma anche chi è sempre oberato di impegni eppure non si rassegna all’idea di restare in ufficio fino a tardi (o andare nel weekend) e desidera comunque trascorrere un po’ di tempo in famiglia. L’angolo studio, inoltre, è sfruttato dai ragazzi per fare i compiti. Coincide anche con momenti ricreativi e creativi, durante i quali si legge o si scrive per puro diletto personale. Ma come arredare l’home office? Prima di rispondere a questa domanda, bisogna farsene altre. Occorre, cioè, innanzi tutto individuare il luogo della casa in cui l’angolo studio sarà allestito, quindi prendere tutte le misure per avere le idee chiare sullo spazio disponibile. Dopo di che si procede con la definizione degli elementi indispensabili. In cima all’elenco, naturalmente, troviamo la scrivania. O lo scrittoio. Il consiglio è quello di scegliere un modello dotato di cassetti o strutturato in modo da offrire una buona capacità contenitiva. Il tutto, naturalmente, senza relegare l’estetica in secondo piano. Una proposta che coniuga con abilità la funzionalità e il design arriva da Flou: parliamo del secrétaire con ribaltina Gentleman, design Carlo Colombo. La struttura in legno multistrato di faggio curvato è esternamente rivestita in pelle con bordo perimetrale in pelle ton-sur-ton o a contrasto, l’interno è in ebano con finitura opaca. Sempre in ebano la ribaltina e la griglia superiore, dotata di tre vaschette portaoggetti amovibili in cuoio color testa di moro. Quattro ampi cassetti, dotati di ritorno, con frontali e maniglie in pelle.
Arredare l'home office


Arredamento studio

Arredamento studio La scrivania non può mancare in un angolo studio e lo stesso dicasi della sedia. Una sedia classica, tuttavia, non rappresenta di certo la soluzione migliore perché potrebbe spingere ad assumere una postura errata e dunque provocare fastidiosi problemi alla schiena. E’ necessaria, dunque, una sedia da ufficio. E non è affatto detto che tutte le sedie da ufficio abbiano un look poco adatto all’ambiente casalingo; ci sono dei pezzi di design che anzi rappresentano un valore aggiunto per l’arredamento. Un esempio? La sedia Air Race di Calligaris, con struttura in metallo e sedile/schienale rivestiti in tessuto traspirante e lavabile. La seduta, dotata di braccioli, è girevole e regolabile in altezza grazie ad una leva. Il basamento a razze conta cinque ruote in gomma morbida. E’ una sedia resistente, leggera, comoda, perfetta per lo studio di casa. Si può scegliere fra 4 diversi rivestimenti. A chi non ama le sedie di questo tipo, girevoli e/o con le ruote, raccomandiamo comunque di scegliere modelli ergonomici. O con caratteristiche finalizzate a evitare malesseri fisici. La colonna vertebrale merita la massima attenzione.

  • home office Sempre più spesso le nostre case accolgono, oltre ai pezzi di arredo tradizionali, anche ciò che occorre per creare tra le pareti domestiche un angolo studio, sicuramente provvisto di una scrivania e ...
  • Zona studio della cameretta L’inizio della scuola rende necessaria l’organizzazione, nella cameretta dai ragazzi, di un’adeguata zona studio nel caso in cui non sia ancora presente. O nel caso in cui i figli abbiano raggiunto l’...
  • Scrivania a scomparsa Una scrivania a scomparsa, solitamente collocata nella zona notte, non rappresenta soltanto una soluzione d’emergenza ma un ottimo espediente salvaspazio studiato per l’utilizzo quotidiano, solitament...
  • design camerette Anche il design camerette si evolve, adattandosi alle nuove necessità di bambini, ragazzi e genitori. Se in passato prevalevano le camerette a ponte poiché le famiglie erano composte in media dai geni...


Locale studio in casa

Locale studio in casa Scrivania e sedia. Cos’altro non deve mancare in un angolo studio? Gli elementi contenitivi, aperti o chiusi che siano. Cassetti, vani a giorno, mensole e ripiani. E a tal proposito la scelta è davvero vasta, ci si può sbizzarrire anche se prima sarebbe opportuno fare una stima degli oggetti che devono trovare collocazione in questa particolare zona della casa. La presenza di una stampante oltre che del pc, per esempio, cambia le carte in tavola. E anche una sostanziosa mole di documenti e cartelle influiscono sul tipo di complemento da acquistare. Potrebbe bastare un classico mobiletto a tre cassetti, ma potrebbero anche rendersi necessari mobili più grandi. In tutti i casi, è bene non discostarsi – stilisticamente parlando – dal resto dell’arredamento. E cercare il più possibile di individuare soluzioni che un po’ “mascherino” la loro reale funzione. Come E-Wall di Estel, sistema a parete formato da un rivestimento murale realizzato tramite la sovrapposizione di pannelli, sostenuto da un sistema di fissaggio in parete di spessore molto contenuto, attrezzabile con mensole, contenitori pensili ad ante scorrevoli o ad ante battenti, contenitori con cassettone, divisori. Il cliente può scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze. E guardate le foto: il risultato è essenziale, elegante. Le scartoffie vengono occultate alla perfezione.


Angolo studio: soluzioni e ispirazioni: Parete attrezzata con scrivania

Parete attrezzata con scrivania Un angolo studio può anche coincidere con un’unica parete attrezzata. E’ la soluzione ideale per le case dotate di un’ampia zona living e nelle quali, tuttavia, manchi la possibilità di allestire lo studio in un’altra stanza. La parete ospita il tavolo, la sedia e a disposizione ci sono anche i vani e i ripiani per riporre tutto ciò che occorre al fine di svolgere il proprio lavoro. Per esemplificare segnaliamo Foodshelf di Scavolini, sistema che integra il living con l’ambiente cucina: mensole e fasce sulle quali posizionare liberamente basi e pensili di dimensioni, altezze e finiture diverse tra loro. La fascia sottobase può collegare la cucina stessa con il soggiorno, ma si propongono anche soluzioni indipendenti come quella che vi mostriamo nella foto. Si potrebbe definire un angolo nell’angolo. E di certo simili strutture contribuiscono a valorizzare la convivialità e permettono ai componenti della famiglia di riunirsi sia pur svolgendo attività diverse. Quasi tutti i brand, ormai, producono pareti modulari facilmente modificabili per quanto concerne dimensioni, struttura e colore.