Casa tecnologica, high-tech e ambiente per gli italiani

Arredamento ecosotenibile

Ambiente e tecnologia sono due elementi che sempre più spesso si accompagnano all’abitare contemporaneo.

Oggi si comincia a parlare di ecosostenibilità dell’arredamento ma i consumatori hanno idee ancora poco chiare, non conoscono le caratteristiche ecologiche specifiche che può avere un mobile e non sanno che peso dare alle certificazioni e alle garanzie di sostenibilità ambientale.

La casa del consumatore sta invece diventando sempre più un contenitore di dotazioni tecnologiche che fanno risparmiare, semplificare, connettere, che intrattengono e aumentano la sicurezza e il benessere: una casa tecnologica sarà la soluzione del futuro.

pannello lcd per controllo domotico

Lightess 3W LED Lampada da Parete in Alluminio, Triangolo Progettato Applique Moderna, per Teatro Studio Camera da Letto, Bianco Caldo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€
(Risparmi 26€)


Ricerca “Case da Re-inventare”

casa ecologica È quanto emerge dal nuovo capitolo dedicato al tema delle determinanti di acquisto della ricerca “Case da Re-inventare” che, curata dal Centro Studi di Cosmit/FederlegnoArredo, ha visto anche la partecipazione di importanti esperti del settore. La ricerca è commissionata da Assarredo, Associazione di FederlegnoArredo.

La ricerca parte dal presupposto che non è ancora chiaro cosa, specificatamente riguardo agli arredi, i consumatori italiani considerino “ecologico” e quindi a cosa possano attribuire un valore scegliendo di pagare un prezzo più alto.

Delle quattro caratteristiche prese in esame più strettamente riconducibili all’ambiente e riguardanti la provenienza sicura del legno, l’utilizzo di materiali riciclati e la riciclabilità, la produzione con basse emissioni di CO2 e il fatto che l’azienda produttrice sia ambientalmente responsabile è risultato che il 12% dei consumatori intervistati è disposto a pagare un 10% in più per almeno due di queste caratteristiche: si propende sempre di più per una casa tecnologica.

Il potenziale di mercato risulta così ancora abbastanza contenuto, ma per il futuro sono auspicabili azioni e iniziative che attraverso un quadro di riferimento più chiaro e coerente in termini di certificazioni e di marketing ecologico di settore possa maggiormente alimentare nel consumatore una conoscenza specifica e aspettative tecnicamente corrette.

  • biomobili Demode Valcucine La tendenza ormai diffusa a favore dell’eco-sostenibilità porta sempre più alla realizzazione di prodotti, denominati eco chic, ma completamente in antitesi con le possibilit&agrav...
  • Mobili Riva 1920 Un amore inguaribile per tutto ciò che è naturale e per il prodotto di alta qualità, quasi di “nicchia”, da cui nasce la collaborazione felice e prestigiosa con designer di fama  internazionale. Il ...
  • poltrona biomobile All'edizione autunnale di Macef 2010, Essent’ial mette in scena tutta la sua creatività e lungimiranza imprenditoriale con novità – come sempre – all’avanguardia ...
  • set di tre tovagliette quadrate, due più piccole, con grafiche a scarabocchio bianche su sfondo marrone Gli elementi caratterizzanti le collezioni Essent’ial sono la pulizia e l’essenzialità delle linee dove ogni dettaglio è magistralmente curato e dove la scelta dei mater...

Hanmero in microfibra di tessuto non tessuto contemporaneo screziato lettere modello rotolo di carta da parati per camera da letto decalcomanie moderno Beige

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,99€


Desiderio di tecnologia in casa

controlli domotici per la casa “Ci sono diverse domande da porre a questo proposito – sostiene Leandro Cappellotto, Amministratore delegato di Valcucine – perchè il consumatore italiano appare ancora “acerbo” per un mobile ecologico ed è dunque difficile per le aziende definire in modo chiaro quale sia la direzione su cui devono investire e su quali caratteristiche ecologiche devono puntare perché premianti poi dal punto di vista commerciale.

In un certo senso siamo ancora a una fase iniziale anche in termini di marketing ambientale”.

Differente l’approccio del consumatore verso il desiderio una casa tecnologica che come risulta dalla ricerca investe l’abitazione a 360°. Il consumatore nutre un desiderio di innovazione tecnologica per tutti i sistemi della casa e per tutti gli ambienti rappresentando un driver di rinnovo dell’arredamento.

Tuttavia quando si tratta di acquistare un mobile o un pezzo d’arredamento l’alto contenuto tecnologico è la determinante di acquisto principale solo per il 2% dei consumatori.


Casa tecnologica, high-tech e ambiente per gli italiani: Criteri decisivi per l'acquisto

casa high tech Nella classifica dei criteri decisivi per l’acquisto, l’alto contenuto tecnologico degli arredi si attesta comunque al sesto posto mentre il consumatore continua a prediligere la qualità (48% delle preferenze), seguita dal prezzo e l’estetica/design (rispettivamente con il 23,7% e 11,9% delle preferenze) che si posizionano ai primi tre posti.

Tuttavia occorre tenere presente che i consumatori amanti della tecnologia sono anche quelli che cambiano prodotti più facilmente e appartengono al segmento di reddito più alto che hanno una casa tecnologica gia avanzata.

Un orientamento verso una maggiore consapevolezza ecosostenibile e un’intenzione di acquisto maggiormente orientata a mobili dall’alto contenuto tecnologico può essere offerto dalle nuove possibilità di relazione diretta con il consumatore finale offerte dal web 2.0.

Si sta progressivamente affermando il ruolo nel web con un significativo potenziale di impatto su tutte le fasi del processo di acquisto: dall’orientamento alla decisione presso il punto vendita e al post vendita. Dalle dichiarazioni dei consumatori sembra comunque emergere che il web 2.0 può rappresentare il nuovo campo d’azione per conquistare e riconquistare la fiducia del consumatore attraverso social business strategies.

“I social network possono aiutarci ad ampliare il potenziale di mercato sui mercati internazionali per l’arredamento? – si domanda invece Leandro Scalco, export manager di Modenese Gastone.

Penso al coinvolgimento nei nostri processi creativi e produttivi di community di appassionati nei vari mercati internazionali. L’interesse per i prodotti italiani, per la nostra inventiva, per il nostro modo di produrre manufatti, potrebbe trovare un’eccezionale cassa di risonanza proprio in questi nuovi strumenti.”