Gazebo da giardino per fare ombra

Gazebo in legno

Una presenza quasi obbligata nel vostro giardino. Il gazebo, insieme alla pergola, è il naturale complemento d'arredo per l'esterno adatto a chi ama trascorrere molte ore della propria giornata all'aria aperta pur restando a un passo da casa. E se si ha la fortuna di avere a disposizione una superficie spaziosa con un bel prato, comodi vialetti e, perché no, una piscina, quel che ci vuole è un gazebo in legno. Le soluzioni per coronare questo piccolo – grande sogno di certo non mancano. In commercio sono disponibili prodotti di assoluta affidabilità che spaziano dalle versioni più economiche a quelle di alta gamma. Cosa cambia? I materiali utilizzati, ad esempio: i meno esigenti possono accontentarsi di legno sagomato in assi e pannelli, mentre chi è alla ricerca di qualcosa in più opterà per modelli ricavati da solidi tronchi di abete rosso o abete. Va poi considerato l'allestimento: basico per le soluzioni low cost, senza arredi e finiture, completo invece nelle versioni più ricche con tetto ventilato, tegole bituminose per la perfetta tenuta alle intemperie, pareti laterali impermeabili, porte e finestre. Ma tra i due poli di qualità c'è chiaramente una via di mezzo: gazebo in legno trattato con elementi ad incastro, facile da montare anche con il fai da te. Nell'immagine un modello di funzionalità ed eleganza senza eccessi: la modenese Dekalux propone un gazebo in legno lamellare 3 metri x 3 con travetti ad incastro (da fissare solo l'incrocio delle quattro travi), copertura in pvc e base rialzata. Già impregnato.

Gazebo in legno


Coperture per gazebo

Coperture per gazebo Gazebo vuol dire esterno, esterno significa agenti atmosferici. Fin troppo evidente ma essenziale. Nella scelta di una tensostruttura o di un manufatto in legno c'è un elemento fondamentale da tenere presente: la copertura. E non si tratta di un dettaglio. La pioggia, il vento, il caldo torrido, sono soltanto alcuni dei fattori da considerare. Vanno messe nel conto anche variabili come il peso, la compatibilità con i materiali di costruzione, l'inserimento estetico nel contesto. Ne consegue che non esiste una copertura passepartout ma ogni situazione va valutata nella propria specificità. Per gazebo con impianto solido, colonne portanti e travi di supporto, la scelta è più facile: il tetto potrà essere realizzato anche in materiale pesante (legno rivestito o tegole), e persino con superficie bituminosa. Se invece la struttura non è di quelle a prova di tornado (plastica, metallo leggero) l'opzione più consigliabile è senz'altro il materiale sintetico (poliestere, pvc) che abbina le virtù della leggerezza ai pregi della impermeabilità. Il tutto chiaramente inserito in un quadro di massima efficienza, con la massima attenzione a dettagli fondamentali come la presenza di appositi occhielli per l'alloggiamento di ganci e tiranti in nylon, e la finitura perimetrale con orlatura per favorire la discesa dell'acqua. Nella immagine che vi proponiamo il modello Classic di Segheria Proverbio: copertura in Pvc con tende laterali, ideale per gazebo 3 metri per 3 metri con tetto classico a quattro falde.


  • tavoli e sedie a bordo piscina Con la bella stagione ritorna anche quest’anno il desiderio di pensare a come progettare uno spazio verde, in giardino o sul terrazzo, dove dedicarsi al riposo e a momenti conviviali durante l&r...
  • casetta da giardino In un giardino sono davvero molte le attività che si possono fare, partendo dal verde e dalla cura delle piante e dei fiori.Infatti, per avere un outdoor che presenti bene, è fondament...
  • gazebo abstyle L'estate è simbolo di vita all'aria aperta, ma anche di caldo e afa. Per godere appieno del relax nei nostri giardini e per ritagliarsi uno spazio d'ombra in cui passare ore liete da soli o in compagn...
  • gazebo ferro battuto Sempre più spesso con l’arrivo dell’estate si passa tempo all’esterno, per godere del caldo del giorno e della brezza fresca della sera.Per l’arredo dello spazio ester...


Gazebo pieghevoli

Gazebo pieghevoli E' il sogno di ogni espositore: chiudere il proprio gazebo in un attimo, perfettamente ricomposto e pronto ad un nuovo utilizzo. E non ci vogliono proprietà miracolose perché questo avvenga: basta puntare su un modello pieghevole e il gioco è fatto. In commercio ne esistono di svariate tipologie ed è opportuno dunque valutare attentamente la scelta prima di procedere all'acquisto. Un primo aspetto riguarda il materiale del telaio. Acciaio e alluminio sono le due opzioni più in voga, ugualmente idonee sotto il profilo della flessibilità. Ma se nel primo caso il pregio maggiore è rappresentato dalla leggerezza, gli esemplari in acciaio si lasciano preferire invece per la loro solidità. Per entrambi poi occorre tener presenti gli effetti dovuti agli eventi meteo, esiziali se non adeguatamente fronteggiati con appositi trattamenti preventivi. In tal senso sarà consigliabile propendere per una copertura impermeabile che preserverà a lungo la struttura e, con un po' di pazienza, consentirà di mantenerla sempre in ottime condizioni estetiche con un semplice lavaggio. In generale, le versioni più apprezzate sono i gazebo a ragno o a fisarmonica, con aste a scomparsa e sacche per un comodo trasporto. E per i più incontentabili ecco una proposta che non ammette repliche: la linea Mastertent di ZingerleMetal consente di configurare a piacimento il proprio gazebo pieghevole accedendo a una apposita sezione del sito aziendale. Inoltre è possibile contattare il reparto grafico dell'azienda per personalizzare le pareti della struttura. In foto il modello Faltpavillon, un classico dell'azienda attiva fin dal 1948.


Gazebo da giardino per fare ombra: Gazebo 6 x 6

Gazebo 6 x 6 Per l'otium ma anche per il negotium. Un gazebo sa essere prezioso in molti contesti. Versatilità che ben conosce chi utilizza da tempo questo tipo di strutture per eventi, esposizioni fieristiche, dehors per accorsati bar dei centri storici, e molto altro ancora. Ma spesso questo particolare utilizzo deve fare i conti con esigenze di spazio maggiorate. Dal semplice gazebo da giardino si è così passati nel tempo a veri e propri padiglioni attrezzati, con tanto di servizi e finestre. Una realtà aumentata della quale hanno avvertito particolare bisogno i titolari di attività commerciali all'aperto e gli operatori impegnati soprattutto in mostre ed expo. Per loro sono state realizzate soluzioni capaci di andare oltre lo standard tradizionale, all'incirca misurabile nel classico 3 x 3, con moduli che hanno innalzato tale quota minima andando in pratica ad aggiungersi al nucleo base. Sono nate così le versioni extended che hanno trovato nel 6 x 6 il loro naturale compimento. Dal punto di vista realizzativo non ci sono particolari differenze: acciaio e alluminio sono senz'altro più utilizzati del legno ma spesso è il poliestere a fare la parte del leone per evidenti ragioni di praticità. Per il telaio si continua comunque a puntare sul metallo mentre la sagomatura è perlopiù a spiovente, così da far defluire rapidamente la pioggia depositata. Nella foto il modello Pagoda gold di Tensolux: solido telaio in metallo impermeabilizzato con elegante orlatura in poliestere e tetto a onde e spioventi. Gazebo professionale certificato.