Il Salone Internazionale del Mobile

Salone del mobile: registro delle tendenze del settore

Si conclude la 40ª edizione de il Salone Internazionale del Mobile di Milano, che si è riconfermato anche quest’anno come il principale appuntamento a livello internazionale per le ultime tendenze dell’intero sistema dell’abitare. Nonostante il 2001 si sia aperto con una pausa di riflessione per il settore del mobile, gli imprenditori italiani guardano ottimisti al nuovo anno e alle opportunità che potrebbe riservare l’apertura a nuovi mercati. Secondo le aziende leader del comparto si sta confermando una crescita della qualità del prodotto, sia a livello di design che di utilizzo di materiali più selezionati e tecnici. Lo hanno dimostrato le novità esposte presso il Salone Internazionale del Mobile , che confermano la leadership assoluta dell’imprenditoria italiana nel mondo.
librerie zenith


Mobili e complementi semplici per un luogo di sincera convivialità

libreria Il Salone Internazione del Mobile ha reigistrato la tendneza ad orientarsi verso un ambiente domestico che è ormai anche palcoscenico della vita sociale e dell’attività lavorativa, cambia la distribuzione degli spazi. La casa diviene un luogo dove vivere affetti ed emozioni in libertà, un open space in cui si abbandonano colori e finiture pesanti e ci si orienta verso mobili e complementi semplici, geometrici e funzionali. Il legno viene scelto come materiale principale per differenti tipologie di prodotto: cabine armadio, contenitori, mensole, tavoli e sedie. Per le strutture e le parti interne si opta per essenze non pregiate, quali betulla, multistrato e lamellare; per le parti a vista invece, si preferiscono il rovere sbiancato, il noce americano tinto, il wengè, il ciliegio, quasi sempre con venatura a vista. Abbinato a legno e cristallo continua l’uso dell’alluminio, metallo apprezzato per resistenza e leggerezza in librerie, contenitori a giorno, letti, tavoli, sedie, chaise longue e complementi.

La tendenza a dotare gli oggetti di un tocco naturale trova conferma nell’uso di materiali quali midollino, rattan e giunco. Accanto alle finiture consolidate negli ultimi anni, torna la laccatura lucida abbinata a colori saturi e la cromatura di parti metalliche nei prodotti che hanno il sapore degli anni Sessanta-Settanta. La semplificazione formale viene associata ad un’elevata ricerca tecnologica e funzionale nella confezione di prodotti destinati ad un’ampia fascia di mercato.


    Libreria Zenith: alluminio per una struttura leggerissima

    Per la zona giorno nascono programmi da parete realizzati “su misura” in base a spazi ed esigenze. Metropolis di Tisettanta, è un sistema componibile e versatile, dotato di ante scorrevoli e cassetti (nelle finiture ciliegio cacao e laccato bianco lucido), ma anche con vani a giorno e innovativi contenitori con ante reversibili ed attrezzabili per il computer (nelle finiture laccato seta bianco e ciliegio naturale, con scala in metallo). Scandire lo spazio permettendo alla luce di filtrare liberamente: Rimadesio con la libreria Zenit, propone un sistema di montanti in alluminio dalla struttura leggerissima, su cui posizionare liberamente gli accessori. La possibilità di aggancio al soffitto offre soluzioni per il centro stanza. Il fianco portante tipico dei sistemi da parete diventa, in Syto di Poliform, un leggero telaio all’interno del quale sono inseriti pannelli di materiali e dimensioni diversi. I fianchi in vetro si possono spostare e riposizionare ruotando una levetta. Due versioni per il programma Continuità di Misuraemme: una con struttura laccata color talco, vassoi e panca in rovere naturale oppure con ante in legno e vetro bombate, accessori e panca in rovere tinto wengè.


    Sedia Maka di Horm

    Due elementi fondamentali della zona giorno sono il tavolo e le sedie. Attorno al tavolo ci si riunisce per cenare con gli amici, per festeggiare una ricorrenza, per discutere e anche per studiare. Non più obbligatoriamente in stile uno con le altre, tavolo e sedie sono scelti in base al gusto personale, al comfort e alle ultime tendenze del design. Il minimalismo prevalente vuole forme geometriche e pulite, tinte unite e toni pacati per i rivestimenti, sottili piani in legno o cristallo, finiture in cuoio o metallo, per soluzioni d’arredo contemporanee. Il Salone Internazionale del Mobile di Milano detta le regole anche per i trend di sedie e zona giorno. 


    Il Salone Internazionale del Mobile: Tavolo di Cattelan e poltroncina Mia di Bonaldo

    continuità di misuraemme Tra le novità viste presso il Salone Internazionale del Mobile c'è Mistral, tavolo allungabile in acciaio verniciato argento di Cattelan. Con gambe in acciaio cromato e piano allungabile in cristallo sabbiato, trasparente o mix. Nella foto abbinato alle sedie rivestite in pelle Piuma.

    Dalla collaborazione tra il marchio Bonaldo e l’architetto tedesco Jan Armagardt nascono il tavolo Kao, con piano fisso in cristallo e gambe in legno e metallo, e la poltroncina Mia, con struttura in metallo e rivestimento sfoderabile in tessuto, pelle o alcantara. Lo schienale, leggermente inclinabile con la pressione del corpo, rende la seduta particolarmente confortevole. Faggio massello e pioppo sono i due materiali scelti da Horm per il tavolo Porto, la cui particolarità risiede nell’avere due gambe, contrapposte diagonalmente, situate negli angoli estremi e le altre due che rientrano. Questo permette di affiancare due tavoli senza avere il raddoppio della gamba. Sempre di Horm la sedia impilabile Maka, realizzata in faggio multistrato e disponibile con o senza braccioli.