Le nuove proposte di arredo bagno firmate Arcom al Salone del Mobile 2018

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 13 giugno 2018

Il total look per l'ambiente bagno

La 57a edizione del Salone del Mobile di Milano, tenutasi dal 17 al 22 aprile, è stata l’occasione per Arcom di presentare in anteprima una serie di novità riguardanti non solo il design delle nuove proposte, ma anche i loro colori e le loro finiture. Il tutto ha contribuito a rendere lo stand del brand ancora più suggestivo e imperdibile da visitare.

Mobili, cabine doccia, complementi e accessori… Tutto quanto è stato pensato e accuratamente predisposto per dar vita a diverse ambientazioni: a farla da padrone è stato sopra ogni cosa il total look per la sala da bagno, grazie alla possibilità di coordinare le finiture dei top dei mobili con i piatti doccia e di poter personalizzare i colori della rubinetteria e i profili delle cabine. A completare il tutto con un ultimo tocco, gli elementi del nuovo dress-up. Scopri insieme a noi le nuove collezioni di arredo bagno presentate al recente Salone del Bagno da Arcom: Vanity, Dafne e Pollock.

Vanity, grande personalizzazione nelle finiture

Rivisitazione in chiave moderna di un modello classico con anta a telaio, nel programma di arredo bagno Vanity l’anta si caratterizza per la cornice sottile che ne delinea il perimetro. Per completare questo modello si è scelta una maniglia nera, sottile e dal tratto minimale, che pretende però il suo spazio fra le venature del Frassino. Il frassino tinto può essere scelto fra 8 tonalità diverse, con l’obiettivo di valorizzare il design di Vanity ed esprimere il maggior numero di stili di arredamento attraverso le diverse venature: le tinte chiare e neutre sposano il look naturale, quelle nei toni del grigio sono perfette per il moderno, mentre gli amanti del trendy potranno sbizzarrirsi con i colori. In più, oltre al frassino è possibile scegliere fra le 50 tonalità laccate lucide e opache. Il piano top è in teknoril e può essere liscio o effetto pietra, così come è stato presentato nella cornice fieristica, con la stessa finitura riproposta anche sul piatto doccia. Ad arricchire la composizione ci sono le mensole in metallo, disponibili in diverse dimensioni e finiture. Esse sono l’elemento perfetto per guidarci nella creazione di un abbinamento di tendenza.

Dafne, il bagno minimal style

Dafne è testimonial riuscita e sincera del concetto di minimal applicato all’arredamento, caratterizzandosi per il taglio a 45° non solo sulle basi sospese, ma anche per quanto riguarda top e mensole. I pannelli tagliati a 45° lungo tutto il perimetro sembrano delle grandi mensole in lamiere e conferiscono leggerezza ed eleganza ad un piano chiamato a sostenere il peso di un lavabo in marmo. Sul piano più grande c’è una luce led perimetrale, posta nella parte posteriore e utilizzabile come luce di cortesia. La grande personalizzazione del modello rappresenta il suo più grande punto di forza e valore aggiunto: le mensole che poggiano su quella più grande sono dotate di un sistema di aggancio sul retro che consente di riposizionarle in qualsiasi momento a seconda delle necessità. Scocca, frontali e top sono in laccato, una soluzione ideale per chi ama l’effetto pendant con un’unica finitura. I colori laccati, sia che siano scelti lucidi o opachi, in tinta o abbinati, rendono le superfici lisce al tatto e particolarmente omogenee alla vista. Così come il resto delle struttura, anche la specchiera è caratterizzata da un telaio a 45°, che riprende le linee di basi e piano top. Giocando sui richiami, il nero del telaio è stato ripreso sulla rubinetteria e sui profili della cabina doccia.

Pollok, l'eleganza dei dettagli bronzati

Pollock non passa certo inosservato e deve il suo forte impatto soprattutto alla nuova finitura Eucalipto e ai dettagli bronzati. Pratiche ed eleganti, le nuove maniglie sono talmente sottili da assomigliare a linee che risaltano sul fondo scuro dell’eucalipto. Per chi volesse creare una composizione asimmetrica, esse possono essere posizionate a destra o a sinistra del frontale; al contrario, si può creare una sorta di maniglia centrale accostando due basi diverse. La rubinetteria e i profili della chiusura doccia riprendono la finitura bronzata delle maniglie. A completare la composizione entra in scena il piano in gres da 1 cm con vasca integrata. Alzatina posteriore e piatto doccia sono composti dello stesso materiale.

Sfoglia i cataloghi: