A Falmec il Red Dot Design Award

Il design come elemento decisivo nella competizione

Uno straordinario riconoscimento che premia la scelta di considerare il design un fattore decisivo di competizione strategica. Falmec ha vinto il prestigioso Red Dot Design Award, il premio internazionale che ogni anno dal 1955, ad Essen, in Germania, porta alla ribalta i capolavori del design di tutto il mondo. Il premio costituisce uno dei riconoscimenti più accreditati nel campo del design e in passato è stato assegnato ad aziende come Apple, BMW, Philips, Guzzini, Pininfarina, Adidas, ecc.
cappe cottura

Faber INCA SMART C GR A52

Prezzo: in offerta su Amazon a: 67€


Le nuove cappe per cucina Prestige e Rialto

cappa rialto Falmec, alla sua prima partecipazione, ha presentato al Red Dot Design Award due cappe della nuova collezione 2010: Prestige, disegnata da Emo design, e Rialto, firmata da Antoniazzi & Niolu design. Entrambe sono state insignite del Red Dot 2010 per la categoria Product Design - sezione Households and kitchens (kitchens appliances and machines).

 

La giuria ha preso complessivamente in esame ben 4.252 realizzazioni di 1.636 aziende, in rappresentanza di 57 paesi di tutto il mondo ed ha espresso valutazioni che hanno tenuto conto non solo della qualità progettuale e formale di ciascun prodotto, ma anche della sua reale efficienza, accertata tramite test funzionali.

 

Il premio verrà consegnato il 5 luglio 2010 durante una cerimonia solenne che si terrà nell’Aalto-Theater di Essen e le cappe Falmec, come tutti i prodotti premiati, saranno presentate in una speciale esposizione presso il Red Dot Museum di Zollverein (Essen) dal 6 luglio al 1 agosto 2010.

 

Abbiamo chiesto ai designer che hanno firmato le cappe premiate con il Red Dot Design Award 2010 di parlare delle loro concezioni teoriche e dei percorsi creativi che hanno portato alla progettazione di elettrodomestici che hanno il fascino di splendidi oggetti d’arredo.

  • veduta di dettaglio della cappa in acciaio con fasce di rivestimento Sempre attenta alle esigenze di mercato e dei cucinieri, Falmec propone cappe dal design unico. Protagonisti il vetro, la luce e l’acciaio uniti alla migliore tecnologia dell’aspirazione e alla qualit...
  • Cappa cucina in acciaio Fin dalle sue origini Falmec cappe si muove in modo responsabile per conciliare produzione, attenzione alle risorse, mercato e sostenibilità. Oggi riunisce i valori che orientano le sue sc...
  • cappe falmec elettrodomestici Il valore delle cappe per cucina e dei sistemi aspiranti Falmec nasce da una precisa vocazione per la specializzazione. Una vocazione che sin dagli albori dell’azienda si è espressa nella...
  • Cappa Mirabilia modello Mahattan Le cappe aspiranti per cucina della Falmec si possono trovare in diverse tipologie e modelli. La cappa Falmec aspirante Adara, realizzata in acciaio inox e vetro, si caratterizza per le linee raffina...

Klarstein TR90WS Filter 3 cappa aspirante da cucina (90cm, 340m³/h, 3 filtri antigrasso, funzione riciclo, rumore e consumo energetico minimi, 3 livelli di potenza, 2 lampade da 20 Watt, acciao) - grigio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 129,99€


A Falmec il Red Dot Design Award: Vittore Niolu e Alessandro Antoniazzi per la cappa Rialto

cappa prestige D: Da quale idea nasce la cappa “Rialto” da voi disegnata?

R: A Venezia, a novembre, in un giorno di particolare luminosità e nitidezza, il gioco di riflessi nell’acqua a fianco del ponte di Rialto suggeriva forme e colori di una purezza unica e irripetibile… Il sogno e l’astrazione sono fondamentali nella ricerca dell’essenziale. L’emozione di quel momento ci ha fatto intuire una possibile strada da percorrere per rispondere alla richiesta dell’azienda, molto determinata nella ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie, che voleva trovare una simbiosi tra dimensione emozionale e contenuto innovativo.

La cappa “Rialto” gioca con l’abbinamento di materiali puri, come l’acciaio lucido e ossidato, e una forma rigorosa, ma non banalmente rigida. Il gioco dei riflessi rende partecipi della situazione e dell’ambiente vissuto allora, variabile al variare della luce e dei movimenti.

 

D: Qual è il ruolo del design per questo tipo di elettrodomestico?

R: La cappa “Rialto” presentata al Red Dot Design Award rappresenta un elemento di distinzione e di grande personalità; aiuta a caratterizzare l’ambiente cucina e in una lettura di mercato che tende sempre più all’omologazione, sia nelle linee che nei frontali dei mobili, diventa sinonimo di tecnologia, di funzionalità, anche grazie ad un’estetica accattivante e originale.

Progettare un oggetto di uso quotidiano significa innanzitutto muoversi liberamente nella dimensione emozionale per poi confrontarsi nella ricerca dell’essenziale.

Dall’intuizione prendono forma immagini, idee eterogenee, fino all’espressione più compiuta delle forme.

Non ci si può limitare alla ricerca della perfezione di oggetti già noti o alla cura del dettaglio fine a se stessa. Proprio in questo vediamo il ruolo fondamentale della nostra ricerca: variare parametri dati per certi, percorrere sentieri diversi, stando sempre attenti alle mutazioni del gusto, degli stili di vita ed alla percezione del bello.

D: In che modo il design può contribuire a migliorare la funzionalità del prodotto?

R: La sensibilità crescente nei confronti del rispetto per l’ambiente, nei paesi sviluppati, è sicuramente uno dei temi sui quali il design opera sfruttando le competenze tecnologiche dell’azienda.

Ci piace pensare alla cappa come ad un elemento funzionale capace di determinare lo stile di un ambiente, non limitato al filtraggio dei vapori e degli odori. 

 

La cappa “Rialto” vuole essere un oggetto scultoreo in cui non compare il camino. La luce a neon evidenzia il distacco dalla parete, creando uno scenario di luce, anche in funzione dell’utilizzo del momento, con consumi ridotti di energia, grazie ai LED utilizzati per la luce di servizio. Anche il rumore del motore si riduce di circa l’80% rispetto ai sistemi tradizionali e quindi si è pensato di fornire come optional un sistema audio innovativo, dove l’acciaio in vibrazione diventa cassa armonica…

Questo è solo un esempio di come la nostra ricerca possa contribuire alla sensazione di benessere e alla eco-compatibilità degli ambienti domestici. 

È un percorso entusiasmante, che già ci porta verso nuovi sentieri, nuove idee e progetti, sempre pronti al confronto e all’applicazione di tecnologie d’avanguardia.