Back to school, organizzare la zona studio in cameretta

Zona studio della cameretta

L’inizio della scuola rende necessaria l’organizzazione, nella cameretta dai ragazzi, di un’adeguata zona studio nel caso in cui non sia ancora presente. O nel caso in cui i figli abbiano raggiunto l’età giusta e debbano quindi “armarsi” di libri, quaderni, articoli di cancelleria e tutto ciò che risulta utile e indispensabile per il percorso da studenti. Gli elementi fondamentali di un’attrezzata zona studio sono la scrivania, la sedia, la libreria o le mensole, la lampada. Da qua bisogna partire per la progettazione. Il piano d’appoggio e la seduta dovrebbero essere sempre valutati insieme in modo da garantire una buona dose di comfort e funzionalità, ma anche consentire una postura corretta. Il piano di scrittura dovrebbe essere di circa 30 cm più alto rispetto al piano di seduta e sarebbe opportuno acquistare una sedia ergonomica, meglio ancora se dotata di ruota in modo da godere di una migliore mobilità e di una minore rumorosità. Per quanto riguarda la libreria, si sconsigliano i modelli classici. Molto meglio sono le librerie moderne, colorate e possibilmente componibili: in tal modo possono assumere le forme e le dimensioni più adatte alle singole esigenze. In foto Dynamic Night #1 di Clever, cameretta con due letti singoli a scomparsa di cui uno con scrivania integrata. E’ incluso l’armadio a ponte angolare.
Zona studio della cameretta


Zona studio nella cameretta

Zona studio nella cameretta Per quanto riguarda l’aspetto economico, è preferibile acquistare una cameretta che già comprenda la zona studio piuttosto che organizzare quest’ultima in una fase successiva, acquistando cioè la scrivania, la sedia, la libreria e gli altri elementi in un momento successivo. La proposta sul mercato è talmente ampia da soddisfare tutte le esigenze, relative allo spazio disponibile e alla struttura del vano, e tutti i gusti. Una composizione ad hoc, inoltre, è caratterizzata da abbinamenti perfetti e studiati in ogni dettaglio: scindendo l’area dedicata allo studio dal resto della stanza e arredandola in un momento successivo diventa difficile combinare accostamenti all’insegna di una totale armonia sia stilistica che cromatica. Da non sottovalutare l’importanza dell’illuminazione. E’ fondamentale che i ragazzi abbiano la possibilità di studiare nel migliore dei modi e a tal proposito la soluzione ottimale coincide con lampade la cui intensità e tonalità possano essere regolate in base alle esigenze e alle attività del momento. La zona studio, del resto, può essere utilizzata anche per dedicarsi a vari hobby, in primis il disegno. In foto la cameretta a soppalco angolare in Betulla CM03 di Giessegi con due postazioni lavoro.

  • restyling camera da letto Per il mio primo restyling si è offerto di fare da cavia un mio carissimo amico, ma non pensate che questo mi abbia facilitato le cose, ecco cosa mi ha detto: "Non mi piacciono le mensole, mi p...
  • Orsetti di gomma profumati per armadi Fragranze per la cura del corpo, profumazioni appositamente dedicate al tessile e persino una linea di diffusori studiati per dare un tocco di glamour alle autovetture: non conosce sosta la creativit&...
  • lettino bebe Si presenta così il lettino Soft - novità 2010 Erbesi lettini, che si trasforma da lettino in divanetto con pochi, semplici gesti.  Modello brevettato da Erbesi, il le...
  • Come arredare una camera da letto Oggi la camera da letto assume un nuovo e differente significato dal mero riposo notturno. Quando pensiamo a come arredare la camera da letto moderna pensiamo alle sue funzioni: relax in primo luogo, ...


Angolo studio cameretta

Angolo studio cameretta Anche nel caso in cui lo spazio sia carente, cosa che capita spesso negli appartamenti moderni, è possibile allestire una zona studio comoda e funzionale. Per esempio privilegiando soluzioni ad hoc quali scrivanie ad angolo o sospese, oppure letti a scomparsa che durante il giorno possano lasciare una buona quantità di superficie libera, o ancora puntando sulle librerie modulari e sfruttando l’altezza per quegli oggetti che non sono di uso quotidiano. Ancora, i ponti e i letti a castelli consentono di organizzare la postazione lavoro nella parte sottostante mentre alcune scrivanie a parete si chiudono facilmente e velocemente quando non servono e si riaprono con altrettante semplicità. Se non c’è la possibilità di collocare una libreria, una valida alternativa è rappresentata da mensole e ripiani magari posizionati in modo non allineato (anche sotto il piano di scrittura, come mostrato nella foto) per dare un’idea di maggiore dinamismo e movimento. E poi ci sono quei complementi strategici come i pouf contenitori, che svolgono una doppia funzione: fanno da seduta e poggiapiedi e al contempo mettono in campo una buona capacità contenitiva. In foto la cameretta Golf di Colombini.


Back to school, organizzare la zona studio in cameretta: Zona studio camera ragazzi

Zona studio camera ragazzi L’angolo studio è uno spazio nello spazio. Un’area che deve essere ricavata nella cameretta dei ragazzi per consentire loro di studiare anche diverse ore di seguito, comodamente e avendo a portata di mano tutto ciò che è necessario per lo svolgimento dei compiti. Importante è posizionare la scrivania in modo che risulti adeguatamente illuminata dalla luce naturale proveniente da finestre a balconi: se vostro figlio è destro, la luce deve arrivare da sinistra; se è mancino, deve arrivare da destra. Badate inoltre che non si creino fastidiose ombre nel momento in cui si scrive. Se possibile, accanto alla scrivania posizionate mobili contenitori per sistemare i libri e tutto il materiale scolastico: non sempre la libreria e le mensole sono sufficienti e in ogni caso i vani chiusi consentono di mantenere un maggiore ordine. Un’idea in più? Attaccare alla parete un pannello (in legno sottile oppure in sughero) che “ospiti” appunti importanti, post it con su scritte le cose da ricordare ma anche foto e disegni. Per quanto riguarda i colori, soprattutto per la zona studio si consigliano il bianco e altre tonalità neutre, o comunque non troppo accese, che trasmettano un senso di tranquillità e non stanchino gli occhi. In foto una proposta firmata Moretti Compact.