Biennale di Venezia: 14ma Mostra Internazionale di Architettura

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 11 luglio 2014

Al via la Biennale di Venezia

È iniziata la 14ma mostra internazionale di Architettura di Venezia Fundamentals, da sabato 7 giugno a domenica 23 novembre all’Arsenale e ai giardini della Biennale di Venezia. È stata prolungata la durata della manifestazione da tre a sei mesi per permettere un maggiore afflusso di visitatori all’evento. 65 le partecipazioni nazionali con 10 paesi alla prima apparizione e 22 invece gli eventi collaterali. La mostra sarà inaugurata ai Giardini con premi ufficiali assegnati dalla giuria internazionale e attribuzione del Leone d’Oro alla carriera all’architetto canadese Phyllis Lambert, progettista del Seagram Buildings di New York, per il grande contributo dato all’architettura.

Tre mostre complementari per la Biennale di Venezia

Curata da Rem Koolhaas, l’evento rappresenta una Biennale di ricerca, e consiste in tre mostre complementari: • Absorbing Modernity: 1914-2014, con Partecipazioni Nazionali. Un unico tema sviluppato per la prima volta in cui s’indagheranno i momenti decisivi di un percorso secolare inerente la modernizzazione.   • Monditalia, all’Arsenale: in questo particolare appuntamento, Danza, Musica, Teatro, Cinema che sono gli altri Festival della Biennale di Venezia collaborano con la Mostra di Architettura per offrire un ritratto complessivo dell’Italia che vede tutti i settori artistici fusi tra loro. • Elements of Architecture nel Padiglione Centrale: il risultato questo di una ricerca durata anni, la Harvard Graduate School of Design con la collaborazione di esperti provenienti dall’industria e dal mondo accademico. Un’analisi dettagliata degli elementi costitutivi gli edifici, pavimenti, pareti, tetti, soffitti, facciate, balconi, porte, finestre, servizi, scale, scale mobili, ascensori, rampe, corridoi, camini utilizzati da ogni architetto in tempi e luoghi differenti. Confronto tra elementi antichi, passati, presenti e futuri, in stanze differenti, ognuna con una propria singolarità.

Sfoglia i cataloghi: