Bioedilizia prezzi

vedi anche: Bioedilizia

Case bioedilizia prezzi

La bioedilizia privilegia per le costruzioni materiali composti da sostanze naturali, quindi facili da riciclare, di basso impatto ambientale e biodegradabili. Sughero, legno, fibra di cocco o di lana, pietra sono tutti materiali utilizzati in bioedilizia, ma quanto costano queste case? I prezzi sono calcolabili solo a livello indicativo poiché ogni cliente ha i suoi obiettivi e i suoi gusti estetici. Ad esempio il grezzo avanzato ha prezzi intorno ai 700 euro al mq.

Per grezzo avanzato s’intende un’abitazione completa nella parte esterna, mentre all’interno sono escluse opere di finitura in cui sono determinanti le esigenze del singolo cliente. In particolare gli ambienti interni saranno pronti per essere stuccati, tinteggiati e per ricevere il completamento dell'impiantistica, la posa di pavimenti e di rivestimenti, l'installazione di porte interne, caloriferi, sanitari e così via. Bioedilizia, prezzi non proibitivi, dunque.



Nella foto, casa bioedilizia di Zenker Italia

bioedilizia prezzi


Case in bioedilizia prezzi

Case in bioedilizia prezzi Case bioedilizia, prezzi che invece salgono nelle proposte chiavi in mano, ossia la formula di residenza ottimale che consente al cliente di ottenere la propria casa in tempi estremamente brevi, seguendo il suo gusto estetico e funzionale.

La soluzione chiavi in mano o turnkey, con la quale si sale a circa milleduecento euro al mq o anche di più, conta le seguenti opere: grezzo avanzato, impianto elettrico, Impianto termo-idraulico, sanitari e caldaia, pavimenti e rivestimenti interni, porte interne, tinteggiatura interna, mentre non è inclusa la progettazione architettonica, le pratiche autorizzative e burocratiche, la progettazione degli spazi interni, le pavimentazioni esterne e i muri perimetrali, le fondazioni e le opere di fognatura.

In foto, una casa in bioedilizia dello Studio Vesia


  • certificazione icea Nasce la prima certificazione interamente italiana nel campo dell’edilizia bio-ecologica: 10 aziende edili e 26 classi di prodotti già certificati: dagli intonaci con calce naturale agli isolanti in s...
  • Casa di legno pagano con piscina La riscoperta di ciò che è naturale sta invadendo giorno dopo giorno tutti i campi dell’agire umano: medicina omeopatica, cibo biologico, auto ecologiche, abiti in fibre naturali sino ad approdare neg...
  • Casa moderna in legno Con l’obiettivo di far conoscere in Italia il valore e i grandi vantaggi offerti dalle case in legno (benessere, eco-sostenibilità, risparmio energetico, qualità tedesca, affidabilità, durata e veloci...
  • condominio sostenibile Una soluzione progettuale all’avanguardia: i vantaggi dell’integrazione tra condensazione e solare. Un “lieto evento” a Rezzato (Brescia): «È pronta la nu...


Case bioedilizia in legno prezzi

Case bioedilizia in legno prezzi Ovviamente, anche le case in bioedilizia in legno sono costruite complete nella parte esterna, mentre nell’area interna non sono comprese le opere di finitura. Il prezzo al metro quadrato di una casa in legno o in tronchi varia in base a diversi fattori, tra cui: forma e dimensioni dei tronchi; materiali selezionati per le finiture; requisiti per gli infissi; la posizione del luogo di costruzione e via dicendo. Se il progetto viene fornito dal cliente, i costi salgono ulteriormente, chiaramente. Tuttavia si può affermare, che il costo di una casa prefabbricata in legno è sempre più basso rispetto a quello di una residenza in muratura poiché quest’ultima necessita di fondamenta, di finiture più sofisticate per l’utilizzo di malte, pitture e materiali vari, assenti e rimpiazzati con una semplice mano di vernice nelle case bioedilizia in legno.

In foto, casa bioedilizia in legno prefabbricata “Delta” di Marles


Case bioedilizia prezzi

Case bioedilizia prezzi Di recente lo studio di architettura di Michele Ricci e Giovanna Nardini ha progettato tre villette a schiera a basso impatto ambientale ed economicamente sostenibili. E fin qui la novità è relativa, visto che il trend va avanti ormai da qualche tempo. Ciò che cattura l’attenzione sono i materiali utilizzati. I tre edifici in questione, infatti, hanno una struttura portante in legno, le tamponature esterne in balle di paglia compressa, gli intonaci esterni in calce naturale e quelli interni in terra cruda. Non assomigliano assolutamente alle capanne preistoriche, come qualcuno potrebbe ipotizzare, vengono ricondotte alla classe energetica A+ e hanno una notevole resistenza a sismi e incendi. Ogni appartamento è distribuito su due piani fuori terra (120 mq), garage-taverna nell’interrato (67 mq), tetto terrazzato (71 mq) e giradino (55 mq). L’intero complesso si inserisce in un lotto urbano dalla forma "romboidale scalena" che ne limitava la progettazione ma che ne ha caratterizzato l’architettura. Le richieste fondamentali della committenza erano: indipendenza verticale, presenza di uno o più giardini privati, tetto terrazzato, garage interrato, case simili tra loro, design moderno o contemporaneo. "Le case in paglia non hanno solo vantaggi ecologici – spiega dice Michele Ricci - bensì anche economici. Esse, infatti, sono più convenienti di altre soluzioni di bioedilizia e non meno di edifici costruiti tradizionalmente”. Il prezzo si aggira intorno ai 1000- 1100 euro al metro quadro. Naturali, sostenibili e costruite con materiali a km zero: le case di paglia sembrano avere le carte in regole per diventare le abitazioni del futuro e segnare un nuovo traguardo della bioedilizia. Occorre, però, attendere qualche tempo per verificare come si riveli la qualità della vita fra quelle mura.


Casa bioedilizia prezzi

Casa bioedilizia prezzi Ormai è stato ampiamente dimostrato: le case prefabbricate in legno garantiscono qualità, comfort e benessere abitativo; soddisfano le più diverse esigenze nel massimo rispetto verso l’ambiente. Il legno viene assemblato e funge da elemento portante dell’intera costruzione, mentre le pareti vengono riempite all’interno con materiali isolanti e rivestite all’esterno con pannelli (in legno, cartongesso, fibre di gesso o altri materiali). Il risultato finale è un edificio a basso consumo energetico e minimo impatto ambientale, stabile, sicuro, che non richiede particolari manutenzioni, ad alto potere ignifugo e antisismico e perfettamente isolato dal punto di vista termico e acustico. Dopo lunghi anni di studi e sperimentazioni, oggi i prefabbricati acquistano crescenti consensi e si impongono come costruzioni di qualità; fra i numerosi vantaggi offerti è doveroso sottolineare l’individualità del progetto, i tempi ridotti per la realizzazione, i prezzi preventivati fissi che non subiscono variazione in corso d’opera, i costi trasparenti e contenuti (si calcola un risparmio tra il 10 e il 30 per cento rispetto agli edifici tradizionali), nonché l’elevato benessere e comfort abitativo. Le principali aziende costruttrici mettono in campo tecnologie all’avanguardia e hanno l’ambizioso obiettivo di proporre soluzioni abitative come le case a consumo zero. Riusciranno a raggiungerlo? In foto una casa prefabbricata di Wolf Haus.


Bioedilizia prezzi: Prezzi case bioedilizia

Prezzi case bioedilizia La progettazione e costruzione di edifici dal ridotto impatto ambientale, caratterizzati dall’impiego di materiali ecologici e tecniche costruttive innovative, comporta vantaggi economici e ambientali. Grazie alla bioedilizia, inoltre, si danno risposte concrete a diverse esigenze legate ai problemi di salute causati dalle sostanze chimiche contenute in alcuni materiali edili e in prodotti di finitura. Il prefisso “bio” si riferisce proprio alla necessità che progettazione, costruzione, selezione dei materiali, tecniche costruttive e impiantistiche garantiscano la più alta salubrità dei luoghi in cui abitare e la migliore sostenibilità. La bioedilizia comporta quindi anche un impegno etico, culturale e tecnico maggiore rispetto a una costruzione tradizionale. Con costi che gradualmente si stanno riducendo. Entro il 31 dicembre 2020 è previsto che tutti gli edifici di nuova costruzione siano “a energia quasi zero”, ovvero ad altissima prestazione energetica; in altre parole, il ridottissimo (se non pari a zero) fabbisogno energetico dovrebbe essere coperto quasi interamente da energia proveniente da fonti rinnovabili. Non solo. Il Consiglio Europeo ha approvato un obiettivo, vincolante, di riduzione delle emissioni nazionali di gas a effetto serra di almeno il 40 per cento rispetto ai livelli registrati nel 1990, da attuarsi entro il 2030. Purtroppo la maggior parte degli edifici italiani è in classe energetica C e il riscaldamento e la climatizzazione degli ambienti si pongono al secondo posto, dopo il traffico motorizzato, per emissioni di gas serra in atmosfera. Per costruire nuovi edifici e nuove infrastrutture, per realizzare materiali e smaltire i rifiuti edili bisognerebbe occupare ampie fette di territorio ed enormi quantitativi di energia, la quale oggi è ancora principalmente ancora prodotta da petrolio e da fonti non rinnovabili. E’ proprio da questa situazione che deriva la necessità di innovare i metodi costruttivi e fare tutto il possibile per agevolare lo sviluppo della bioedilizia. In foto una casa realizzata da Barra&Barra.