Casa ecologica, un'abitazione unifamiliare in stile modernista

Progetto casa ecologica

Fa uso di un linguaggio con evidenti riferimenti alla tradizione del Movimento Moderno, senza mai abbandonare gli aspetti ecologici che contraddistinguono l'architettura contemporanea: ci riferiamo alla casa ecologica edificata sui colli di Montesilvano, a nord di Pescara, che è la nuova residenza dell'architetto Pierluigi Natalucci e della moglie Roberta Di Pietro, docente universitaria.

I tratti distintivi dei netti volumi parallelepipedi s’identificano con i prospetti con ampie aperture, del tutto simili a “tagli” che consentono l'ingresso e la diffusione della luce anche al piano inferiore. Le superfici di copertura sono terrazzi praticabili: ampi solarium con una vista panoramica straordinaria sul litorale. Il rapporto fra spazi interni ed esterni è valorizzato dai collegamenti funzionali e dalle introspezioni visive, per esempio nel caso del patio, ubicato alla quota del seminterrato, e del giardino, piacevole prolungamento del tinello.
casa ecologica


Case ecologiche

La sperimentazione di soluzioni innovative sotto il duplice aspetto linguistico e tecnologico è tipico delle case ecologiche e l’abitazione dell’architetto Pierluigi Natalucci ne è un ottimo esempio. L'uso a vista di setti portanti in legno lamellare e del cappotto esterno in pannelli di sughero evidenziano la natura prettamente ecologica del progetto.

“L'insieme assicura ottimi valori d’isolamento termico, dal freddo come dal caldo, con valori di sfasamento estivo eccellenti, a vantaggio dell'inerzia termica dell'interno edificio e del conseguente comfort degli ambienti. Abbiamo così ridotto al minimo il fabbisogno energetico, coperto da un impianto fotovoltaico da 6 kW con pannelli ibridi che collabora con una pompa di calore aria-acqua la quale, a sua volta, genera i fluidi termovettori per l'impianto di climatizzazione ad aria, con recuperatore di calore, e per la produzione di acqua calda sanitaria. Un sistema di ventilazione meccanica controllata completa l’impianto” spiega l’architetto Natalucci che aggiunge: “L’involucro a elevata tenuta è stato una delle principali sfide tecniche, soprattutto nella progettazione dei giunti di contatto fra elementi verticali e infissi. Abbiamo optato per serramenti in alluminio/pvc di alta qualità, con telai spessi 90 mm e tripli vetri, protetti esternamente da imbotti in alluminio tutti realizzati su misura, comprensivi di sistemi anti-intrusione.


  • Progettare casa Come si progetta una casa? Un’abitazione deve venire incontro principalmente a due finalità: le necessità di chi l’abiterà e l'idoneità dal punto di vista strutturale. L’attività relativa al calcolo s...
  • interni casa stile industriale Spesso gli arredi sono scelti solo per una questione estetica, sottovalutando molti dei parametri che invece dovrebbero essere tenuti in considerazione come la capienza, la funzionalità e la praticità...
  • arredare l ingresso Il primo ambiente che ci accoglie quando entriamo in casa è l’ingresso: in alcuni casi collocato in soluzione open space nello spazio living, in altri dislocato e appartato in ambienti at...
  • solar seed Lovergrove Il concetto di nomadismo, nell’era della rivoluzione digitale, sta mutando i percorsi professionali e di consumo, allargando le frontiere multiculturali e conferendo anche ai modelli abitativi una mag...


Casa ecologica, un'abitazione unifamiliare in stile modernista: Casa ecologica moderna

Afferma l’architetto Natalucci: “Chiaramente anche il portone del garage della nostra casa ecologica doveva assicurare elevate prestazioni termoisolanti e inserirsi al meglio nel contesto architettonico. In fase di progettazione avevo già pensato a Hörmann fra i possibili fornitori, poiché realizza prodotti pensati e costruiti per l'impiego in aree geografiche con climi molto rigidi”.

Dunque l’edificio è dotato di un portone sezionale Hörmann modello LPU40 (altezza 2.250 mm, larghezza 3.390 mm) colore “grigio luce” (RAL 7035), equipaggiato con motorizzazione SupraMatic P con velocità d'apertura max 22 cm/sec, con fotocellula di sicurezza, in applicazione L (sistema di scorrimento orizzontale a soffitto, albero a molle in coda).

Si tratta di portoni realizzati con elementi d'acciaio zincato a caldo a doppia parete (spessore 42 mm), con isolamento interno in schiuma in poliuretano e protezione esterna con mano di fondo a base di poliestere. In tal modo il portone è molto stabile e silenzioso durante lo scorrimento. Considerando lo stile architettonico contemporaneo dell'edificio, la superficie grecata L abbinata alla finitura Micrograin risultano particolarmente appropriate. Le guarnizioni perimetrali ermetiche a elasticità permanente garantiscono un’ottimale tenuta agli agenti atmosferici e livelli di coibentazione termica e acustica perfettamente idonei.