Centrifughe per concentrati di salute

Centrifuga

Le centrifughe sono elettrodomestici che sfruttano il principio fisico della forza centrifuga. In sostanza, inserendo frutta e verdura nell’apparecchio, gli alimenti sono sminuzzati e il succo è separato dalla polpa per l’azione intensa di un componente che gira ad alta velocità. La polpa viene quindi trattenuta da un filtro sottile. Due sono i tipi fondamentali di centrifuga per alimenti: quelle integrate in un robot da cucina e quelle a sè stanti. Nel primo caso, non sono in genere molto potenti, mentre quelle autonome sono state progettate per svolgere esclusivamente questa funzione, per cui sono consigliate per chi ama i centrifugati. La centrifuga funziona come uno spremiagrumi, con la differenza che permette di estrarre il succo anche dagli altri frutti che non è possibile spremere, come ad esempio pere o mele, frutti di bosco e così via. Oltretutto, questo apparecchio consente di trattare anche le verdure, cosicché si possono ottenere succhi misti di frutta e verdura saporiti e nutrienti.
Centrifughe


Centrifugati

Centrifugati I centrifugati, ossia i succhi misti di frutta e verdura, sono gustosi e vantano proprietà non solo dissetanti e rinfrescanti, ma anche depurative, disintossicanti o dimagranti. Per questa ragione, sono adatti a tutti e sono benefici per la salute soprattutto in estate. Ma come realizzarli? Basta inserire frutta e verdura nello spazio apposito della centrifuga, generalmente a forma di tubo, quindi premere un pulsante. Certi modelli consentono di inserire frutti e verdure interi senza sbucciarli, fatta eccezione per gli agrumi perché la loro buccia è amara, mentre in altri casi è bene introdurre gli alimenti a pezzi.

A ogni modo, quando il pulsante avvia il motore della centrifuga, la frutta e la verdura vengono spinte giù per il tubo tramite uno stantuffo azionato a mano e il succo comincia a uscire quasi immediatamente ed è versato in un contenitore che può essere integrato nel modello di centrifuga o separato. Il motore è un componente fondamentale di una centrifuga, ma anche il cestello, che raggiunge velocità che possono toccare i 18.000 giri al minuto, è fondamentale, per cui è indispensabile che sia fatto con materiali robusti. Inoltre, i componenti che vengono a contatto con il succo devono essere capienti e inossidabili.

In foto: dettaglio di una centrifuga a marchio Philips

  • duoplus Magimix robot, azienda francese produttrice di robot da cucina e centrifughe da oltre quarant’anni, presenta due elettrodomestici dotati di speciali accessori che li rendono dei veri must have nella p...
  • Cooking Chef Kenwood Non finisce mai di stupire. Cooking Chef Kenwood, l’innovativo e completo sistema per la preparazione e la cottura di qualsiasi pietanza, presenta la sua ricca dotazione e gli accessori che lo r...
  • Tostapane grigio di ultima generazione Se il buongiorno si vede dal mattino, con Kenwood il risveglio è ancora più gradevole, divertente e tecnologico. Dall’innovativo tostapane TTM 312 all’esclusiva macchina del ...
  • robot philips Durante la stagione estiva frullati e centrifugati di frutta e verdura sono la proposta perfetta per il break mattutino, un pranzo leggero, una merenda dissentante o un aperitivo light.Philips con i...


Centrifughe prezzi

Centrifughe prezzi Le centrifughe sono dunque ottimi elettrodomestici per chi, semplicemente, vuole disintossicarsi ogni tanto o concentrare la quantità delle vitamine e dei sali minerali assunti, come per esempio gli sportivi, ma anche chi fa tanti lavori in casa! Se si ritiene di usare la centrifuga frequentemente, occorre prestare attenzione a quanto consuma e a quanto rumore fa. In realtà, centrifughe del tutto silenziose non sono ancora state create, ma certi modelli fanno meno rumore di altri. Se si possiede una lavastoviglie bisognerebbe fare attenzione ad acquistare un modello le cui parti sono anche lavabili in lavastoviglie, altrimenti si possono usurare facilmente.

Riguardo all’elettricità, chiaramente, minore è il consumo, più bassi risulteranno i costi sulla bolletta: come per molti altri apparecchi, ne esistono in commercio molti tipi diversi ai quali corrispondono anche prezzi diversi, per cui è importante sapere che cosa è meglio considerare quando si decide di acquistarne una e valutare le differenti funzionalità che spesso fanno lievitare i costi.

In foto: il modello DOM151 proposto da Domoclip


Centrifughe, come scegliere

centrifuga Braun J500 Multiquick 5 Se si è intenzionati a preparare degli ottimi centrifugati e nel più breve tempo possibile, occorre acquistare una centrifuga. In commercio vi sono tanti modelli adatti a ogni esigenza e con prezzi per ogni tipo di budget. Come scegliere una centrifuga? Vi sono alcuni fattori da considerare, a partire dalle dimensioni, decisive non solo per lo spazio che la centrifuga occuperà in casa, ma anche perché la capienza del serbatoio della polpa ha un’importanza non trascurabile. In base a quest’ultima, si può capire quanto succo si possa preparare in una sola volta.

In foto: il modello Braun J500 Multiquick 5, in plastica lucida, con inserti in acciaio inossidabile. Robusto, compatto nonché elegante, questo prodotto si presenta con un beccuccio antischizzo, un sistema anti-goccia e un pressino perfettamente integrati nel suo design generale. La potenza massima è 900 W e alcune parti sono lavabili in lavastoviglie.


Centrifuga uso

centrifuga Sc 2284 di Tristar Prima di acquistare una centrifuga, occorre conoscere le sue prestazioni, fondamentali per capire quale uso si voglia fare di questo elettrodomestico. Sulla base della potenza e della velocità, si valuta la maggiore o minore versatilità nel centrifugare i vari tipi di frutta e verdura. Nei modelli in commercio, la potenza va dai 200 W ai 1000 W circa, mentre la velocità è standard per le centrifughe più economiche e regolabile per quelle di fascia medio-alta. Da non trascurare anche la capacità di preparazione del succo e dei centrifugati: alcuni modelli sono in grado di produrre da 500 ml circa di succo fino a superare i 2 L, senza che vi sia il bisogno di svuotare il contenitore che raccoglie la polpa. Bisogna capire fin dall’inizio quanti centrifugati in genere si vorranno preparare, il numero di persone a cui destinarli e quanto tempo si avrà a disposizione per dedicarsi a tale operazione. Una centrifuga dalla capacità media o piccola ovviamente richiederà più di una lavorazione per ottenere la quantità di centrifugato desiderata. In foto: il modello Sc 2284 di Tristar, con filtro e lame in acciaio inossidabile, 2 impostazioni di velocità, funzione antigoccia, contenitore polpa, contenitore succo (0,5L), piedini antiscivolo e interruttore di sicurezza. Inoltre, questa robusta e compatta centrifuga è piuttosto silenziosa (78 dB).


Centrifuga quale marca

centrifuga Moulinex JU655H Quale marca di centrifuga scegliere? La marca non importa: sono le prestazioni, le dimensioni e il budget che si ha a disposizione a determinare davvero la scelta di una centrifuga che risponda alle proprie esigenze. Conta moltissimo anche la praticità d’uso nonché la facilità di pulizia, una volta terminato l’utilizzo. Bisogna considerare alcuni aspetti, come, ad esempio, l’ampiezza del tubo d’inserimento degli alimenti: una larga apertura per l’introduzione dei cibi permette di inserirli in pezzi molto grandi o senza il bisogno di tagliarli. La presenza, inoltre, di un beccuccio anti-goccia facilita la preparazione dei centrifugati, evitando la fuoriuscita del succo. Una buona centrifuga avrà anche dei piedini antiscivolo, per rimanere ben salda durante il funzionamento, oltre a un coperchio trasparente, per seguire la lavorazione di frutta e verdura. In foto: centrifuga Moulinex JU655H, molto potente (1200 W), 2 velocità selezionabili tramite una comoda manopola, piedini con ventosa, sistema di bloccaggio con una morsa in alluminio, contenitore polpa con capienza di 2 L, caraffa raccolta succo con capienza 1,5 L e tubo per inserimento prodotti per la versione XXL.


Centrifughe per concentrati di salute: Centrifughe o estrattori

centrifuga Kenwood JE680 Spesso si tende a confondere le centrifughe con gli estrattori, ma, in realtà, sono due tipi di elettrodomestici completamente differenti. La centrifuga è dotata di una lama sottile circolare che, sfruttando la forza centrifuga, gira molto velocemente e tritura la frutta e la verdura, spingendo poi la poltiglia verso un sorta di setaccio che separa la polpa dal succo, mentre l’estrattore il cibo lo spreme soltanto, ricavandone il succo attraverso una coclea. La centrifuga compie dai 6.000 ai 18.000 giri al minuto, mentre l’estrattore meno di 100. Per quanto riguarda gli scarti, quelli dell’estrattore sono secchi, in quanto l’estrattore ricava il 20% di succo in più rispetto alla centrifuga, che, invece, lascia scarti umidi. In foto: centrifuga Kenwood JE680, dall’elegante finitura bianca. Realizzata in acciaio inox, ha una potenza di 700 W e dimensioni piuttosto contenute (41 cm in altezza, 22 cm in larghezza e 34 cm di profondità). Inoltre, ha un contenitore per scarti, beccuccio anti-goccia, 2 velocità e uno speciale coperchio che attenua la formazione della schiuma, tipica dei centrifugati.