La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 19 marzo 2016

Colori per interni moderni

Se fino a qualche tempo fa non si dava alcuna importanza alla colorazione delle pareti interne della casa, che erano rigorosamente bianche, ora non è più così. Anche i muri sono diventati protagonisti dell’interior design e possono essere un valido alleato per dare un tocco in più agli ambienti. Scegliere la giusta colorazione non è però così semplice perché, oltre al proprio gusto personale, bisogna prendere in considerazione una serie di fattori determinanti. Ma partiamo dallo stile. Se avete un’anima, e quindi un’abitazione, moderna nei colori muri interni potete optare sia per tonalità accese sia per tonalità neutre (dei colori più in voga parliamo successivamente), l’importante è che si adattino bene con l’arredamento. E non basta pensare al mobilio ma anche a infissi, pavimentazione, lampade e accessori. La tendenza attuale suggerisce inoltre di non colorare tutte le pareti di una stanza ma di soffermarsi su una o due al massimo, perché in questo modo si crea un dinamismo estetico interessante. Altra opzione è quella di colorare soltanto delle porzioni, che possono essere una colonna, una trave o un arco, con l’obiettivo di mettere in risalto degli elementi architettonici particolari dell’abitazione.

Come scegliere il colore delle pareti

Come scegliere la colorazione giusta per le pareti? Oltre al proprio gusto personale e al colore degli arredi ci sono dei principi da rispettare per ottenere un risultato efficace. Il primo è quello delle dimensioni degli ambienti: se le stanze sono piccole vanno privilegiate le tonalità chiare, che danno un effetto di ampiezza e di luminosità. Anche i soffitti vanno valutati. Se sono eccessivamente alti, per ridimensionarli vale la pena tinteggiare le pareti con colori chiari e il soffitto con tonalità scure. Mentre, al contrario, in caso di coperture basse, come ad esempio nelle mansarde, il migliore risultato si ottiene colorando i muri e lasciando bianco il soffitto. Un altro spazio che è possibile migliorare attraverso l’uso dei colori è il corridoio. Se è piccolo bisogna rimanere sulle tonalità chiare se invece, come nelle vecchie abitazioni, è stretto e lungo, per ridurre l’effetto ‘tunnel’ è possibile tinteggiare la parete frontale con un colore scuro e deciso. Nella scelta dei colori muri interni bisogna poi anche tenere conto dell’orientamento delle stanze. Quelle orientate a nord ricevono meno luce, vanno quindi tinteggiate con colori caldi e luminose, mentre in quelle esposte a sud vanno prediletti colori più freddi o neutri che contrastano l’eccessivo irradiamento.

Colori pittura pareti

Se stiamo pensando di dare un tocco di colore ai nostri ambienti pensiamo attentamente agli effetti che i colori hanno sull’umore e lo stato d’animo. I principi della cromoterapia vanno considerati e applicati in base alle funzioni che dobbiamo svolgere nelle stanze. Per la zona notte, in alternativa al bianco, si può optare per tutti quei colori considerati rilassanti, come il verde o il violetto. E’ possibile anche osare con altri colori, come il blu o l’azzurro, ma scegliendoli in tonalità tenue per non rischiare un effetto di sovraeccitazione. Nella zona giorno possiamo osare sicuramente di più. Il giallo, il rosso e l’arancio sono stimolanti, vivificanti e potenziano le sensazioni. Sono colori caldi e hanno quindi il pregio di rendere l’ambiente più accogliente e di stimolare allegria e buon umore. Mentre il blu, particolarmente adatto per la stanza adibita a studiolo, aiuta la concentrazione ma può ‘raffreddare’ l’ambiente. Se invece volete andare sul sicuro nei colori muri interni potete optare per i toni neutri, come le sfumature del beige e del grigio, che rimangono leggeri e poco percepibili ma danno un tocco di eleganza agli ambienti.

Colori muri interni moderni

Quando parliamo di colori per muri interni moderni possiamo pensare a moltissime tonalità. Se c’è però una tendenza che è decisamente fuori moda è quella dei colori pastello, ovvero celesti, rosa, gialli e verdi opachi e sfumati, che erano molto in voga negli anni ’80 ma ora sono assolutamente out. In base alle dimensioni delle stanze e alla tipologia e al colore del mobilio si può optare sia per tonalità accese sia per quelle neutre che conferiscono grande raffinatezza. Molto in voga il rosso, blu e viola, che vanno usati però con parsimonia, ovvero optando per una sola parete della stanza e giocando molto anche sui particolari, riprendendo ad esempio il colore della parete in qualche accessorio. Di tendenza anche il verde, nelle sfumature più disparate: dal bottiglia, al salvia fino al grigio-verde. Particolarmente indicato con il mobilio bianco. Se invece si vuole andare sul sicuro e puntare sull’eleganza, che è sicuramente uno degli ‘imperativi’ dello stile moderno, i colori neutri fanno al caso vostro. Avorio, tortora, grigio ghiaccio sono molto di moda e soprattutto sono facili da abbinare.

Sfoglia i cataloghi: