Come arredare un bagno, consigli per tutte le esigenze

Come arredare un bagno moderno

Come arredare un bagno affinché risulti funzionale ma anche godibile dal punto di vista estetico? Chi ama lo stile moderno si ritrova a percorrere la via dell’essenzialità. I bagni moderni sono infatti caratterizzati da linee semplici, geometriche, da un alto livello tecnologico che va di pari passo con la ricerca della semplicità. Non ci sono fronzoli e anche i mobili e i complementi risultano ridotti al minimo indispensabile. Per quanto riguarda i colori, invece, prevalgono il bianco e più in generale tutte le tonalità chiare: perché sono ambasciatrici di luce e di eleganza. Questo 2016, inoltre, ha visto il grande ritorno dei materiali naturali. In primis il legno, spesso lavorato e lasciato nel suo aspetto originario. Le migliori essenza si coniugano con lavabi e vasche dall’ingombro contenuto ma capaci di offrire il massimo comfort. Perché il bagno di oggi non è solo il luogo in cui prendersi cura del proprio aspetto e curare l’igiene personale; è anche il luogo in cui ritrovare – magari a fine giornata – il pieno benessere fisico ma prima di tutto psicologico. I mobili e i sanitari sospesi la fanno da padrone, con il loro messaggio di leggerezza e l’estrema efficacia per quanto concerne l’ottimizzazione degli spazi. In foto una composizione relativa alla collezione Play di Cerasa, disegnata da Stefano Spessotto e Lorella Agnoletto dello studio Dedalo Design. Presentata al Salone del Mobile 2016, Play è versatile e modulare, di conseguenza si traduce in un alto livello di personalizzazione. Qui vedete la declinazione “Urban” che si inquadra nello stile industriale: gli elementi sono in ferro con sezione quadrata, i laccati sono disponibili in 5 tonalità, il legno dall’effetto non lavorato sono proposti nelle stesse nuance cromatiche e i lavabi sono in pietra.
Come arredare un bagno moderno


Arredare il bagno

Arredare il bagno Se vi state chiedendo come arredare il bagno, se la vostra intenzione è quella di scegliere un marchio noto che dunque vi trasmetta una certa sicurezza, sappiate che da qualche tempo l’azienda Scavolini ha allargato la propria attività. Adesso non produce soltanto cucine ma anche, appunto, arredo bagno. E le proposte sono sia di qualità che al passo coi tempi, questo bisogna ammetterlo. In foto un’interessante proposta relativa proprio a questo 2016: è il progetto Aquo, design by Studio Castiglia Associati. La peculiarità coincide con le maniglie: le linee attuali, le misure e i modi di applicazione del sistema di apertura consentono di configurare in diversa maniera la composizione senza modificarne il gusto minimal contemporaneo. I moduli sono sospesi e caratterizzati da basi con cestelli estraibili e vani a giorno. “Minimal” è la parola d’ordine per quanto riguarda i trend del momento. Minimal fa rima con funzionalità e praticità.

  • vasca I Bordi di Teuco Il bagno decisamente non è una stanza come le altre. E' la prima che raggiungiamo al mattino, ad occhi ancora mezzi chiusi, e l'ultima che visitiamo prima di coricarci. E la stanza di servizio per ant...
  • arredare un bagno moderno Da stanza di passaggio fugace a luogo con una propria identità e bellezza. Nella generale evoluzione avuta dalla casa negli ultimi decenni, il bagno merita senz'altro una citazione particolare. Chi av...
  • bagno lungo e stretto Quando ci troviamo a dover ristrutturare una vecchia casa, specie quelle che derivano da vecchie cascine, spesso ci si trova a dover competere con la progettazione e l’arredo di bagni dalle forme stre...
  • mobile bagno compatto sospeso Metropolis Azzurra Quando in un bagno lo spazio è ristretto, manca, è poco, dobbiamo soprassedere alla cosa e arredarlo allo stesso modo.Ma come arredare un bagno piccolo, cosa metterci dentro e soprattutto come? ...


Come arredare un bagno piccolo

Come arredare un bagno piccolo Come arredare un bagno piccolo? Non è facile ma neanche impossibile, anzi. Occorre innanzi fare un lavoro di sottrazione, focalizzandosi sugli elementi che sono davvero indispensabili. E orientandosi verso le soluzioni caratterizzate da dimensioni ridotte rispetto agli standard tradizionali: stanno prendendo piede, per esempio, sanitari piccoli ma che non tolgono nulla in termini di comodità e praticità. Puntate anche sui mobili sospesi, che non solo lasciano libero lo spazio sottostante ma danno anche una sensazione di maggiore ariosità e luminosità. Per quanto riguarda il box doccia, il consiglio è quello di sfruttare gli angoli. Che, spesso, tendono a restare invece inutilizzati. I piatti doccia angolari sono disponibili in diverse misure, hanno forma simmetrica (cioè con un angolo curvo e i lati uguali) oppure asimmetrica. Per quanto riguarda i primi, le dimensioni più diffuse sono 80x80 cm e 90x90 cm. Come i normali piatti doccia di forma quadrata, anche quelli angolari possono essere installati a filo pavimento o rialzati; in tal caso il box è composto in genere da due pannellature in cristallo, in parte fisse e in parte mobili per l’apertura e chiusura del box. L’anta può invece essere sdoppiata in due oppure unica, curva e scorrevole con ruote su cuscinetti a sfera o anche singola a battente. In foto la cabina doccia angolare Bithia di Calibe.


Come arredare un bagno, consigli per tutte le esigenze: Arredamento bagno

Arredamento bagno Zucchetti è senza dubbio fra i marchi più quotati per quanto riguarda l’ambiente bagno. Di recente è stata presentata Him, design Ludovica+Roberto Palomba: una collezione di rubinetteria e accessori che scaturisce dall’intenzione di creare un oggetto radicale, una geometria che sfrutti e valorizzi l’acqua con tutta la sua vitalità. L’idea si è sviluppata nella direzione della sottrazione, perseguendo un uso essenziale della materia, espressione rigorosa della funzione. Il tratto distintivo è il design compatto e slanciato della bocca piatta con getto a cascata. Grazie al brevetto Zucchetti della cartuccia a scomparsa è stato possibile ridurre ai minimi termini il volume del corpo del miscelatore, incassando la cartuccia stessa sotto il piano ceramico ed ottenendo uno spiccato effetto di leggerezza, in armonia con le forme pure, eleganti e squadrate del monocomando.