Arredamento.it

Arredamento.it

- 04 ottobre 2014

Risparmiare con le stufe a legna

Le stufe a legna ricordano i tempi passati, ma in realtà sono molto diffuse anche oggi, soprattutto perché la legna è un combustibile a prezzo molto basso, che garantisce una buona quantità di energia prodotta. Una stufa a legna di buona fattura oggi è un prodotto costoso, ma anche molto efficiente; per questo motivo può risultare assai conveniente introdurre in un ambiente una stufa a legna: il riscaldamento prodotto è efficiente ed efficace e il combustibile è sicuramente poco costoso. Grazie alle stufe a legna di progettazione moderna, che bruciano minime quantità di legna, con la massima resa calorica, il prezzo della stufa si ripaga in pochi anni, grazie alle bassissime spese di gestione. Si tratta quindi di una visione lungimirante: spendo oggi, per risparmiare poi nel corso degli anni. Esistono vari tipi di stufe a legna, la gran parte delle quali semplicemente riscaldano la stanza in cui vengono posizionate; per un risparmio maggiore è conveniente porre in atto un sistema di canalizzazione dell'aria calda, per scaldare le stanze vicine, o anche per connettere la stufa a legna all'impianto di riscaldamento. http://www.victoriastone.co.uk/

Prezzi stufe a legna

Le stufe a legna non sono particolarmente costose, soprattutto se le confrontiamo con le stufe a pellet: con un paio di centinaia di euro è possibile già scegliere tra vari modelli, misure e tipologie. Chiaramente sono tante le caratteristiche che possono contribuire ad alzare il prezzo di una stufa; la prima discriminante è sicuramente la quantità di calore che può produrre in un'ora, che viene espressa in KW. Le stufe meno costose producono circa 3-5 KW all'ora, mentre spendendo di più si possono avere stufe che triplicano tale quantità di calore prodotta. Questa caratteristica dipende dall'utilizzo che volete fare del vostro elettrodomestico: se si tratta di aumentare un poco il calore in una grande stanza, una piccola stufa può essere sufficiente; se invece intendete utilizzare in inverno quasi esclusivamente la stufa a legna per scaldare l'aria e anche l'acqua di casa, allora necessiterete di una stufa più grande. Le stufe più costose tendono anche ad essere più efficienti, e quindi a consumare meno legna per ogni ora di funzionamento. Anche il look della stufa può contribuire ad aumentarne il prezzo. http://ideasgn.com/

Gestione stufe a legna

Le stufe a legna sono dei bruciatori molto efficienti, ma in genere consumano qualche kg di legna per ogni ora di funzionamento; per questo motivo, una stufa a legna tradizionale, in genere non viene utilizzata durante le ore notturne, perché il fuoco si spegne inesorabilmente, e non è possibile automatizzare il riempimento del focolare. Esistono in commercio particolari valvole, che controllano la quantità di aria che viene immessa nel focolare: in questo modo è possibile controllare le fiamme, e permettere alle braci di restare calde per molte ore. Risulta quindi possibile fare in modo che la vostra stufa a legna rimanga accesa per l'intera giornata, anche nelle ore notturne: se aggiungete un serbatoio di acqua calda, in cui far passare le tubature, potrete scaldare tutta la casa per molte ore. Una volta all'anno è necessario pulire la canna fumaria e il focolare, per garantire un perfetto funzionamento della caldaia; se la vostra stufa è collegata ad un puffer o all'impianto di riscaldamento, contattate un caldaista, che effettuerà tutti i controlli necessari per il corretto funzionamento. http://www.vizimac.com/

Consigli per una corretta installazione

L'installazione di una stufa a legna non è complessa, e non necessita di particolari abilità di bricolage; in effetti, oltre a posizionare la stufa in casa, è necessario collegarla ad una canna fumaria, per l'espulsione dei fumi e per l'approvvigionamento di aria ricca in ossigeno per il fuoco. Tale tubatura deve fuoriuscire dalla casa, o passare in una canna fumaria presente nelle pareti di casa. In genere questo tipo di operazioni vengono ben spiegate nei foglietti di uso e manutenzione della stufa, ma se non siete certi di quello che state facendo, chiamate un tecnico, che installerà il tutto in maniera perfetta. Considerate anche che alcune assicurazioni, e anche la garanzia della stufa, non risarciscono eventuali danni se l'impianto non viene certificato da un professionista. Oltre alle tubature, la stufa scalda grazie agli elementi radianti del focolare, che andranno tenuti lontani da oggetti che possono bruciare o rovinarsi, come tendaggi, tappeti, tappezzerie. Visto che la stufa funziona con della legna, risulta molto comodo approntare vicino ad essa una zona adibita a conservare il legname pronto per il fuoco. http://www.gardenista.com/

Sfoglia i cataloghi: