Consigli acquisto Lampadari

Illuminazione dall’alto

Quando parliamo di lampadari, intendiamo elementi che emettano luce dall’alto.

Tantissime le forme e le tipologie di scelta suddivise per caratterizzazione: i lampadari, infatti, sono elementi a sospensione e possono essere a luce diretta o indiretta e sono definiti in diversi modi per le loro forme, e per la tipologia di lampada che è posta al loro interno.

In continuo sviluppo tecnologico il campo dell’illuminazione offre sempre più possibilità.

In passato i lampadari erano caratterizzati da elementi a sospensione al neon oppure con lampadina a incandescenza.

Oggi invece esistono soluzioni a LED che creano apparecchi illuminanti a piattaforma che rendano diffondente un’intera superficie, o ancora elementi a caduta che siano caratterizzati da un insieme di luci puntuali a basso consumo a realizzare grovigli gradevoli di fili illuminanti, o ancora grandi sfere illuminanti che occupano lo spazio di un lampadario interno.

Quando parliamo di consigli acquisto lampadari, la scelta è davvero molto vasta: la cosa fondamentale è la scelta oculata in base allo stile e allo spazio inteso come superficie, che deve essere illuminato.

lampadario eve


Consigli acquisto Lampadari: I lampadari a luce diretta e a luce indiretta

lampade oru Come scegliere il lampadario in base alla tipologia?

Un consiglio acquisto lampadari molto valido è decidere in primo luogo il carattere che si vorrà dare allo spazio e poi procedere con la scelta.

I lampadari possono in primo luogo essere a luce diretta oppure indiretta: cosa significa?

Il lampadario a luce diretta è quello che sotto la cupola ingloba una lampada che illumini direttamente lo spazio, creando ombre piuttosto nette poiché i fasci illuminanti colpiscono oggetti e spazio senza intermezzi.

I lampadari a luce indiretta invece illuminano per riflessione di luce: la lampada illuminante è puntata verso l’altro creando un effetto molto morbido che è dato dalla luce diretta sul soffitto, che riflette i raggi rimandandoli all’ambiente in modo flessuoso.

In questo modo le ombre saranno più dolci e ammorbidite e l’illuminazione sarà molto più diffusa.