Arredamento.it

Arredamento.it

La nostra guida per scegliere i pavimenti in resina

La nostra guida per scegliere i pavimenti in resina

La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 29 luglio 2019

Pro e contro dei pavimenti in resina

In fatto di pavimenti, la resina si usa molto in particolare per ambientazioni moderne, accordandosi bene ad arredi minimali.
Ma l’apprezzamento per questo materiale non è solo una questione di gusto, poiché i suoi vantaggi sono tanti.
La resina infatti:

  • si può posare su pavimenti preesistenti senza doverli smantellare;
  • il suo spessore di pochi millimetri permette di non modificare la parte inferiore delle porte;
  • è ideale per sistemi di riscaldamento a pavimento poiché ha alta conducibilità termica;
  • è resistente a usura, sollecitazioni meccaniche, prodotti chimici;
  • ha un alto livello di durata e impermeabilità (per questo si usa anche all’esterno);
  • creando superfici continue, impedisce allo sporco di infilarsi in fughe o fessurazioni e risulta facile da pulire; c’è disponibilità di tanti colori e finiture.

C’è però anche qualche svantaggio:

  • se maltrattata la resina può produrre crepe o fratture (ma è possibile ripararla);
  • può scolorire con il tempo.

SpazioCemento della collezione SpazioContinuo di Litokol è una resina a tre componenti, ciascuno stratificato e combinato per diversi effetti come quello spatolato, per pavimenti e pareti.

Va bene la resina per i pavimenti del bagno?

Scegliere la resina per il pavimento del bagno è una buona idea, poiché è impermeabile, idrorepellente e resistente. E, se si tratta di una ristrutturazione, può essere facilmente applicata sulle piastrelle che non piacciono più.
La resina va molto bene per l’ambiente umido del bagno ed è naturalmente da scegliere con trattamento antiscivolo:

  • è igienica grazie alla sua superficie omogenea;
  • l’assenza di fughe rende difficile la formazione di muffe;
  • permette numerose possibilità decorative che personalizzano;
  • non vi vuole molto tempo per la sua installazione;
  • può essere spalmata anche su pareti e persino sui lavabi e gli altri sanitari, per un’estetica d’impatto.

Un consiglio importante per i pavimenti di resina in bagno: rivolgersi a esperti affidabili affinché la posa del materiale sia a regola d’arte, evitando così problemi di rigonfiamenti e/o infiltrazioni causa umidità.
Tinta Unika, la resina monocolore della collezione Materia di Elekta Linea Resine, qui in un fresco verde acqua, senza sfumature, minimale, con spessore di 2 mm, esalta la finitura lucida trasparente del pavimento di questo bagno che risulta delicato, rilassante, elegante.

Le aziende che producono resina per pavimenti

Di aziende che producono resine per pavimenti ce ne sono parecchie. Ecco una piccola panoramica.

  • Nel mercato delle resine Litokol è presente con il brand SpazioContinuo che ha le linee SpazioCemento, SpazioMetallo, Spazio ChiaroScuro, Spazio Resine.
  • Elekta Resine è un marchio specializzato in resine all’acqua e fa parte del Gruppo Gan.
  • Tra le resine per pavimenti di Kromax, da segnalare la linea impermeabilizzante per esterni Kromax Waterproof e la collezione decorativa per interni Kromax Home.
  • ErreLab si dedica ai rivestimenti in resina nascendo dall’esperienza ultradecennale di Covema Vernici e Sivit Industria Chimica con numerose ispirazioni per effetti spatolati, velati, metallici.

Kerakoll Design House da tempo concentra la sua attenzione su prodotti sostenibili per l’edilizia. Con il designer Piero Lissoni firma Cementoresina, pavimento continuo a tre strati di 3,5 mm di spessore, dalla texture di resina cementizia spatolata con esclusivi segni e irregolarità sulla superficie dovuti a effetti materici realizzati a mano da artigiani decoratori.

Quali sono i prezzi della resina per pavimenti

Si adatta a ogni ambiente, si posa e si pulisce con facilità, è igienica e personalizzabile. Ma quali sono i prezzi della resina per pavimenti?
Il costo dipende da tipologia e spessori, effetti decorativi e finiture particolari, nonché dal brand che offre prodotti di design.
In linea indicativa, il prezzo parte dai 50 € al mq ma si alza tenendo conto delle modalità di posa, delle condizioni del pavimento preesistente che deve essere livellato (se serve bisogna prevedere interventi ad hoc), della soluzione estetica, per arrivare anche a superare i 100 € al mq. Una spesa indispensabile per avere un pavimento unico e di carattere.
È sempre bene capire poi se nel budget è compresa la manodopera. Quindi, chiedere più preventivi è sempre una buona mossa per rendersi conto di quanto si spenderà in totale.
Aspetto vellutato per Level W Matt di ErreLab, pavimento perfettamente liscio, dal colore pieno (si possono scegliere 72 tonalità) e finitura opaca.

Sfoglia i cataloghi: