Elettrodomestici, nuove etichette energetiche

Etichette elettrodomestici

Arriva per gli elettrodomestici una nuova etichettatura energetica uniforme con classi che vanno dalla A alla G. Ciò significa che le classi attuali, che come tutti sanno comprendono le A+, A++ e A+++, saranno convertite nella più semplice scala A-G; la A, per intenderci, è la migliore in termini di risparmio energetico. La novità deriva dall’esigenza di agevolare i consumatori, rendendo le idee più chiare e facilitando il confronto fra un prodotto e l’altro; in altre parole, si avvertiva la necessità di eliminare la possibile confusione legata a quei vari “+” messi accanto alla A. Il passaggio in questione, disciplinato da un Regolamento europeo entrato in vigore il primo agosto 2017, si sta realizzando gradualmente. L’intera procedura, che prevede l’emanazione di regolamenti specifici per qualsiasi elettrodomestico, dovrebbe concludersi entro il 2023. Intanto le attuali etichette resteranno in vigore, cioè le vecchie e le nuove coesisteranno per un certo lasso di tempo anche dopo l’emanazione di ciascun regolamento. Non solo. Dal 2019 sarà messa a disposizione di tutti i cittadini una banca dati online dei prodotti tramite cui reperire le etichette e le informazioni tecniche. Tale banca dati potrebbe essere accessibile anche per mezzo di un codice dinamico di risposta rapida (codice QR) presente sul prodotto in questione.
Etichette elettrodomestici


Elettrodomestici nuove etichette

Elettrodomestici nuove etichette Quante volte, al momento di acquistare un nuovo elettrodomestico, vi siete interrogati sul preciso significato delle sigle A++, A+++ e A+? E’ successo a tutti o quasi tutti. Ed è proprio partendo da tale consapevolezza che il Parlamento europeo ha approvato una proposta fatta dalla Commissione europea con l’obiettivo, appunto, di semplificare le etichette energetiche degli elettrodomestici sostituendo le suddette con una scala di sole lettere e colori. La nuova normativa ha cioè introdotto una scala univoca di efficienza composta dalle lettere A, B, C, D, E, F, G, cui vengono associati rispettivamente colori che vanno dal verde al rosso. Le nuove etichette verranno inserite in un database online aperto a tutti, concepito nel segno della massima trasparenza e contenente numerose informazioni aggiuntive; un QR code, un link o uno strumento simile permetterà di accedervi direttamente e velocemente anche attraverso i telefoni cellulari. “Sono le etichette 2.0 – ha spiegato il relatore del provvedimento Dario Tamburrano dell’Efdd (Europe of Freedomand Directory Democracy) –. Ci siamo battuti per un database con dati aperti e accessibili a tutti che consentirà di sviluppare applicazioni per effettuare confronti immediati fra i vari modelli ed individuare quello che offre il maggiore risparmio di energia, quindi di denaro, rispetto alle abitudini personali di impiego. Inoltre i fabbricanti avranno facoltà di inserire sull’etichetta il simbolo che indica la capacità di un’apparecchiatura di essere smart. È la nuova frontiera dell’efficienza energetica”.

  • classi energetiche Da gennaio 2013, quando è entrata in vigore la nuova normativa europea Erp (Energy Related Product), sono state modificate le norme relative all'efficienza energetica, sia per quanto riguarda gli elet...
  • Certificazione energetica Introdotta con il decreto legislativo 192/2005 e modificata dal decreto legge 63/2013, la certificazione energetica prevede ora l’APE, Attestato Prestazione Energetica al posto dell’ACE (Attestato di ...
  • Etichette energetiche Le etichette energetiche, dagli anni Novanta, quando entrò in vigore a livello europeo la direttiva 92/75 Cee, sono lo strumento con cui i produttori devono informare il consumatore relativamente al c...


Etichetta energetica elettrodomestici

Etichetta energetica elettrodomestici Elettrodomestici: le nuove etichette energetiche, assicura l’eurodeputata Martina Werner, consentiranno alle famiglie medie di “risparmiare fino a 500 euro all’anno”. Il motivo di tale risparmio sta proprio in una maggiore comprensione delle etichette stesse e quindi nella possibilità di fare acquisti più adeguati alle proprie esigenze nonché alle proprie abitudini quotidiane, ma anche al numero di persone che compongono la famiglia. Per trovare nei negozi gli elettrodomestici con le nuove etichette di rating, però, occorre attendere la fine del 2019. Per stare al passo rispetto ai progressi tecnologici relativi all’efficienza energetica i parlamentari europei hanno stabilito che “ogni volta che il 30% dei prodotti venduti sul mercato dell’Ue rientrerà nella classe A o quando il 50% dei prodotti rientrerà nelle prime due classi di efficienza energetica, A e B, la scala sarà aggiornata”. Sono in fase di organizzazione campagne informative che coincideranno con ogni “riscalaggio”; le etichette saranno consultabili online ma anche affisse sui singoli prodotti. Nel caso di aggiornamenti che incidano sull’efficienza energetica di un prodotto già acquistato, il fornitore avrà l’obbligo di informare tempestivamente i propri clienti.


Elettrodomestici, nuove etichette energetiche: Nuove etichette elettrodomestici

Nuove etichette elettrodomestici Le attuali etichette energetiche, che vanno da A +++ a G, gradualmente saranno del tutto sostituite da una scala che va invece da A a G. L’obiettivo è quello di agevolare i consumatori, cioè aiutarli a scegliere gli elettrodomestici senza dubbi circa il consumo energetico e la classe di appartenenza. Secondo diverse e recenti ricerche, l’85% dei cittadini europei guarda l’etichetta energetica al momento dell’acquisto dei prodotti, ma quelle finora utilizzate sono sempre risultate poco comprensibili e anzi fuorvianti. Il nuovo regolamento è stato approvato dal Parlamento europeo il 13 giugno 2017 e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale europea; le “vecchie” etichette verranno eliminate con gradualità e il processo dovrebbe concludersi nel giro di qualche anno. Alla Commissione europea spetta il compito di supportare le autorità di vigilanza del mercato e fornire ai consumatori informazioni aggiuntive sui prodotti, ma anche di elaborare le linee guida per l’applicazione del regolamento e le migliori pratiche da attuare per il test dei prodotti.