Incentivi ristrutturazione

Detrazioni per l'anno 2014

Per l'anno 2014, la legge prevede una detrazione fiscale del 50% in fase di dichiarazione dei redditi, per tutte le opere di ristrutturazione, sia ordinaria che straordinaria, effettuate dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014. L'importo detraibile deve essere applicato su una spesa massima di 96.000 euro e può essere ripartito su 10 anni. Dal 1 gennaio 2015, la detrazione fiscale scenderà al 40% su una spesa massima di 96.000 euro. Le detrazioni fiscali interessano tutte le opere di ristrutturazione ordinaria e straordinaria quali sostituzione pavimenti, rivestimento pareti, tinteggiatura pareti, installazione di ascensori, costruzione o rifacimento scale, demolizione e ricostruzione muri, sostituzione di infissi, installazione di muri o cancelli, sostituzione caldaie, solai, impianto elettrico o impianto idraulico ed eliminazione delle barriere architettoniche.
detrazioni fiscali 2014


Detrazioni per il rinnovamento energetico

ecobonus 2014 Per tutto l'anno 2014 è previsto un ecobonus, ossia una detrazione fiscale pari al 65% per tutti quei lavori che servono a migliorare il livello dell'efficienza energetica della propria abitazione. Possono usufruire della detrazione del 65% tutti coloro che hanno effettuato opere di riqualificazione energetica dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, suddivisibile in 10 anni in rate dello stesso importo. Dal 1 gennaio 2015, la detrazione fiscale prevista per questo tipo di interventi scenderà al 50%. L'importo massimo sul quale viene applicata la detrazione, varia a seconda del tipo di intervento effettuato: per gli interventi di riqualificazione energetica l'importo massimo concesso in detrazione è 153.846 euro, per gli interventi riguardanti gli involucri degli edifici l'importo è di 92.307 euro, per l'installazione di pannelli solari l'importo è di 92.307 euro e per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione l'importo è pari a 46.153 euro.

  • bagno con piastrelle in kerlite Quando dobbiamo rifare il bagno ma non vogliamo eliminare il preesistente possiamo pensare di rivestire le piastrelle e sovrapporle con alcune nuove.La possibilità è di utilizzare piastrelle a bas...
  • cartongesso gypsotech Fassa Bortolo si pone come punto di riferimento fondamentale per gli operatori del settore, con una gamma completa dalle malte agli intonaci premiscelati, dalle pitture ai rivestimenti colorati, dai m...
  • prodotti Fassa Bortolo Esistono soluzioni che risolvono un problema, altre in grado di offrire di più: nuove opportunità, scenari fino ad oggi soltanto immaginati.  E’ il valore aggiunto del Sistema Integrato Fassa Bortolo,...
  • progetto ristrutturazione villa longo Vi presentiamo il progetto di ristrutturazione di villa Longo, residenza unifamiliare edificata a San Vendemiano, in provincia di Treviso, negli anni Sessanta: un tipico edificio abitativo della pianu...


Detrazioni fiscali per arredamento ed elettrodomestici

detrazioni mobili 50% E' possibile portare in detrazione in fase di dichiarazione dei redditi, anche le spese sostenute per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, durante una ristrutturazione edilizia della propria abitazione. In questo caso, la detrazione fiscale prevista è pari al 50% su un tetto massimo di spesa di 10.000 euro. Per quanto riguarda l'arredo, la detrazione fiscale è rivolta a qualsiasi tipo di acquisto, a patto che sia destinato all'immobile che si sta ristrutturando. La lista completa dei mobili è consultabile sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Gli elettrodomestici invece, per usufruire della detrazione fiscale, devono possedere la classe energetica A+, indicata nell'etichetta in fase di acquisto. Rientrano tra i grandi elettrodomestici i frigoriferi, i forni, le lavatrici, i congelatori, le stufe elettriche, i ventilatori, i condizionatori, i forni a microonde, le lavastoviglie.


Incentivi ristrutturazione: Come ottenere le detrazioni fiscali

certificazione energetica Per poter usufruire delle detrazioni fiscali, occorre pagare le spese sostenute con bonifico bancario o bollettino postale, nel quale deve risultare la causale del versamento, il codice fiscale di colui che intende chiedere la detrazione e la partita iva del beneficiario del pagamento. Per poter usufruire dell'ecobonus, occorre avere inoltre, tre documenti specifici: l'attestato di certificazione energetica, una dichiarazione sulla conformità dei requisiti tecnici dell'intervento effettuato e la scheda dettagliata dei lavori effettuati. Questi tre documenti, devono essere trasmessi all'Enea entro 90 giorni dalla fine dei lavori. Infine, ricordate sempre di conservare tutti i documenti, comprese le ricevute di pagamento, fino al termine della detrazione.