La Redazione Consiglia

I migliori articoli su Arredamento.it

- 22 aprile 2011

Il progetto

Situato a Faedis, nel cuore del distretto artigianale della pietra piasentina, millimetri4 è un laboratorio artigiano di idee e progetti con al centro la pietra naturale.    Nato nel 2009 come spin-off della Rossi Marmi, marchio storico dell’estrazione e lavorazione della pietra piasentina, il progetto parte dalla volontà di valorizzare le potenzialità inespresse di questo materiale naturale, trovandone nuove applicazioni ed inaspettati utilizzi.    Quello che millimetri4 ha voluto introdurre è un cambio di approccio e di mentalità che riguarda tutti gli aspetti dell’attività, ma soprattutto il modo di concepire le superfici in pietra: non più semplici finiture del piano, ma sensazioni ed emozioni, colori e suggestioni che la superficie emana e trasmette.    La pietra piasentina non è vista solo come un materiale dal tradizionale utilizzo edile, per soglie e cordoli, bensì come un elemento decorativo che infonde emotività ed armonia, e che è in grado di creare un intimo dialogo con chi lo vive.  

Un nuovo approccio

Una piacevole e continua scoperta accompagna e distingue tutti i progetti di millimetri4, originali e di altissimo valore, espressione della qualità e dello stile nella ricerca.  L’inaspettato accostamento con altri materiali, quali il legno, l’acciaio, il corian o il vetro, sottolinea quanto la pietra piasentina sia un materiale dalle molteplici sfumature.    La tecnologia con cui i progetti vengono realizzati permette infatti una profonda e molteplice interazione con l’ambiente in cui la pietra è inserita, attraverso la trasmissione di calore, di luce, di suoni ed immagini.     Nuovi concetti di utilizzo   Le caratteristiche principali dei prodotti millimetri4 sono lo spessore minimo e il peso ridotto. Due attributi che ne rendono efficace l’impiego nelle finiture mobili e nel montaggio a secco, offrendo notevoli vantaggi nel riutilizzo delle componenti e nella facile dismissione. Gli scarti derivanti dal processo di squadratura, inoltre, possono essere utilizzati come “tessere di pietra” ed essere ricomposte in moduli standard. 

Sfoglia i cataloghi: