Pulizie di primavera

Pulizie approfondite

E’ consuetudine dopo il grande freddo dell’inverno, lustrare la casa a dovere ed effettuare tutte quelle pulizie che fino a poco tempo prima, abbiamo fatto solo sommariamente.

L'espressione pulizie di primavera, risale al linguaggio che usavano le nostre nonne e sta ad indicare quel periodo di tepore durante il quale solitamente, si riacquista l’energia necessaria per affrontare lavori domestici di una certa entità.

Bisogna quindi, intervenire sui mobili che vanno spostati dal muro, sui tappeti che vanno energicamente sbattuti, sulla pulizia di persiane e tapparelle ed è necessario passare una mano di vernice laddove occorre.

I lavori da portare a termine sono molti ed il tempo che si impiegherà sarà abbastanza lungo specialmente se siete meticolose ed amate le minuziosità.

La migliore scelta è quella di intervenire su una camera alla volta e in tal modo si eviterà di creare troppa confusione.

Create una lista cronologica dei lavori da effettuare nel vostro appartamento ed armatevi di pazienza e buona volontà.

pulizie


Come organizzarsi

pulizie L’organizzazione per cominciare le pulizie di primavera è la cosa basilare affinché tutto proceda nel migliore dei modi.

Munitevi di carta e penna e redigete una sorta di "scaletta" sulla quale scriverete da quale stanza iniziare e quali detersivi usare.

Procuratevi buste di cellophane nelle quali riporre indumenti che serviranno nelle prossime stagioni e altri contenitori nei quali collocare oggetti che andranno conservati in cantina o donati in beneficenza.

Avvaletevi dell’aiuto dei vostri familiari, il loro compito sarà quello di cestinare cose che non servono più e che occupano solo spazio.

I bambini potranno sistemare le loro scrivanie e svuotare i cassetti, liberandoli da fogli ed oggettini sfusi.

Procurate ai vostri piccoli tappi del detersivo o scatole di latta. Si riveleranno ottimi contenitori per riporre spille, nastrini, mollettoni, fermacarte e tutto quello che serve per la cancelleria ed il loro lavoro al computer, lo prenderanno come un gioco e saranno ben lieti di aiutarvi.

Acquistate nei negozi specializzati, detergenti adatti per ogni tipo di pulizia ed annotate sul foglietto, per quale stanza serviranno.

Cominciate dalle camere da letto, sono quelle che più delle altre durante l’inverno, hanno accumulato polvere che mentre prima appariva invisibile, adesso con l’allegra luce primaverile, compare all’improvviso come se fin ora avesse sonnecchiato.

Svuotate i cassetti e liberate gli armadi dagli indumenti, riponete questi ultimi prima ad arieggiare e poi riposti nei cellophane.

Con una pezzuola inumidita in acqua ed ammoniaca profumata, ripulite cassetti ed ogni angolo dell’armadio, poi asciugate tutto con una pelle di daino ed infine, lasciate i cassetti e le ante dell’armadio aperti per eliminare qualsiasi traccia di umidità.

Pulite i vetri e gli infissi con dell’acqua tiepida in cui avete mescolato un bicchiere di aceto caldo e poi asciugate con la pelle di daino o con un panno di cotone che non rilascia nippoli.

Spostate gli armadi, il comò ed i comodini dal muro lasciando uno spazio atto a poter eliminare con un pennello di piume, tutta la polvere che si è depositata durante la stagione invernale.

Con una scala eliminate anche la polvere sul tetto dell’armadio e passate sulla superficie, un panno intriso nell’acqua ed ammoniaca e poi ripassate con la pelle di daino.

Togliete le tende e lavatele con un detersivo delicato in lavatrice, eliminando la funzione della centrifuga poi riappendetele ancora bagnate e in questo modo, eviterete di stirarle.

Adesso, non vi resta da fare altro che effettuare il cambio stagione, mettendo nella parte alta dell’armadio, tutti gli indumenti pesanti e quei capi che userete solo nella stagione invernale.

Per ottimizzare lo spazio, procuratevi degli scatoloni che userete per conservare quelle cose che vengono utilizzate solo in determinate occasioni come borse di pelle, sciarpe o guanti.

Non dimenticate di catalogare le scatole per consentirne la loro identificazione e a tal fine, munitele di un pezzetto di carta gommata su cui scriverete il loro contenuto.

Passate infine ai pavimenti che andranno lucidati ed igienizzati alla perfezione utilizzando detergenti non aggressivi ma che siano in grado di pulire senza per questo aggredire la maiolica.

Con la punta del bastone, soffermatevi sugli angoli dove inevitabilmente si sono depositati piccoli accumuli di polvere.

Solo alla fine potete passare un’aspirapolvere o in mancanza di essa, una vecchia maglia di lana cosparsa di spray antipolvere per mobili.

  • pulire bagno Il bagno è il luogo della casa che maggiormente deve essere pulito ed igienizzato tutti i giorni dato che viene utilizzato in ogni momento da tutti i componenti della famiglia. Per pulirlo bene ed in ...
  • pulizie casa L'organizzazione in casa ci permette di avere una vita serena e felice.Le nostre vite che sono divise tra famiglia, lavoro, palestra, tempo libero, comportano un organizzazione del tempo raffinata; ...
  • formiche Arriva l’estate! Evviva..ma con lei arrivano in contemporanea un mare di fastidi tra cui, le odiate formiche.Graziosissimi insettini che si muovono in lunghe file, le formiche han la capacità di inf...
  • Consigli ad hoc per avere una casa ok Partiamo dal presupposto che, più scegliamo arredi puliti e semplici, magari sospesi, più faremo in fretta a riordinare, pulire, dare una “messa in quadro”.La scelta degli arredi per la zona giorno ...


Igienizzare bagni e cucina

pulizia cucina La cucina ed i bagni sono quegli ambienti che più vengono utilizzati durante il giorno ed è qui che bisogna effettuare un’accurata pulizia perché con la cottura dei cibi o con i vapori , si possono annidare germi che durano persistentemente.

Anche per queste aree, sono necessarie le pulizie di primavera anche se erroneamente, crediamo di avere un’igiene perfetta con le sole detersioni quotidiane.

L’ideale sarebbe l’uso di una macchina a vapore che senza adoperare detersivi, riesce a sciogliere lo sporco più ostinato e a combattere i germi ed i batteri.

Svuotate i mobili della cucina e ponete tutte le pentole ed eventuali utensili riposti nei cassetti, sul tavolo della cucina sapientemente ricoperto da una tovaglia.

Pulite l’interno dei cassetti con dello sgrassatore per superfici e dopo averli ben asciugati, foderateli con della carta adesiva trasparente quindi, riponete gli utensili da cucina e le attrezzature che vi servono ogni giorno come mestoli, cucchiai di legno, siringhe per dolci o cavatappi.

Fate la stessa operazione per l’interno dei mobili che conservano le stoviglie e se qualcuna di esse presenta eventuali macchie che hanno rovinato l’acciaio, non trascurate questo particolare ma strofinate con una crema apposita e lucidate le pentole prima di riporle.

Passate adesso al tubo del gas che ogni anno va cambiato per evitare che il metano possa fuoriuscire da piccole crepe ed incrinature della gomma del tubo.

Non dimenticate il frigorifero che va pulito e deterso in maniera ineccepibile perché con eventuali piccole cadute di cibo, si possono contaminare le aree dove conservate gli alimenti.

La sera prima di effettuate un’accurata pulizia, togliete la spina e permettete all’elettrodomestico di scongelare.

La mattina togliete i ripiani dal frigo e depositateli nel lavello e dopo aver irrorato per bene la superficie laterale dell’interno del frigorifero, mentre aspettate che lo sgrassatore agisca, occupatevi dei ripiani ed igienizzateli con del lisoformio.

Asciugateli perfettamente ed infine asciugate le pareti dell’elettrodomestico e ricollocate i ripiani al loro posto.

Pulite anche i cassetti che conservano i surgelati ed infine, pulite i portelloni del frigo che se sono di acciaio, vanno detersi con una crema apposita per essere lucidati.

In piccoli tappi di bottiglia, mettete del bicarbonato di sodio che collocherete negli angoli del frigo, agiranno come deodorante e cattureranno gli odori sgradevoli.

Le piastrelle della cucina vanno disinfettate con detergenti sgrassanti o con dell’acqua ed ammoniaca e non dimenticate di pulire il sottolavello che solitamente contiene oggetti che si adoperano saltuariamente o i detersivi che vengono utilizzati per il lavaggio quotidiano delle stoviglie.

Anche questo mobile va accuratamente rivestito di carta adesiva in plastica per evitare che eventuali perdite d’acqua o liquido, possano gonfiare il legno.

Per quanto riguarda la stanza da bagno, è necessario disinfettare non solo gli igienici ma tutti i componenti presenti nell’ambiente come per esempio le tende per la doccia, porta saponi, porta rotoli ed il contenitore degli spazzolini da denti.

Preparate nella vasca da bagno o in una bacinella di grosse dimensioni, una soluzione composta di acqua tiepida e candeggina ed immergetevi i contenitori dei saponi, dei dentrifici e della carta igienica. Lasciateli a bagno per una notte e finalmente saranno liberati da tutti i batteri presenti sulla loro superficie.

Se potete, mediante l’uso di una vaporella, dirigete il vapore sulle mattonelle specialmente tra le fughe di queste; vedrete sciogliersi immediatamente tutti i residui di calcare e le eventuali macchie di dentifricio o sporco in genere.

Anche il bagno necessita di un’accurata pulizia di tutti gli accessori e specialmente il cesto dei panni sporchi, va lavato e disinfettato perché è qui che i batteri stando a contatto con lo sporco, si annidano e si prolificano.


Pulizie di primavera: un soggiorno fresco e pulito

soggiorno Anche se non sembra, le cristalliere che contengono bicchieri, vassoi d’argento e tante altre piccole chincaglierie, sono soggette ai depositi di pulviscolo sebbene sembrino ermeticamente chiuse.

Le pulizie di primavera, vanno effettuate anche in questi mobili dove sono riposti elementi che usiamo veramente di rado.

Per non affaticarvi eccessivamente, ponete tutto ciò che è lavabile, in una grossa bacinella colma d’acqua e qualche goccia di detersivo per le stoviglie.

Immergete gli oggetti in questa soluzione e poi dopo circa un quarto d’ora, riprendeteli ed asciugateli con un panno di daino.

Nel frattempo dedicatevi alle mensole della cristalliera che andranno pulite e liberate dalla polvere e finalmente, potete riporre gli elementi che avete sciacquato sui ripiani.

Se possedete divani e poltrone in pelle, usate dei batuffoli di ovatta per pulirli.

Su di essi metterete una buona dose di latte detergente, proprio quello che utilizzate per la pulizia del viso. Il composto oltre a pulire ed eliminare lo sporco, nutre la pelle dei divani e delle poltrone e dona loro un’inaspettata lucentezza.

Se i divani sono invece di stoffa sfoderabile, levate i rivestimenti e lavateli in lavatrice avendo l’accortezza di stenderli ancora grondanti d’acqua così non si stropicceranno e sarà più facile stirarli.

I tavoli in cristallo andranno puliti con liquido per vetri o con un leggero composto di acqua e poi asciugati con un panno di lino.

Naturalmente nel salone ed in qualsiasi altra camera del vostro appartamento, dovete dedicare parte delle pulizie ai lampadari che nel caso fossero composti da gocce, userete un trucchetto facile facile per non romperne nemmeno una.

Attaccato al lampadario, posizionerete un ombrello aperto in modo che se una goccia dovesse cadere, andrà a finire nell’incavo dell’ombrello e potrete recuperarla.

Alla fine, dopo tanto lavoro, vi troverete in un ambiente sano e pulito e vi sentirete gratificate enormemente.