Riciclo creativo plastica: idee per la casa e per l’outdoor

Riciclare plastica

Riciclo creativo plastica: un’attività che può tradursi in moltissime idee per la casa e anche per gli spazi esterni. Un’attività che fa bene allo spirito, tra l’altro. E che risulta davvero alla portata di tutti. La materia prima, del resto, non manca mai. Fermatevi un secondo a riflettere e realizzerete che siamo continuamente circondati, fra le mura domestiche, di plastica. Ci sono le bottiglie, innanzi tutto. Quelle dell’acqua, dell’olio, delle bibite di ogni tipo. Ma ci sono anche i vasetti dello yogurt, le posate, i piatti, i bicchieri. I contenitori di detergenti per la persona e per gli ambienti. Un elenco che diventa decisamente lungo, se fatto con attenzione. Ecco, tutti questi oggetti hanno potenzialmente una seconda vita. E diventano pure un modo per risparmiare, al contempo tramutandosi in oggetti decorativi e complementi di arredo. Prendiamo i cucchiaini, per esempio. Ebbene, con i cucchiaini di plastica colorati si possono realizzare lampadari, lampade da tavolo, vasi, fiori, oppure cornici per specchi e orologi da parete (come nella foto). Per quest’ultima idea occorrono un cartoncino, colla a caldo, nastro adesivo. Sul cartone va disegnato un cerchio che abbia un diametro almeno doppio rispetto a quello dell’orologio, il quale poi deve essere appoggiato al centro per tracciarne la sagoma e poi tolto. A questo punto bisogna incollare i cucchiaini, dopo averli privati del manico (basta tagliare con una forbice): prima si porta a termine il primo giro, poi si procede col secondo e così via. Se necessario, quelli più nascosti si fissano meglio con un po’ di nastro adesivo.
Riciclare plastica


Riciclo creativo plastica: bottiglie

Riciclo creativo plastica: bottiglie Le bottiglie sono protagoniste indiscusse del riciclo creativo plastica. E, per quanto riguarda l’outdoor, le idee si traducono in risultati decisamente d’effetto. Siete amanti del verde ma non disponete di grandi spazi? Ebbene, con le bottiglie di plastica potete realizzare un vero e proprio giardino e/o un orto verticale: è possibile coltivare piantine ornamentali, erbe aromatiche e officinali, ma anche ortaggi di dimensioni contenute come il lattughino e gli spinaci. In tutti i casi, meglio scegliere specie con radici poco profonde, evitando dunque bulbi e tuberi. Con il taglierino si divide ogni bottiglia a metà, proprio come vedete nella foto. La parte superiore, quella cioè col tappo, va capovolta e poi riempita di terra. Sui due lati si praticano dei forellini da cui poi passerà un filo di ferro, formando così una sorta di gancio grazie al quale le bottiglie saranno appese al muro. La fase finale consiste con il trapianto ed è importante non rompere le radici e individuare le zone in cui l’esposizione del sole non risulti eccessiva. Con le bottiglie di plastica si possono anche realizzare portapenne, piccoli oggetti ornamentali e giocattolini per bambini, persino pattern per la pittura creativa. Un consiglio? Rompere ogni indugio e mettersi alla prova: non c’è nulla da perdere!

  • cucina bianca stosa in legno Abbiamo ereditato una vecchia cucina in legno dalla nonna e non sappiamo cosa farne: la soluzione è dedicarsi al fai da te per dare vita a un arredo unico.Come sappiamo le cucine di un tempo erano...
  • Oggettistica per la casa Quando parliamo di oggettistica per la casa parliamo davvero di moltissime cose: parliamo infatti di piccoli oggetti, di soprammobili, di piccoli utensili, di centrotavola, di svariati oggetti che non...
  • sticker murali bambini Molto spesso quando s’incomincia ad arredare la cameretta dei più piccoli, si acquistano arredi poco per volta, e la sensazione che si ha è quella di un ambiente completo ma spoglio.Questo perché ma...
  • cameretta da bimbo con pareti decorate La cameretta dei nostri bambini deve essere un posto magico e incantato, creato per loro e capace di accoglierli in ogni momento della giornata. E' infatti il luogo in cui giocano con gli amici e dove...


Riciclo creativo tappi di plastica

Riciclo creativo tappi di plastica Riciclo creativo plastica: anche i tappi delle bottiglie hanno notevoli capacità trasformiste. Armandosi di colla e/o filo si possono creare tovagliette, tendine, abat-jour. Si possono decorare sedie, tavolini, lampade da tavolo e lampadari da soffitto. Se siete alle primissime armi, vi suggeriamo di cimentarvi con la realizzazione di sottobicchieri e sottopentole, per prendere familiarità con questo tipo di attività e successivamente alzare il tiro. Occorre fissare i tappi su cartoncini della misura desiderata e poi fissarli servendosi della colla a caldo. La disposizione lasciate che venga suggerita dalla vostra fantasia (a rombo, circolare, quadrata) e lo stesso dicasi per gli accostamenti di colori. E’ importante, naturalmente, che i tappi abbiano la stessa altezza. Dopo averli sistemati, bisogna soltanto attendere che la colla si asciughi; e la tavola potrà giovare di questo tocco di originalità. A proposito di tavola, ecco in foto un’altra splendida idea: fiorellini decorativi fatti soltanto di tappi. I più grandi fungono da base e si bucano al centro in modo da “agganciare” il filo di ferro ovvero lo stelo. Si consiglia di attorcigliarlo, in modo da aumentarne lo spessore e dunque la resistenza. Lungo lo stelo si possono appendere (sempre facendo dei piccoli buchi) dei tappi verdi che facciano da foglioline. Infine, altri tappi per i petali.


Riciclo creativo plastica: idee per la casa e per l’outdoor: Riciclo creativo con plastica

Riciclo creativo con plastica Continuiamo a scoprire le meraviglie che possono derivare dal riciclo creativo della plastica. Sapete che con i bicchieri si realizzano originalissimi e coloratissimi fiori, magari da sistemare proprio sul davanzale oppure in salotto? Il procedimento è al limite del banale. Bisogna tagliare i bicchieri in senso verticale, fino alla base, dando così forma a diverse strisce (ovvero i petali) e piegandoli leggermente verso l’esterno. La base fa da pistillo, invece. Ed è possibile decorarla incollando dei glitter oppure altri pezzetti di plastica o, ancora, i tappi delle bottiglie. Oppure del cotone idrofilo tinto di un colore diverso rispetto al bicchiere stesso. Sotto la base si applicano stecchini da spiedini per fare il gambo. Se si preferisce, va bene anche il filo di ferro. E a questo punto non resta che individuare la collocazione migliore!