Sotituzione caldaia, guida alla scelta

Cambiare la caldaia

Con l’arrivo della stagione fredda, oltre al cambio dell’armadio, uno dei primi pensieri che tutti noi dobbiamo affrontare è il collaudo della caldaia, preziosa alleata per vivere confortevolmente nella propria abitazione. In alcuni casi si tratta di un semplice controllo da parte dell’idraulico, ma prima o poi, con gli anni o con l’usura, arriva il momento della sostituzione della caldaia. Arrivata al decennio di vita, quest’ultima non è più affidabile, raggiunge consumi molto elevati (che si traducono in costi più alti in bolletta), va controllata più spesso e la manutenzione diventa sempre più impegnativa. Per i più sfortunati la sostituzione può derivare anche da un difetto irreparabile della stessa, o dall’ammodernamento di impianti ormai vecchi o addirittura non più a norma di legge.
Cambiare la caldaia

Vemer VE456000 Iride Cronotermostato ad incasso touch screen settimanale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 76,3€


Caldaia da cambiare

Caldaia da cambiare Una volta appurato che la sostituzione della caldaia è ormai inderogabile, bisogna capire i parametri da seguire per trovarne una nuova, la più adatta alle nostre esigenze. Come scegliere tra le proposte e i vari modelli presenti sul mercato? Le principali caratteristiche a cui dobbiamo prestare attenzione quando compriamo una caldaia, sono due: l’alimentazione (metano, pellet, gpl ecc..) e la tipologia di funzionamento (tradizionale, a condensazione ecc.). Un aiuto per la scelta, viene dato anche dalle caratteristiche dell’ambiente per cui la caldaia dovrà lavorare: ambienti spaziosi o non, semplice produzione di acqua calda o anche riscaldamento. Infine manca solo la scelta del marchio, che spesso viene consigliato dall’azienda che invia l’idraulico a casa per l’installazione del prodotto.

  • impianto solare termico atag L’evoluzione della tecnica per una più razionale produzione e distribuzione del calore e le necessità, sempre più attuali, del risparmio energetico e della sicurezza hanno portato ad una radicale modi...
  • condizionatori samsung Samsung Electronics Italia presenta Samsung Eco Heating System (EHS), un sistema ad alta efficienza che in un’unica soluzione permette di climatizzare la casa tutto l’anno utilizzando...
  • Col termine “impianto termico” si definisce sia l’impianto di condomini o fabbricati plurifamiliari, sia le caldaie autonome. La legge 10/1991 specifica l’obbligo di c...
  • climatizzatore Il 12 luglio 2013 è entrato in vigore il Dpr 74/2013 che completa il recepimento della Direttiva 2002/91/CE, per la parte riguardante le norme per esercizio e manutenzione degli impianti termici all’i...

Ferroli Domicompact Optimax Manometro 39818210

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,08€


Caldaia a condensazione

Caldaia a condensazione Ad oggi la soluzione più ottimale in fatto di prestazioni è la caldaia a condensazione. Il nome deriva dalla sua principale caratteristica, in quanto raffredda i gas di scarico prima che vengano emessi nel camino facendo condensare il vapore in essi contenuto. Così viene recuperato un po’ di calore che verrà di nuovo mandato nell’impianto di riscaldamento. La caldaia farà consumare meno gas, un risparmio per noi (circa 20% annuo) e un aiuto per la salute dell’ambiente. La sostituzione della caldaia vecchia con quella a condensazione implica però certe modifiche nell’impianto della canna fumaria: andrà aggiunto un tubo di scarico per la condensa che la caldaia crea durante il funzionamento e sarà da controllare la qualità dei materiali, perché i tubi devono essere d’acciaio con guarnizioni che reggano la pressione dei fumi.


Sotituzione caldaia, guida alla scelta: Cambio caldaia detrazione 50

Cambio caldaia detrazione 50 Visto l’impegno economico che comporta la sostituzione della caldaia, già da qualche anno è possibile avvalersi di interessanti detrazioni fiscali; Queste sono ancora assicurate fino al 31 dicembre dalla manovra finanziaria 2015 del Governo italiano e si suddividono in due possibilità di scelta da parte del cittadino. La prima si tratta di una detrazione fiscale del 50% per interventi di recupero del patrimonio edilizio, la seconda, sempre di una detrazione fiscale, ma del 65% per lavori di riqualificazione energetica. Nel primo caso, la detrazione viene prevista per la sostituzione della caldaia con una nuova, di qualsiasi tipo essa sia. Nel secondo, possono godere della detrazione coloro che installeranno una caldaia a condensazione o a biomassa. In entrambi i casi il recupero avverrà in dieci anni.