Sottotetto non abitabile: normative e requisiti

Come rendere abitabile un sottotetto che non lo è

Quando si dispone di spazio inutilizzato al di sotto alla copertura di casa si può pensare di renderlo abitabile mediante accurata riprogettazione del sottotetto

Utilizzare vani supplementari sotto la copertura permette di limitare lo sfruttamento del suolo urbano ottimizzando l’immobile: proprio per questo esistono norme che disciplinano questa modifica con differenze in base alla regione in cui è fatta. 

È possibile realizzare un innalzamento del tetto per portare a norma le altezze sottostanti garantendo inoltre rispetto delle normative per il risparmio energetico, che permetteranno di usufruire di sgravi fiscali dal 55 al 65%.

casa in sottotetto

Goldflex – Cuscino per GAMBE Multifunzione in MEMORY FOAM modello Mezzocilindro da VIAGGIO // Riduce le Tensioni Muscolari e Favorisce la Circolazione Sanguigna // ECOLOGICO, ANTI-ODORE // Rivestimento agli IONI D’ARGENTO Pure by HEIQ Antibatterico ed Antiacaro con Cerniera SFODERABILE e LAVABILE // Lo puoi Usare a CASA o in VIAGGIO >>> CERTIFICATO Dispositivo Medico a Marchio CE Detraibile Fiscalmente come Spesa Medica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29€
(Risparmi 44€)


Requisiti per rendere un sottotetto abitabile

Sottotetto Abitabile I requisiti per trasformare il sottotetto in abitazione sono inerenti a precisi parametri inerenti le altezze minime, l’illuminazione naturale e l’aerazione del locale.

Il primo vincolo per la trasformazione di un sottotetto non abitabile riguarda i rapporti aeroilluminanti: la superficie finestrata deve essere almeno 1/8 della superficie calpestabile per garantire adeguata luce all’interno e corretto ricambio di aria.

Riguardo alle altezze minime per il sottotetto ogni regione sancisce una propria normativa: l’altezza media ponderale è quella che definisce la misura ed è data da una media tra le varie altezze del soffitto. Di sotto a una certa altezza si dichiara lo spazio non calpestabile e deve essere quindi chiuso: ad esempio in Lombardia quest’altezza corrisponde a 1,5 metri.

  • mansarda arredata In una casa lo spazio a disposizione è sempre troppo poco, anche quando le superficie sono davvero ampie: molto spesso infatti, sono i grandi spazi a farci mancare ambienti che riteniamo necessari, ab...
  • recupero sottotetto notte Il recupero sottotetto è un intervento di riqualificazione edilizia che permette di avere un ulteriore spazio abitativo ottimizzando il patrimonio immobiliare presente limitando l’occupazione di suolo...
  • Come progettare una mansarda La mansarda è una casa o una parte di essa particolare dato che viene ricavata nel sottotetto e presenta dei punti in cui il soffitto è molto basso. In passato le mansarde erano delle semplici soffitt...
  • mansarda Lo spazio che si classifica tra l’ultimo solaio calpestabile e la copertura di un edificio è definito tecnicamente sottotetto chiamato anche mansarda.Il sottotetto è una parte davvero caratteristi...

Materasso per culla 55x125 alto 12 Cm Sfoderabile Singolo in Water Foam con Dispositivo Medico ortopedico e rivestito con guscio anallergico ed antiacaro in Aloe Vera ideale per lettino singolo e culla bambino, materasso per lettino bambini con lastra in waterfoam da 10 Cm, Materasso Lupin Baby

Prezzo: in offerta su Amazon a: 52,9€


Sottotetto non abitabile: normative e requisiti: Consigli per il recupero edilizio

arredare la mansarda Per recuperare un sottotetto non abitabile è importante garantire che l’altezza media ponderale sia rispettata: nel caso in cui non lo sia, è possibile richiedere una modifica delle altezze sopraelevando la copertura.

Una possibilità alternativa è quella di impiegare soluzioni finestrate apribili, in linea con le normative energetiche, al posto della copertura per incrementare l’altezza utile: è importante prima assicurarsi della possibilità di realizzazione mediante richiesta scritta al comune, soprattutto all’interno di centri storici.

Se invece l’altezza minima è rispettata, è importante evitare di alzare troppo il pavimento mediante il rifacimento: l’utilizzo di autolivellanti e piastrelle a bassissimi spessori come ad esempio quelle in Kerlite, materiale sottilissimo dello spessore di qualche millimetro, molto resistente permetteranno di realizzare spessori minimi per i rivestimenti a terra.

Prima foto: sottotetto all’ultimo piano di un palazzo del centro di Malmo, in Svezia