Stelle di Natale: come averne cura

La pianta da interni che ricorda il Natale

Quando si avvicinano le festività natalizie le Stelle di Natale fanno il loro ingresso nelle case, colorando gli ambienti e vivacizzando il salone come un addobbo di fine anno delicato e allegro. Pianta da interni dal colore rosso, rosa o giallo a seconda delle specie, è anche detta poinsettia e necessita di alcune cure perché la fioritura, periodo in cui la pianta esplode in tutta la sua grazia, duri a lungo. 

Spesso acquistata in occasione di raccolte fondi a scopo umanitario e sociale, questa pianta appare intorno ai primi dicembre ma capita spesso che a causa dell'incuria, ma anche per la sua delicatezza, non superi la stagione invernale. La coltivazione della pianta comincia all'inizio di settembre e la fioritura avviene intorno alla fine dell'anno, motivo per il quale le piante in vendita sotto le feste natalizie sono tanto rigogliose. Per avere cura delle Stelle di Natale è consigliabile che stiano in camere caratterizzate da una temperatura che va dai 14 ai 21 gradi, ben illuminate, anche se la pianta non deve essere esposta alla luce solare diretta. 

Gli sbalzi termici, come le correnti d'aria, possono influire molto sulla sua buona salute per cui è bene che la pianta non stia troppo vicina a finestre che si aprono spesso. Dopo la fioritura può essere posizionata in una stanza dalla temperatura moderata tendente al freddo per poi spostarla fuori su un balcone o in terrazza durante i mesi primaverili ed estivi.


Fioritura, innaffiatura, cure quotidiane della Stella di Natale

La pianta che racconta il Natale può vivere tutto l'anno se si presta qualche accortezza: può essere potata e rinvasata per permettere successivamente una nuova fioritura. Per prendersi cura delle Stelle di Natale è opportuno innaffiarle di frequente ma mai abbondantemente, facendo attenzione a non lasciare depositi d'acqua nei sottovasi perché questa pianta sopporta abbastanza poco i ristagni. In caso di eccessive irrorazioni le radici e gli steli potrebbero marcire, ma utilizzando la giusta dose giornaliera, acqua di preferenza non calcarea e a temperatura ambiente la Stella di Natale resterà in salute. 

Per mantenere il giusto livello di umidità in ambienti secchi si possono nebulizzare le foglie di tanto in tanto o anche porre uno strato di biglie d'argilla espansa sul fondo del vaso, perché si tratta comunque di piante tropicali che però non reggono i ristagni d'acqua. Quando la pianta è in fioritura è raccomandabile non aggiungere concimi ma solo una volta al mese una soluzione nutritiva da somministrare durante l'innaffiatura. Durante i mesi invernali è bene fare attenzione a quei parassiti chiamati mosche bianche che infestano gli appartamenti proprio in quel periodo, pericolosi per una pianta tanto delicata come questa.

  • stelle di Natale Rossa, bianca, crema, rosa o rosata, la stella di Natale appartiene all’iconografia del Natale tanto quanto gli alberi addobbati, le candele e i regali per amici e parenti. Queste piane stupende confe...
  • albero di natale fai da te Il Natale è magico e addobbare un albero di Natale è una delle cose più divertenti e fantasiose di questo periodo. Ci sono molti modi per farlo e basta usare inventiva per ottenere un risultato che la...
  • coppia con albero di natale bianco L' albero di Natale bianco, colorato come la neve che tutti ci aspettiamo di vedere fuori dalla finestra il giorno di Natale e candido come lo spirito delle feste e dei bambini che gioiscono alla vist...
  • tavola di natale Natale si avvicina e con lui i pranzi e i cenoni della vigilia e di Santo Stefano. In questa occasione, per rendere ancor più magica l'atmosfera dopo lo scambio dei regali, possiamo preparare la tavol...


Stelle di Natale: come averne cura: Rimedi in caso di perdita delle foglie

La perdita delle foglie è uno dei sintomi di una cattiva cura delle stelle di Natale e capire la ragione di questa reazione del vegetale aiuta ad intervenire tempestivamente. Tra le cause della perdita delle foglie combinata con un ingiallimento possono essere il freddo e dosi troppo abbondanti d'acqua. E' possibile che le radici siano la zona più colpita: in caso di spostamenti in zone esterne è bene coprire adeguatamente la pianta per metterla in una stanza dalla giusta temperatura, innaffiarla ogni due giorni con moderate quantità d'acqua tiepida dando sempre un'occhiata ai sottovasi che devono restare completamente asciutti.

Se la poinsettia perde le foglie senza ingiallire, la causa può risiedere in un'esposizione diretta ai raggi del sole, a una fonte di calore secco o eccessivo o anche a una corrente d'aria. L'ideale in questi casi è allontanare la pianta dalla finestra o porla dietro le tende, lontano dalla luce diretta e sufficientemente protetta. Può capitare che la pianta perda le foglie e al tempo stesso queste ultime abbiano un aspetto sensibilmente brunito: in questo caso la pianta manca d'acqua o va nutrita con una soluzione leggera. In seguito a regolari innaffiature le foglie torneranno vitali.

Se dopo la fioritura le foglie impallidiscono e i bordi divengono bruni si potrà utilizzare una soluzione arricchita solubile in acqua. In genere, quando la pianta comincia a perdere foglie non ne spuntano di nuove e una volta divenuta completamente spoglia non c'è altro da fare che acquistarne una nuova.