Stucco per legno, come impiegarlo nel modo corretto

Stucco per legno

Lo stucco per legno è un materiale che solitamente si presenta sotto forma di pasta cremosa, disponibile in confezioni dal peso variabile. Esso si può reperire nei negozi specializzati per la cura del legno, nei centri dedicati al bricolage e spesso nei comuni negozi di ferramenta. Lo stucco per legno si presenta in confezioni variabili da un minimo di 125 gr fino a grosse confezioni da 1 o 2 kg, ideali per lo svolgimento di opere più importanti, I colori disponibili sono molti e comprendono sia le varianti di legno presenti in natura, che proposte 'artificiali'. L'aspetto interessante dello stucco da legno si incontra nella sua possibilità di essere miscelato, dando vita alla sfumatura richiesta in modo semplice ed efficace. Durante la fase di acquisto è buona norma portare con se l'oggetto da trattare, oppure un pezzetto di legno della superficie che deve essere lavorata. In questo modo si può scegliere la tonalità perfetta per eseguire il lavoro in totale sicurezza, senza paura di effettuare stacchi cromatici.
stucco per legno


Stucco legno

stucco legno Lo stucco per legno serve infatti a ristrutturare porzioni di legno danneggiate o meritevoli di essere 'rimesse a nuovo'. La pasta dello stucco riesce ad adattarsi perfettamente alla base lignea, completandola e rinnovandola nelle sue parti danneggiate. Porzioni di parquet, elementi di arredo e oggetti di uso comune, possono così essere riparati o restaurati in modo semplice, tornando a ad essere perfettamente utilizzabili. Lo stucco per legno è un prodotto inodore e non necessita di essere diluito con particolari solventi. La sua stesura avviene attraverso le apposite spatole e, nel caso di porzioni piccole, può essere applicato direttamente con le dita, senza mai dimenticarsi di indossare degli appositi guanti di protezione.

  • Le cause delle crepe nei muri Le crepe nei muri sono molto frequenti in quasi tutte le strutture degli edifici, anche di nuova costruzione. Si dividono in due tipi: le cosiddette crepe capillari e le crepe strutturali, le prime so...
  • stucco veneziano Nonostante il nome, lo stucco veneziano non è un particolare tipo di intonaco ma una tecnica di applicazione di diversi strati di stucco per dare ai muri dalla superficie liscia un elegante effetto ma...


Preparazione stucco per legno

Preparazione stucco per legno Lo stucco per legno si presenta facile da applicare. Si può quasi affermare che la parte più complicata dell'operazione risieda nella scelta e nell'eventuale miscelazione degli stucchi di colore diverso, in quanto il procedimento seguente si presenta davvero elementare. Inizialmente la parte da trattare, sia essa una porzione di parquet oppure un particolare oggetto di legno, chiede di essere trattata con della carta da carteggio dalla granulosità fine. Grazie a questa pratica iniziale, si può livellare con semplicità la superficie da trattare, eliminando eventuali depositi e sedimenti e rendendo la base di applicazione omogenea. Una volta levigata, la base deve essere accuratamente pulita dalla polvere in eccesso e presentarsi ben asciutta.


Stuccare legno

Stuccare legno Completata l'iniziale preparazione si può procedere con la stesura dello stucco per legno, prelevando il prodotto dall'apposita confezione e procedendo secondo le esigenze di impiego. Una volta conclusa l'applicazione, si deve attendere che lo stucco acsiughi, seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate nella confezione.

Ogni marca prevede delle tempistiche diverse, ma nella media il tempo di asciugatura si aggira attorno alle tre ore. Non è sbagliato lasciare che il prodotto asciughi per più tempo, soprattutto se si risiede in aree geografiche umide e ricche di acqua.

Va inoltre considerato che il legno è un materiale molto poroso e, se si stanno trattando superfici particolarmente secche, potrebbero essere necessarie più stesure del prodotto. Da una stesura all'altra, lo stucco applicato deve presentarsi perfettamente asciutto e, per assicurasi che ciò avvenga, è sufficiente incidere la superficie trattata con il polpastrello delle dita.

Se non si formano solchi il prodotto è da considerarsi asciutto e si può quindi procedere con la seconda o terza stesura.


Stucco per legno fai da te

Stucco per legno fai da te Una volta steso e lasciato asciugare perfettamente il prodotto, esso chiede di essere livellato e rifinito per ottenere un risultato perfetto.

Si può quindi procedere con una finale carteggiatura, ideale per smussare eventuali angoli, togliere eccessi di prodotto e definire in modo impeccabile l'opera appena compiuta.

Anche in questo caso è preferibile utilizzare della carta da carteggio a granulosità molto fine, per non rischiare un effetto troppo incisivo e poter operare con più minuzia.

Ora l'opera è quasi conclusa in quanto, se si desidera, l'elemento o la superficie possono essere verniciati con appositi prodotti, dedicati a rifinire e proteggere il legno nel corso del tempo. La verniciatura si presenta ideale soprattutto nel caso di sospetta presenza di insetti, quali le tarme del legno.

Nel caso di parquet antichi ristrutturati, travi a vista oppure porzioni di armadi, la verniciatura può proteggere l'elemento in modo ancor più incisivo, permettendone una durata più longeva e una protezione assolutamente più efficace. Un'ultimo consiglio risiede sulla conservazione della confezione in previsione di opere future. Soprattutto se lo stucco applicato è stato composto da più tonalità, sarà intelligente annotare sia la marca che i colori utilizzati, per risparmiare tempo ed energia qualora si riproponga la necessità di un'ulteriore applicazione.


Stucco per legno, come impiegarlo nel modo corretto: Stucco per legno colorato

Stucco per legno colorato Data la variabilità del colore del legno, data dal tipo di essenza e dall'esposizione più o meno prolungata alla luce, in commercio è possibile trovare tante tipologie differenti di stucco per legno colorato, che vanno dalle tonalità più chiare a quello più scure; naturalmente, come detto, il colore non dipende solo dall'essenza del legno, ma anche dell'esposizione prolungata alla luce solare, fattore che contribuisce a modificare in modo significativo il colore finale. Per questo, può essere necessario, utilizzare più stucchi di tonalità differenti, oppure, per chi ha una certa esperienza, preparare in autonomia lo stucco colorato con l'aggiunta di appositi coloranti, che, utilizzati gradualmente, permettono di raggiungere un tono molto simile a quello richiesto. C'è da dire che è bene ricordarsi, se si intende poi ricolorare tutto il manufatto, che lo stucco assorbirà il colore in modo differente rispetto al legno, quindi bisognerà prestare attenzione per ottenere un risultato accurato.