Arredare un terrazzo: come farlo in modo creativo

Arredo terrazzo

C’è chi lo desidera funzionale, chi sofisticato, chi effetto “nature”, chi all’insegna della privacy e chi semplicemente comodo e godibile… in altre parole, anche il terrazzo ha le sue pretese per quanto riguarda il look, e arredare un terrazzo è un’operazione molto importante per guadagnare un nuovo angolo in casa, quasi un ambiente in più per passare momenti di relax o di convivialità con parenti e conoscenti.


Se si dispone di spazio sufficiente è possibile sbizzarrirsi con un tavolo con relative sedute o un divanetto con poltroncine. Quando gli spazi sono ancora più rilevanti, si può ipotizzare anche un gazebo, come pure sedie a sdraio e lettini con ombrelloni e magari una vasca idromassaggio. I materiali disponibili sono vari, ma i più popolari sono legno, bambù, vimini, acciaio e alluminio.

In foto, poltroncina Cafè nella versione da esterno di Living Divani design Piero Lissoni, realizzata con struttura in tubolare d’acciaio inox 316 satinato; pannello sotto seduta in HPL stratificato bidecorato e incordatura con profilo in PVC nei colori a campionario. I cuscini sono in poliuretano espanso per esterni. Rivestimento in tessuto per esterno con cuscini interamente sfoderabili. Disponibile in diverse versioni, anche per ambienti interni.

arredare un terrazzo


Come arredare un terrazzo

Come arredare un terrazzo Se lo spazio disponibile è minimo, per arredare un terrazzo potrebbe bastare anche solo una poltroncina, una coppia di sedute e una tenda per riparare gli utenti dall’eccessiva irradiazione solare, come pure qualche faretto o applique per rinnovare l’illuminazione.
 Questi complementi d’arredo sono spesso innovativi e originali, ma il loro concept di fondo è rassicurante e per certi aspetti familiare, per cui si è spesso indotti a “osare” per questo ambiente. Sempre molto apprezzato è il teak, un’essenza eccezionale sia esteticamente, sia tecnicamente. Si tratta infatti di un materiale elegante e “caldo”, ma anche molto resistente agli shock termici e in particolare a umidità e salino, tipici degli ambienti marini. Presenta differenti varianti di finitura, tra cui quella decapata che dona un fascino tipicamente shabby chic o vintage.
Tuttavia recentemente sono molto graditi materiali ancora più resistenti e tecnici come l’acciaio verniciato, il PVC e ovviamente il poliuretano, quest’ultimo adatto per sedie spiritose e pratiche sul terrazzo, spesso pieghevoli o impilabili.

In foto, poltrona per esterni Club di Zanotta, caratterizzata dalla morfologia organica e accogliente della struttura, realizzata in acciaio verniciato e incordatura in filo di PVC con rinforzo interno di nylon di colore marrone. La poltrona Club si può munire di cuscinetto per la seduta, imbottito in poliuretano/Dacron Du Pont. La collezione è completata dal divano e dai modelli per interni, dotati di imbottitura in poliuretano schiumato autoestinguente a quote differenziate/Dacron Du Pont e di rivestimento esterno sfoderabile in tessuto o in pelle.


  • arredo terrazzo Quanti di voi vorrebbero avere un bel terrazzo in cui godersi le serate estive e invece si ritrovano con un mini-balcone di due metri? Non scoraggiatevi, sappiate che anche uno spazio così piccolo può...
  • Come arredare il terrazzo Prima di pensare a come arredare il terrazzo per godersi appieno l’estate, si consiglia di tinteggiare pareti e ringhiere: quest'ultime vanno trattate con l'antiruggine per una maggior durata nel temp...
  • Come arredare un terrazzo Avere un terrazzo significa disporre di uno spazio grande più o meno come una stanza e, quindi, arredarlo conferisce alla propria casa un valore aggiunto, soprattutto perché può diventare un luogo dov...


Arredamento terrazzo

Arredamento terrazzo Per arredare un terrazzo, mobili e decorazioni sono certamente da adattare in termini di stile alle dimensioni dello spazio disponibile, ma indicativamente aree ridotte prediligono un arredo per il terrazzo deciso ed elegante, come ad esempio un tavolino da caffè accompagnato da un paio di sedie, perché no? Colorate o trasparenti. Per gli amici è sempre meglio prevedere sedie pieghevoli o anche un pouf che potrebbe trasformarsi in una soluzione originale e indispensabile.
 Non devono mancare cuscini colorati sulle sedie mentre per le cene notturne bastano poche candele a rendere l’ambiente soffuso e suggestivo.


Se invece lo spazio è ampio, una soluzione fresca ed elegante per l’arredo terrazzo è il sofà “minimal” dai toni chiari come il crème o il bianco ghiaccio sul quale far risaltare cuscini rossi o celesti.
 L’illuminazione potrebbe includere lanterne cinesi o applique da parete ad illuminare gli angoli, a favore dunque di punti luce diffusi e neutrali.

In foto: Basket di Roda è una collezione versatile che si compone di divani modulari e tavolini. La struttura delle sedute è realizzata in acciaio inox verniciato con schienali in cinghie intrecciate in poliestere. Alle classiche versioni con struttura in acciaio inox verniciato smoke con cinghia grey e struttura milk con cinghia sand, si affianca la nuova finitura inox opaca la quale è abbinata ad uno schienale che alterna la cinghia color grey e sand. in foto è proposto il divano con schienale grey e struttura smoke.

A cura di Elena Marzorati


Arredo terrazzo

Arredo terrazzo Il tavolo è una presenza indispensabile in un terrazzo che si rispetti. Naturalmente le dimensioni dipendono dallo spazio disponibile, ma non fate l’errore di rinunciare a questo elemento di arredo che si rivela utile non solo per consumare pranzi e cene, ma anche per sorseggiare un buon the oppure organizzare un aperitivo casalingo con amici e parenti. Il tavolo è inoltre una versatile superficie di appoggio per libri, riviste, pc: perché, ad esempio, non utilizzarlo per lavorare all’aperto oppure per dedicarsi alla pratica di qualche hobby? Se il vostro terrazzo è sufficientemente ampio, puntate su un tavolo “importante” e di qualità; in alternativa scegliete uno dei tanti modelli allungabili in commercio oppure un tavolino che sia stato progettato nel segno della funzionalità (e quindi non risulti scomodo). In foto Play di Ethimo, tavolo dal carattere contemporaneo e dalle geometrie armoniose, realizzato in alluminio con gambe in fusione che assicurano una solida base d’appoggio, donando al tempo stesso slancio e leggerezza al disegno della struttura. La forza di Play sta nella possibilità di giocare con tutti gli aspetti che lo definiscono: le tante dimensioni che lo caratterizzano (100x100 cm; 150x150 cm, 100x200 cm; 100x274 cm) e la diversità dei materiali che compongono il piano (l’alluminio, il teak naturale o decapato e il gres effetto pietra). Una delle novità assolute è il piano in gres effetto pietra, una finitura inedita nelle collezioni Ethimo e straordinariamente resistente ai graffi e al calore. Le tonalità del piano sono ghiaccio e lavagna, utilizzabili tono su tono o a contrasto con la struttura. Nelle versioni interamente in alluminio il piano è dello stesso colore delle gambe, quindi interamente Warmwhite e Warmgrey.


Come allestire un terrazzo

Come allestire un terrazzo Uno dei piaceri strettamente collegati alla bella stagione è la possibilità di fare grigliate in compagnia. Di conseguenza aumenta il numero di persone che decidono di allestire il proprio terrazzo anche con un barbecue. I modelli disponibili in commercio sono numerosi, si va da quelli più essenziali e caratterizzati da dimensioni contenute a quelli che invece possono essere considerati arredi a tutti gli effetti e connotano l’ambiente dal punto di vista stilistico. In tutti i casi, i barbecue di qualità non presentano problemi relativi a fumo e cattivi odori, i meccanismi di funzionamento e le strutture sono frutto di una costante evoluzione e lo stesso dicasi per il design e i vari optional: il lato estetico è sempre integrato all’aspetto funzionale e alla praticità di utilizzo. In foto il barbecue Cube del marchio tedesco Hoefats, premiato con il Reddot award 2016 e il German design award 2017. Funge contemporaneamente da braciere, griglia e sgabello/tavolino; quando il fuoco è acceso si crea la suggestiva atmosfera data da un falò all’aria aperta. Leggero da trasportare e di grande praticità, Cube si spegne semplicemente girandolo, con il focolare che rimane sempre in equilibrio a causa della gravità.


Come arredare un balcone

Come arredare un balcone Sia nel terrazzo che nel balcone l’illuminazione è importante. Le incombenze giornaliere costringono a trascorrere molto tempo lontano da casa, e a ciò si aggiunge il fastidio derivante dalle alte temperature estive; il risultato è che spesso diventa possibile godere dei propri spazi esterni soltanto nelle ore serali. Di conseguenza occorre scegliere le giuste fonti di luce che consentano di soggiornare all’aperto anche quando il sole è ormai tramontato, chiacchierando liberamente o dedicandosi ad altre attività. Anche in tal caso l’innovazione tecnologia diventa un’irrinunciabile alleata: per poter usufruire di lampade da tavolo e lampade da terra non è più necessario disporre dell’elettricità. Inoltre molti apparecchi in commercio sono caratterizzati da un’estetica accattivante che aumenta il piacere di stare all’aria aperta. In foto la lampada Roxxane Leggera CL di Nimbus, completamente indipendente dalle prese di corrente grazie alla batteria ricaricabile a lunga durata (fino a cento ore). Grazie al sistema touchless di regolazione dell'intensità luminosa è possibile creare diverse atmosfere a seconda dei momenti e delle esigenze. Non è necessario ricaricare le batterie, basta avvicinare la lampada al supporto magnetico perché questa si connetta alla rete elettrica. Un "click" indica che il collegamento alla rete è avvenuto con successo. Anche disconnettere Roxxane Leggera CL al termine del processo di ricarica risulta semplice: occorre soltanto esercitare una leggera pressione con le dita sul supporto magnetico e sarà pronta per essere sollevata dalla postazione di ricarica.


Arredare un terrazzo: come farlo in modo creativo: Arredare il balcone

Arredare il balcone Anche il balcone può rappresentare un’oasi di relax: l’importante è arredarlo nel modo giusto. Se è molto ampio, non occorre fare particolari rinunce in tal senso. Se presenta invece dimensioni contenute è opportuno andare per esclusione, individuando cioè quegli elementi che possano offrire il giusto livello di comfort e contribuire alla creazione di atmosfere ad hoc. Le sedie sono indispensabili e in commercio ne esistono diverse impilabili che in fatto di estetica non hanno nulla da invidiare alle altre. Dopo averle utilizzate, è un attimo metterle una sopra l’altra sgombrando così nuovamente la superficie del balcone. I materiali più evoluti, inoltre, presentano una notevole resistenza all’azione degli agenti atmosferici che si traduce in una grande durata. In foto la sedia Piazza di Colos, design Jun Yasumoto. Impilabile, realizzata in monoscocca di polipropilene, trae ispirazione dalla tradizionale sedia da caffè anni 20. E’ disponibile nella variante con o senza braccioli. Dimensioni: altezza seduta 45,7 cm; altezza totale 78,6 cm; profondità 49,8 cm; larghezza 49,1 cm.