Calcare ferro da stiro

Pulire il ferro da stiro

Quando il ferro da stiro inizia a creare problemi e non svolge più in modo efficiente la funzione per la quale è stato acquistato, solitamente la cosa più frequente che avviene è la sua sostituzione con un nuovo modello, magari anche tecnologicamente più avanzato.

Funzioni moderne e all'avanguardia però a volte non sono un motivo sufficiente per decidere di cambiarlo. Non bisogna lasciarsi prendere dalla pigrizia, perchè molto spesso il rimedio per il calcare ferro da stiro esiste.

Se non si tratta di un problema di tipo elettrico, possiamo provare a risolvere noi stessi in casa la questione. Perciò, se al passaggio del ferro da stiro rimangono dei residui bianchi sui tessuti, oppure se non scorre più in modo fluido, armiamoci di pazienza e diamoci da fare per restituirgli efficienza e funzionalità. Operando a fondo qualche operazione di pulizia e manutenzione, riusciremo a farlo tornare come nuovo in poco tempo, oltre a risparmiare molti soldi per un eventuale nuovo acquisto che non sarebbe assolutamente giustificato.

In foto: Philips PerfectCare Azur

Ferro da stiro Philips


Come pulire il ferro da stiro dal calcare?

Ferro da stiro Rowenta Se amiamo il fai da te e abbiamo deciso di non buttare via il ferro che apparentemente sembra non funzioni più, allora dovremo dedicarci ad eliminare il calcare ferro da stiro.

Alcuni modelli di questo elettrodomestico così importante possiedono già un sistema di autopulitura del calcare, proprio perchè ormai è noto a tutti che questo è il primo inconveniente che si incontra con questo elettrodomestico.

Per questa manutenzione dovremo comunque assicuraci che non sia attaccato alla corrente elettrica, ma che soprattutto sia freddo. Iniziamo con il dedicarci alla piastra del ferro. Passiamo sopra ad un panno in cotone un prodotto specifico per questo genere di manutenzione, facilmente reperibile nei negozi specializzati.

Quindi trattiamo la piastra con il panno imbevuto di detergente. Poi accendiamo il ferro ad alta temperatura e passiamolo sul panno come se dovessimo stirarlo. Appena possibile stacchiamolo dalla corrente e puliamo via tutti i residui che si saranno sciolti con il calore. Se necessario, ripetiamo l'operazione più volte per poter eliminare del tutto ogni deposito di calcare che si è stratificato nei fori della piastra del ferro da stiro.

In foto: modello Rowenta con caldaia.

  • ferro da stiro Rowenta DW5110 Da quasi cent'anni Rowenta produce ferri da stiro. In realtà questo marchio era nato come manifattura di articoli in cuoio ma, nel volgere di pochi anni, si concentrò sulla fabbricazione di piccoli el...
  • Pulire il ferro da stiro Proprio perché il ferro da stiro è uno degli elettrodomestici più utilizzati la sua adeguata manutenzione è fondamentale per garantirne la durata nel tempo, la funzionalità, come pure le prestazioni...
  • ferro da stiro Al ritorno dalle vacanze abiti e biancheria si accumulano velocemente: stirare diventa una necessità, sebbene sia uno dei lavori domestici più faticosi e meno amati. L'Istituto della Sci...
  • come stirare Prima di iniziare a stirare un capo, osservatene l’etichetta che riporta le indicazioni su come stirarlo: le temperature consigliate e la necessità o meno di vapore. La stiratura deve essere fatta s...


Eliminare il calcare dal ferro da stiro con l'aceto

Ferro da stiro a vapore L'aceto è un componente fondamentale per la pulizia del calcare ferro da stiro.

E' un anticalcare molto potente e anche molto economico. Per questo motivo è da preferire ai tantissimi prodotti che vengono venduti al supermercato a prezzi superiori.

Non è necessario acquistare un aceto pregiato o di una qualità specifica, poichè comunque ricordiamoci che non dobbiamo utilizzarlo in cucina. Va benissimo anche quello più economico, magari del discount. Riscaldiamo in un pentolino un po' di aceto.

Versiamo in una bacinella l'aceto e del sale per creare una soluzione. Immergiamo una spugnetta e strizziamola. Passiamola quindi sulla piastra, dopo che ci saremo assicurati che sia completamente fredda. Strofinando bene la piastra, potremo riuscire a staccare ogni residuo di calcare dal ferro da stiro. Per finire asciughiamo la superficie con un panno, meglio se in cotone. In alternativa, possiamo utilizzare aceto puro senza sale. Avremo però bisogno anche di un tappo di sughero. Va benissimo anche uno di quelli comunemente usati per le bottiglie di vino o quello dello spumante. Immergiamo il tappo nell'aceto e passiamolo sulla piastra del ferro ancora leggermente calda.

In foto: Ferro da stiro a vapore Howell.


Come togliere il calcare dalla caldaia del ferro da stiro

Ferro da stiro a vapore Philips L'unico modo per togliere a fondo il calcare ferro da stiro dalla caldaia è pulire direttamente il serbatoio dell'acqua.

Possiamo passare giorni a strofinare la piastra, ma se non operiamo direttamente sulla caldaia è tutto perfettamente inutile.I depositi di calcare infatti non interessano solamente i fori posti sotto la piastra del ferro.

Quella è solo la punta dell'iceberg del problema! Infatti anche dentro la caldaia resta il calcare contenuto nell'acqua che usiamo per riempirlo. Per prevenire questo inconveniente possiamo utilizzare dell'acqua distillata, facilmente reperibile nei negozi di casalinghi. La troviamo venduta in piccole taniche di plastica ed è un'acqua trattata e quindi priva di ogni tipo di impurità, batteri e residui calcarei, al contrario dell'acqua corrente che comunemente esce dai rubinetti delle nostre case.

In foto: modello Philips.


La pulizia della caldaia del ferro da stiro a vapore

Ferro da stiro a vapore Imetec ZeroCalc Per pulire il calcare ferro da stiro a vapore dalla caldaia dobbiamo usare sempre l'aceto.

Non c'è anticalcare che regga il confronto con questo liquido, poichè l'aceto è la migliore scelta quando si deve combattere contro questo genere di depositi.

Il rimedio è abbastanza semplice e alla portata di tutti. Prepariamo una soluzione di acqua e aceto in parti uguali e mescoliamola bene. Versiamo questa miscela all'interno della caldaia del ferro a vapore e accendiamo il ferro a vapore attaccandolo alla corrente elettrica.

Aspettiamo che arrivi ad una temperatura abbastanza elevata e teniamolo acceso per circa quindici minuti, poi stacchiamolo e mettiamolo a raffreddare. Una volta raffreddato, togliamo completamente il liquido dal ferro e riempiamolo di nuovo, però stavolta solamente con acqua. Ripetiamo le operazioni già svolte in precedenza e otterremo una pulizia completa della caldaia del ferro da stiro a vapore.

In foto: Ferro da stiro Imetec ZeroCalc.


Pulizia ferro da stiro

Pulizia ferro da stiro Oltre alla soluzione di aceto e sale, un valido metodo naturale per pulire la piastra del ferro da stiro consiste nell’utilizzo del bicarbonato, che scioglie lo sporco e in più assorbe gli odori. Basta versare dell’acqua tiepida in una bacinella, aggiungere un cucchiaio di bicarbonato e, se si vuole, anche un cucchiaino di succo di limone oppure qualche goccia della propria essenza preferita. Si imbeve poi un panno e lo si passa, con una certa energia, sulla superficie della piastra. Se lo sporco risulta particolarmente resistente, potete creare una crema consistente a base di bicarbonato e acqua, spalmarla sulla zona da trattare e lasciarla agire per qualche minuto, per poi rimuoverla con un panno assorbente inumidito e asciugarla con un altro panno. Un rimedio della nonna che non perde efficacia è la cera di candela: occorre farla colare sulla piastra calda e poi toglierla con carta assorbente oppure con semplici fogli di giornale. Fate però attenzione a non scottarvi e badate che le gocce di cera non tappino i fori di erogazione del vapore (per sicurezza potete pulirli con del cotton fioc). Naturalmente esistono anche rimedi chimici per pulire la piastra del ferro da stiro: in commercio, per esempio, si trovano facilmente degli appositi stick che devono essere soltanto strofinato sulla parte in questione e poi rimossi con un panno asciutto. Sono efficaci, ma hanno un forte odore di ammoniaca che non per tutti risulta tollerabile. Provate anche con il comune detersivo per i piatti, sciogliendone una piccola quantità nell’acqua, passandola con una spugna e poi asciugandola con il solito panno. In pochi lo sanno, ma anche il dentifricio si rivela molto efficace, a patto di scegliere una pasta tradizionale e non un prodotto in gel, perché solo la pasta ha un effetto schiumogeno. La dose giusta? Pari a una moneta. Una raccomandazione: qualunque soluzione decidiate di adottare, non usate mai spugne abrasive. In foto il ferro da stiro Aquaspeed di Tefal.


Pulire caldaia ferro da stiro

Pulire caldaia ferro da stiro Con il passare del tempo il ferro da stiro con caldaia comincia ad accumulare calcare; se nella zona in cui si abita l’acqua è molto dura, la formazione di particelle di calcare avviene più velocemente. Tali particelle, se non rimosse tempestivamente, si accumulano e si solidificano, per poi fuoriuscire proprio grazie al vapore macchiando gli indumenti. Fermo restando che l’aceto è la soluzione più efficace in assoluto, si può scegliere di pulire la caldaia del ferro da stiro con gli appositi prodotti reperibili in commercio. Il procedimento è lo stesso per quasi tutti: si prepara la soluzione disincrostante rispettando le dosi indicate sull’etichetta, si mescola il tutto con cura, si fa riscaldare il ferro alla massima temperatura e quindi si stacca la spina. A questo punto occorre versare la soluzione preparata nel ferro e mettere quest’ultimo in posizione orizzontale sul fondo di un lavandino oppure in una bacinella di plastica, lasciando che eroghi vapore fino a svuotarsi del tutto. Se le incrostazioni appaiono molto ostinare è possibile ripetere l’operazione. Raggiunti risultati soddisfacenti, si svuota la caldaia e la si sciacqua più volte con acqua pulita, quindi si fa nuovamente riscaldare il ferro, si riempie la caldaia con sola acqua e di nuovo si eroga tutto il vapore in modo da pulire bene anche i condotti di erogazione. Si conclude risciacquando e asciugando la piastra. In foto Stirella VVX 1707 di DeLonghi.


Calcare ferro da stiro

Calcare ferro da stiro Il calcare è il nemico numero uno del ferro da stiro. Per questo motivo è importante pulire con regolarità sia la piastra che il serbatoio. Anche scegliere l’acqua più appropriata, però, è fondamentale: prevenire è meglio che curare, si sa. Suggeriamo quindi, innanzi tutto, di verificare il grado di durezza dell’acqua relativa alla zona in cui abitate; alcune acque possono essere versate nel ferro da stiro, altre decisamente no (soprattutto quelle delle zone costiere). La soluzione ottimale consiste comunque nell’utilizzo di acqua demineralizzata o, perlomeno, in un mix di acqua corrente e acqua demineralizzata. Va bene anche l’acqua distillata. Si sconsiglia invece vivamente di usare l’acqua profumata, l’acqua che si accumula dopo un lavaggio in lavatrice o che viene raccolta dai condizionatori e dai deumidificatori (tutti d’accordo sull’importanza del risparmio, ma a tutto c’è un limite e comunque così si rischia di danneggiare il ferro), l’acqua decalcificata chimicamente. Severamente vietato l’amido. La piastra del vostro ferro da stiro si sta arrugginendo? Tagliate a metà una patata, cospargetela di bicarbonato e strofinatela sulla superficie in questione. Poi asciugate con un panno. I risultati vi sorprenderanno. In foto il ferro da stiro modello TDA3028210 di Bosch.