Arredamento.it

Arredamento.it

Casa passiva Underhill House, la prima certificata

Casa passiva Underhill House, la prima certificata

- 13 dicembre 2010

Minimo impatto ambientale e visivo

Dow Building Solutions ha isolato la prima Casa Passiva certificata in Inghilterra. Underhill House, progetto pionieristico di eco sostenibilità, nato dall’idea dell’architetto Helen Seymour-Smith, ha dato vita ad una casa eco sostenibile che sorge in collina, sulle rovine di un fienile di 300 anni fa, situata in una zona di eccezionale bellezza naturale. La Casa Passiva è stata scavata nella collina ed è invisibile al paesaggio circostante così da garantire anche il minimo impatto ambientale e visivo.

Le peculiarità

La struttura è realizzata in calcestruzzo lasciato esposto internamente per sfruttare al meglio i vantaggi termici, ha una vetrata rivolta a sud, che aiuta l’accumulo di calore, ed è altamente isolata nel pavimento, tetto e nelle pareti grazie a STYROFOAMTM, FLOORMATE™ 300-A, ROOFMATE™ SL-A e PERIMATE™ DI-A. L’architetto ha scelto personalmente le lastre azzurre Dow in quanto "solo l’isolante in polistirene estruso ha il giusto livello di resistenza all’umidità e mantiene le prestazioni termiche per tutta la vita dell’edificio e STYROFOAM™ A è l'unico prodotto del suo genere nel Regno Unito con queste caratteristiche; è stata dunque la scelta perfetta". STYROFOAMTM, grazie alla sua capillarità nulla e alle eccellenti proprietà isolanti, è stato installato in Underhill House all’esterno della copertura impermeabile, riducendo al minimo la perdita di calore. FLOORMATE™ 300-A, per l’elevata resistenza all'umidità e per la sua resistenza alla compressione, è stato installato sotto il pavimento. Il tetto è stato isolato con le lastre ROOFMATETM SL-A, offrendo un minimo U-value di 0.097 W/m2K. I muri interrati e le fondamenta, infine, sono stati isolati con FLOORMATE™ e PERIMATE™ DI-A che presenta scanalature verticali per far defluire l’acqua.

Sfoglia i cataloghi: