Ecobookshop Valcucine. La cultura della sostenibilità

L' Eco bookshop

Valcucine rinnova il suo impegno per la salvaguardia dell’ambiente con un innovativo Eco Bookshop che apre in Corso Garibaldi 99 in Zona Brera, a Milano.

 

600 metri quadrati di libri per diffondere la cultura della sostenibilità che si propongono di diventare in breve tempo un punto di riferimento per architetti, designer e professionisti di ogni campo interessati ai temi dell’ecologia, della bioarchitettura e dell’etica applicata al contesto sociale e ambientale in cui viviamo.

eco book shop


Nuova idea di libreria

Libreria ecosostenibile Dalla Scomoda Verità di Al Gore al Breve Trattato sulla Decrescita Serena di Serge Latouche, dal Manifesto del Terzo Millennio di Gilles Clement a Ecological Urbanism di Mohsen Mostafavi, dalle Guerre dell’Acqua di Vandana Shiva alla Modernità Liquida di Zygmunt Bauman fino ad arrivare al Rapporto Ecomafia 2009 passando per le rime di Ungaretti, le riflessioni di Tiziano Terzani, i dialoghi filosofici del Piccolo Principe e i consigli del fondatore di Slow Food Carlo Petrini. Ad oggi, i titoli presenti tra gli scaffali dell’Eco Bookshop di Valcucine sono 700, ma sono destinati a diventare 2500 entro la fine dell’anno e non tutti parlano esplicitamente di sostenibilità.

 

“La nostra libreria è la prima a Milano specializzata in bioarchitettura e bioetica – dice l’AD di Valcucine Leandro Cappellotto – ma è impossibile separare il discorso sulla ecosostenibilità da quello sulla società in cui viviamo. Per questo l’Eco Bookshop di Valcucine ospita anche titoli e autori che, pur appartendo a discipline non strettamente “verdi”, esprimono quella stessa attenzione per il destino dell’uomo e del Pianeta che è la spinta fondamentale a cambiare la situazione attuale, a partire dalle nostre abitudini di consumo”. 

 

L’Eco Bookshop di Valcucine abbraccia una nuova idea di libreria che attira non solo chi va in cerca di libri, ma anche il visitatore che ha voglia di vivere un’esperienza multiforme incentrata sul tema della sostenibilità. Lo spazio, ospitato all’interno del flagship store Valcucine Milano | Brera, sarà infatti il palcoscenico di una serie d’incontri, dibattiti, seminari e convegni volti a promuovere e diffondere la cultura dell’ecosostenibilità a Milano e in Italia. Curiosando tra gli scaffali, i visitatori potranno inoltre osservare e testare da vicino una selezione dei mobili Valcucine, progettati nel pieno rispetto dell’ambiente, con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita di chi li acquista. 

 

“La responsabilità è figlia della conoscenza e la conoscenza è figlia dei libri – continua Leandro Cappellotto, AD di Valcucine – Partendo dai libri, ci piacerebbe che questo diventasse un luogo in cui gli addetti ai lavori (ingegneri, architetti, docenti universitari, designer ecc.) possano incontrarsi e scambiare idee e progetti. Poi toccherà a loro filtrare questa dose di “cultura della sostenibilità” e propagarla come un virus nel resto della società. Siamo consapevoli del fatto che ci vorrà del tempo prima che la conoscenza di certi processi diventi patrimonio comune, ma è importante dedicarle già da ora degli spazi e stimolarne la diffusione”.

  • piano cottura whirpool In una prospettiva futura, vuoi per l'attenzione alla spesa, vuoi per una sempre maggiore sensibilità nei confronti dell'ecologia, i consumatori adotteranno un comportamento sempre più accorto, che li...
  • biomobili Demode Valcucine La tendenza ormai diffusa a favore dell’eco-sostenibilità porta sempre più alla realizzazione di prodotti, denominati eco chic, ma completamente in antitesi con le possibilit&agrav...
  • Valcucine Laundry Per la donna la lavabiancheria ha senza dubbio costituito una vera rivoluzione, liberandola, dopo secoli, da ore e ore di quotidiana fatica. Tuttavia, con l’avvento di questa macchina, è andata pe...
  • cucina valcucine Il valore del made in Italy passa sicuramente attraverso la riscoperta di tradizioni e tecniche che ne hanno fatto la storia. Una volta il termine designer veniva identificato con l’“artista disegnato...


Ecobookshop Valcucine. La cultura della sostenibilità: Il BookCrossing

Sala lettura L’impegno di Valcucine nel campo dell’ecosostenibilità affonda le radici nella storia stessa dell’azienda di Pordenone, leader internazionale nella produzione e commercializzazione di cucine e complementi d’arredo. In anni in cui le tematiche ambientali erano ancora alla periferia delle strategie aziendali, Valcucine è stato pioniere della ricerca di una sinergia tra funzionalità, design innovativo e rispetto per l’ambiente. Questo fa sì che oggi, in un momento storico in cui le aziende manifatturiere si trovano costrette a convertirsi all’ecosostenibilità, Valcucine possa fare affidamento su un radicato know how in progettazione “verde”: dalla scelta di materiali riciclabili all’utilizzo razionale di energia e materie prime; dalla ricerca della qualità e della durata del prodotto alla riduzione delle emissioni in ciascuna delle fasi della sua lavorazione; dalla scomponibilità del prodotto alla fine del ciclo di vita alla sua riprogettazione per nuovi usi.

 

Grazie alla coerenza e alla costanza nell’applicazione della sua politica ambientale, Valcucine è stata la prima azienda di cucine ad ottenere la certificazione ambientale UNI EN ISO 14001. Inoltre, nel 1998 ha dato vita a Bioforest, un’associazione Onlus che si propone di promuovere una “nuova alleanza fra industria e ambiente”, basata sulla compatibilità tra sviluppo e salvaguardia ambientale, con programmi specifici in corso di svolgimento sia a livello locale, in provincia di Pordenone, che a livello globale, in Ecuador.

 

Senso di responsabilità più visione di business a lungo termine. I due ingredienti principali del successo di Valcucine sembrano confluire naturalmente nell’Eco Bookshop di Zona Brera, a Milano. La libreria ha deciso di inaugurare le sue attività con un’iniziativa di BookCrossing: durante il mese di Giugno, 50 testi verranno affidati gratuitamente ad altrettanti lettori, con una sola clausola: dopo averli letti, dovranno lasciarli in un luogo pubblico, a disposizione del prossimo lettore e della libera circolazione della cultura.