Guida all'installazione dei camini

Scegliere i camini

Per scegliere i camini più adatti alle nostre esigenze, bisogna innanzitutto stabilirne la collocazione. Il camino infatti, va posto dove c'è la possibilità di inserire la canna fumaria, quindi a ridosso di una parete, e possibilmente dove non ci sia la presenza di altri impianti a fiamme libere. Se si posizionano al centro di una stanza, il condotto che porta alla canna fumaria non deve superare i 45 gradi di angolazione per evitare un tiraggio del fumo inefficace. Un'altra scelta importante riguarda il tipo di utilizzo che se ne vuole fare. I camini classici solitamente non hanno la forza necessaria per riscaldare tutta la casa ma solo la zona dove vengono collocati. Alcuni modelli di camini, come ad esempio i termocamini, sono impianti capaci di sostituirsi completamente all'impianto tradizionale, producendo calore e acqua calda sanitaria. Anche la scelta stilistica è molto importante. A seconda del tipo di arredo che utilizziamo per la nostra casa possiamo scegliere il rivestimento che meglio si adatta tra le tante proposte presenti in commercio, facendo diventare il nostro camino un vero e proprio oggetto di design. Foto: http://www.dellapasqua.it
Esempio di camino

STUFA PELLET DUCHESSA STEEL BORDEAUX EXTRAFLAME

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1889,9€


Scaldare la casa con i camini

Camino classico Per scaldare la casa con i camini bisogna prima di tutto tenere in cosiderazione il fabbisogno energetico famigliare. Se il camino viene costruito per riscaldare solo la stanza di maggior utilizzo durante il giorno, la sua struttura verrà posizionata sulla parete designata per la canna fumaria e sarà solo di supporto all'impianto classico. Naturalmente questo permette di accendere l'impianto di riscaldamento solo nelle ore più fredde della notte, e quindi c'è un conseguente risparmio energetico. Diversamente, se si vuole sostuire completamente l'impianto di riscaldamento con il camino, bisogna predisporre una rete di canalizzazione con delle bocchette d'uscita, in modo che l'aria calda possa arrivare in ogni parte della casa. Con l'utilizzo di una caldaia integrata è possibile sfruttare questo tipo di impianto anche per produrre acqua calda sanitaria. I vantaggi di questa scelta sono innanzitutto ambientali, in quanto impianti a impatto e zero, e economici perchè, se pur più costoso il realizzo, permette di risparmiare circa il 50% del costo di bolletta di un impianto classico.

  •  camino Newport di Piazzetta Tra i possibili sistemi di riscaldamento per le nostre case, i camini e le stufe sono i più antichi, tornati oggi di moda sia per motivi estetici sia per una scelta consapevole, nel pieno rispetto del...
  • stufe e caminetti Camini e stufe. Un modo naturale e sano di riscaldarsi, che rispetta l’ambiente e la salute. I modelli attuali sono in grado di trasformarsi in un vero impianto di riscaldamento per intere abita...
  • Camini Antonio Lupi Dalla collaborazione di Antonio Lupi con il designer Domenico de Palo ed il maestro fumista Massimo Pistolesi nasce Il canto del Fuoco, un progetto  di Camini Antonio Lupi dalle forme e...
  • Camino a forma di scalino Fontana Forni presenta Horus: design di una collezione di focolari alimentati a bioetanolo, innovativa interpretazione del fuoco come elemento di arredo nel pieno rispetto dell’ambiente che...

La Nordica - Caminetto a Legna Inserto 60 Ventilato da 59,5cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 951,06€


Come fare l'installazione

Camino con canna fumaria a vista Vediamo in sintesi come fare l'installazione di un camino nella propria casa. Innanzitutto, se non si è esperti in opere murarie, è bene scegliere camini prefabbricati che sono i più comuni e facili da montare. La posa ovviamente va fatta in direzione della canna fumaria, dando alla cappa la giusta angolazione, che comunque non deve mai superare i 45 gradi, per permettere un corretto tiraggio dei fumi. Il camino va poi fissato al pavimento per mezzo di collanti specifici che resistano alle alte temperature o con i fischer che di solito sono presenti nel kit di montaggio dei camini prefabbricati. A questo punto bisogna collegare la cappa alla canna fumaria semplicemente appoggiando la stessa direttamente sul buco della parte alta, fissandola con malte atermiche che non permettano la fuoriscita di fumi. Infine si può personalizzare il camino con il tipo di rivestimento che meglio di adatta all'ambiente circostante utilizzando calcestruzzo o collanti.


Guida all'installazione dei camini: I prezzi dei camini

Rivestimento in ardesia Quali sono i criteri per stabilire i prezzi dei camini? Intanto l'opera muraria è il primo costo che bisogna tenere in considerazione. L'utilizzo di un professionista infatti, piuttosto che di un kit prefabbricato "fai da te", ottiene risultati migliori ma senz'altro più dispendiosi. Se si sceglie un termocamino con un impianto di canalizzazione il costo supera di gran lunga la costruzione di un camino classico, ma si ha la possibilità di recuperare il 50% del costo di realizzo grazie alle nuove leggi sul risparmio energetico. Il rivestimento esterno è un elemento molto importante per stabilire il prezzo di un camino. L'utilizzo di maioliche o pietra dura come ardesia e marmo, è mediamente più costoso rispetto al semplice acciaio o ai mattoni. Ovviamente la qualità del materiale utilizzato fa lievitare o meno il prezzo d'acquisto. Comunque quando si decide di installare un camino è sempre bene avere più di un preventivo per poter comparare i prezzi anche con eventuali kit "fai da te". Foto: http://www.clam.it